Sicilia palla al piede? No grazie! Liberiamo il piede dalla palla

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Gli Indipendentisti di lu Frunti Nazziunali Sicilianu, che pure hanno criticato e criticano la “politica” lombardiana, esprimono apprezzamento per la battuta finale del recente discorso in Aula con il quale Raffaele LOMBARDO ha formalizzato le proprie dimissioni dalla carica di Presidente della Regione Siciliana. La frase suona, sostanzialmente, così: “Se lo Stato ci considera una palla al piede, piuttosto che essere quotidianamente vituperati, è meglio staccarsi dal piede”!

Insomma: quando ci vuole, ci vuole!

Era doveroso un atto di dignità e di orgoglio. Ne diamo merito al Presidente uscente. L’FNS non dimentica, tuttavia, che la Sicilia ha anche NEMICI interni, al servizio di interessi estranei ed ostili alla Sicilia stessa.

Non dimentichiamo la MALA-POLITICA e la MALA-AMMINISTRAZIONE, i voti di scambio. Le lottizzazioni, eccetera eccetera. Non dimentichiamo i tentativi in corso di costituire la REGIONICCHIA Calabro-Sicula dello Stretto. Non dimentichiamo la cattiva intenzione di DIVIDERE la Sicilia in due o tre regionicchie. Non dimentichiamo il Ponte-Imbuto sullo Stretto di Messina. Non dimentichiamo che la Mafia e la “CULTURA” mafiosa non sono molto distanti dalla politica politicata. Non dimentichiamo che manca una strategia siciliana per l’economia siciliana. Non dimentichiamo l’ASCARISMO dilagante.

Non dimentichiamo, infine, che l’ANTISICILIA si mette spesso le vesti del Sicilianismo. Non dimentichiamo il ruolo dei “cavalli di TROIA”.

Non aggiungiamo altro. A buon intenditor…

A N T U D U !

‘U Sukritariu Pulitiku Nazziunali FNS – Pippu SCIANO’

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

4 Comments

  1. piero says:

    Bene. Buon viaggio. dichiarate l’indipendenza e siamo contenti tutti

    • rrusariu says:

      Magari!!!
      Il problema non è dichiarare indipendenza, ma è come mantenerla.

      Sono anch’io un siciliano indipendentista, ma vivo nella diaspora! Cioè in terre longobarde in seguito alla scelta dei miei genitori di emigrare.

      Il sig. Scianò, segretario dell’FNS è molto bravo nel saper scrivere. Ma una cosa ho mutuato dallo stare in Lombardia, alle cose dette deve seguire il fare. Io personalmente ho solo visto comunicati, dichiarazioni etc. etc…. ma la panza l’ha mai riempita a qualcuno?

      Non voglio essere polemico. Perchè onestamente vivendo fuori attualmente dalla Sicilia, non posso fare altrimenti. I progetti ci sono, ma ci vogliono le persone per portarli avanti e il sacrificio di tempo e danaro… soprattutto. Sennò non si canta messa e non si va da nessuna parte.

      Questo piccolo sfogo vale anche per tutti coloro che vogliono una patria lontani da Roma. Bisogna essere coscienti che se non ci si organizza economicamente sul territorio sarà dura aspettare che Roma crolli. Roma crollerà quando manderà i suoi lupi ad ululare, ma non spaventeranno nessuno e mestamente torneranno nelle tane dei parassiti che sbafano su mense di risorse statale e che man mano diventeranno più povere per tutti loro, e questi poveri lupi che aspettano le briciole che vengono passati a loro da famelici divoratori di risorse pubbliche.

      Un caro saluto al sig. Pippo, ma non c’è un picciotto che sappia prendere in mano l’Fns?

      Assà bbinirika!

      • Dan says:

        La panza la riempiono tutti, infatti non c’è niente di meglio che le parole per farlo: si guadagnano poltrone, privilegi e non si fa mai un cavolo di niente.
        Adesso la moda è quella di urlare indipendenza e secessione ogni cinque minuti e stupidi noi che crediamo veramente che questa volta seguiranno pure i fatti

        • mv1297 says:

          Gli stupidi di oggi, saranno i lungimiranti del domani. Forza, sia stupido anche Lei, ne vale la pena. Altrimenti continui a penare pensando di non essere stupido. Il tutto senza offendere, ma estrapolo le parole del Suo commento,

Leave a Comment