Fontana in autoisolamento. Lindipendenzanuova lo aveva predetto lunedì! Era stato nella zona rossa il 6 febbraio e non si era autodenunciato

di Stefania Piazzo – Il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, ha annunciato il proprio autoisolamento dopo che una persona della sua segreteria è risultata positiva al coronavirus. Solamente lunedì scorso il nostro quotidiano aveva fatto notare come il presidente e altri vertici regionali il 6 febbraio scorso fossero nella zona rossa nel lodigiano, nella circostanza del drammatico disastro del Frecciarossa.

Ebbene, proprio il decreto ministeriale all’articolo 2 invitava chiunque fosse transitato o passato dal 1° febbraio nei comuni del lodigiano in quarantena, ad autodenunciarsi come previsto dalla legge, all’autorità sanitaria di competenza. Io stessa intervenivo la sera di lunedì 24 e martedì 25 febbraio alla trasmissione Senzasconti su Antenna3, per sollevare il problema e interrogare il governatore sul fatto che si fosse sottoposto a esami.

Ed ecco che mercoledì sera, Fontana annuncia di essere messo in isolamento dopo il contagio accertato di una sua collaboratrice.

Inutile dire, lo avevamo detto, anzi, glielo avevamo chiesto.

Zona rossa e coronavirus? Denunciatevi all’asl, cari politici, che siete passati a centinaia dal Frecciarossa deragliato di Lodi

Di seguito le dichiarazioni del presidente affidate ad una diretta su facebook.

Notizie importanti, sono in diretta dall’ufficio a Palazzo Lombardia.

Una collaboratrice del mio staff è risutaltata positiva al #Coronavirus.
Oggi abbiamo quindi eseguito il test sia io che il resto della mia squara e, fortunatamente, al momento risultiamo negativi.
Questo comporterà per noi, come per tutti, un periodo di auto-quarantena di 14 giorni.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Bernardelli: class action contro giornali e governatore Fontana per Nord in assetto da guerra

Articolo successivo

Ordinanza sindaco di Malvito (Cs): chi rientra dal Nord rischia il carcere