FNS: nell’Agenda Monti dimenticata la questione siciliana

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Alcuni giornalisti in Sicilia, – molto pochi per la verità, – hanno rilevato, con perspicacia e con correttezza professionale, che, nella tanto celebrata “AGENDA MONTI” sono state omesse le parole “SUD” e “MERIDIONE”, Mentre una sola volta compare la parola “MEZZOGIORNO”. Magra consolazione, quest’ultima, tantoppiù che il contesto nel quale è inserita la parola “MEZZOGIORNO”, – ci permettiamo di rilevare, – non fa alcun cenno a quelle che sono la “QUESTIONE MERIDIONALE” e la “QUESTIONE SICILIANA”. Due “QUESTIONI” che non sono certamente identiche ma che hanno molti punti di contatto, soprattutto quando si parla del divario NORD-SUD che caratterizza la vita dello Stato italiano, come conseguenza diretta della CONQUISTA DEL SUD avvenuta nel 1860 con i metodi e le finalità che ben conosciamo.

Ai giornalisti (per tutti, citiamo Domenico TEMPIO e Roberto CELLINI del quotidiano “LA SICILIA”) esprimiamo la nostra gratitudine per la presa di posizione nei confronti delle AMNESIE dell’AGENDA MONTI.

Per quanto riguarda la “QUESTIONE SICILIANA”, dobbiamo dire che questa viene ignorata e/o sottovalutata, non solo da MONTI e non solo oggi, dai personaggi istituzionali ad ogni livello, dai Movimenti, dai Partiti e dai gruppi di potere che si sono avvicendati nel Governo italiano dal 1860 ad oggi. E, quel che è peggio, la “QUESTIONE SICILIANA” viene ignorata e/o calpestata anche dai Partiti di Opposizione. Analoga considerazione va fatta, mutatis mutandis, per la “QUESTIONE MERIDIONALE”. Anche quando, come accade per tante formazioni sicilianiste e/o pseudo-sicilianiste, meridionaliste e/o pseudo-meridionaliste, i rappresentanti si riempiono la bocca (e non solo la bocca) con un Meridionalismo ed un Sicilianismo d’accatto, che non esclude l’ascarismo, la corruzione, la mafia, il tradimento, il galoppinaggio e tante altre “schifezze”, come quella dell’asservimento della SICILIA e del SUD ad interessi estranei ed ostili ai rispettivi Popoli, alle rispettive nazionalità.

Sì, perchè la “QUESTIONE SICILIANA” e la “QUESTIONE MERIDIONALE” non sono questioni sociali o sindacali. Sono QUESTIONI “NAZIONALI”. SONO QUESTIONI SCOTTANTI. Si tratta, infatti, delle condizioni di due Popoli, di due Nazioni, di due ex-Stati, fiorenti, progrediti e ricchi prima dell’annessione allo Stato Sabaudo-Italiano. E ridotti in COLONIA di sfruttamento dopo la “conquista”,  ed a causa della conquista, ANGLO-SABAUDO-GARIBALDINA-MERCENARIA-MAFIOSA e CAMORRISTICA del 1860. Una CONDIZIONE COLONIALE, la nostra, che persiste con conseguenze drammatiche, come, peraltro, dimostrano i rilevamenti statistici, seppure in maniera più moderna e ben camuffata, ancora oggi. Una condizione coloniale che non si risolve certamente cancellandola dall’AGENDA MONTI o, nel nostro caso specifico, dall’AGENDINA CROCETTA.

Anzi, è questa un’occasione da cogliere per ribadire che i diritti fondamentali dei Popoli Siciliano e Meridionale (intendendo per “Meridione” la “NAPOLITANIA”) non sono affatto prescritti né prescrivibili. Ed, anzi, dobbiamo esprimere il convincimento che la Nazione Siciliana e la Nazione Napoletana faranno ancora parlare di sé, come Popoli protagonisti del rispettivo destino in Europa, nel Mediterraneo e nel Mondo. Il tutto, a prescindere dalle RIFORME promesse dal “sistema” e, di volta in volta, tirate fuori dai taschini dei Capi di Governo al potere e dai loro colleghi di Opposizione, tutti o quasi allegramente anti-siciliani ed anti-meridionali.

A N T U D U !

‘U Sikritariu Pulitiku – Giuseppe SCIANÒ

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

5 Comments

  1. Santo says:

    La Sicila sarebbe grata ai governituratucoli italilici se la dimenticassero, in quanto gli elargitori italiotici mai anno versato una lire ai lavoratori dei campi o artigiani ma anno versatro sacchi di soldi al “governo sic.” prodigo poi in elargizioni in lavori inutili al contadino e alla aterra ma utili per dare a chi volevano loro, e spesso a danno del territorio e dell’ agricoltura autoctona e tpipica I soldi per poli industriali anno semptre solo danneggiato il turismo e l’ agricoltura e sono sempre stati dati a grossi speculatori che elargicvano ai politicanti di roma e del sud la loro quota, esempi scempio della piana di Sibari con poli siderurgici e porti, fiat in sicilia e cretinate varie.

  2. giovanni salemi says:

    Corbelleria più grande non ho mai sentita o letta! Queso signor De Martino quasi certamente è un meridionale emigrato che,come diceva il bravo attore siciliano Angelo Musco “”pigliò l’aria du continenti”” e senza capire alcunchè ,nè rendersi conto di quel che dice spara a zero sul Sud.Se poi non è un emigrato o figlio di tali ed è un settentrionale allora pensi ai “”casi”” suoi .
    La questione meridionale che comprende anche la siciliana deve essere risolta dai politici del Sud,che invece presi,per possessione diabolica,dal tricolore e dalle storie risorgimentaliste continuano a guardare a “roma” perchè affetti da sindrome di Stoccolma e da ascarismo,quest’ultimo ben pagato e pertanto si trascinano a raccontar fandonie ,a far promesse e ad ingannare tutto e tutti.
    I forconi,ma usati bene e con decisione ! , potrebbero
    funzionare.

  3. luigi bandiera says:

    EVITARE LA VIOLENZA..??

    BELLA. OTTIMA… per farci perdere tout court.

    SI INTENDEREBBE COME HAN FATTO I PADRI KORNUTISSIMI DI QUESTO STATO IN_KAXINATO E CONNIVENTE CON LE VARIE MAFIE..??

    MA SE I PRIMI A DEFINIRSI ITALIANI HANNO USATO LA VIOLENZA… ADESSO COME PRETENDERE CHE NOI PER LIBERARCI LA DOBBIAMO PER FORZA ABIURARE..??

    Sono stati o no i nostri maestri..?

    Chi di spada… di spada…

    Ah, si. Adesso sono tutti per il VOLEMOSE BENE e tante altre stronxae…!!

    Adesso che pare sia TUTTO KOMPIUTO..!!

    UNO SCHIAVO HA IL DIRITTO_DOVERE DI CERCARE LA LIBERTA’..!!

    KOME UN KARCERATO SE INNOCENTE..!

    CERTAMENTE CHE SE SI ARRIVA CON L’EDUCAZIONE E’ MEGLIO, MA SE SERVE LA VIOLENZA… BEN VENGA NO, ma sia BENEDETTA SE CI LIBERA..!

    MA KE KAX DI DISKORSI SI FANNO..??

    VOLETE DIRE CHE SKIAVI SIAMO E SKIAVI RESTEREMO IN ETERNO..?

    Si. Perche’ se userete la violenza non sarete LIBERI LEGITTIMAMENTE..!!

    Quindi anche lo stato NON E’ LEGITTIMO VISTO KE HA USATO SIA LA VIOLENZA E SIA L’INGANNO..!!!

    STRONX… in anima e in korpo siete.

    Bisognera’ inkazzarsi davvero perche’ sti talibani ci stanno logorando e stressando kon il loro libretto di Mao e Tse in kulo.

    Giu’ la testa inomma…

    uhm… ke inkazzatura ke mi prende..!!

    PS:
    meglio ripeterlo… dal detto: repetita…

  4. Alessandro De Martino says:

    La Sicilia e il Meridione vengono assistiti da 150 anni e in regalo ci hanno dato la Mafia; è giusto che vengano dimenticati definitivamente. Le brave persone meridionali vanno al Nord.

Reply to Santo Cancel Reply