FNS, Sorrentino nominato vice segretario

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

È arrivata particolarmente gradita per i Militanti e per i Simpatizzanti dell’FNS “Sicilia Indipendente” la recente nomina a Vice-Segretario Politico Nazionale di Giuseppe Sorrentino, indipendentista di provata fede ed uomo d’azione.

«Attraversiamo un momento particolarmente critico per la vita del Popolo Siciliano e per la sopravvivenza dell’Istituto autonomistico, gestito in modo dissennato da una classe politica che non ha avuto, quasi mai, veramente a cuore l’onestà, la correttezza, il buon governo, gli interessi e le sorti della Sicilia», ha dichiarato Sorrentino, incontrando a Palermo i giovani attivisti.

«È una vera “Emergenza-Sicilia”. Tutti i veri Siciliani siamo, pertanto, chiamati a fare il nostro dovere e a lottare per la piena occupazione, per il lavoro, per la rinascita economica e morale, nonché per il progresso della Sicilia, contro i nemici interni e contro i nemici esterni. Non possiamo restare inermi a guardare, senza reagire adeguatamente, lo scempio in corso», ha aggiunto il Vice-Segretario, che ha così concluso: «Dobbiamo mobilitarci nel vero senso della parola, anche a prescindere dalle coincidenze elettorali. Ma non vi sono dubbi sul fatto che l’alleanza elettorale con la LISTA “POPOLO DEI FORCONI – MARIANO FERRO PRESIDENTE – FNS” rappresenti un’occasione preziosa da non sottovalutare».

A N T U D U

 per la Segreteria Nazionale – Giovanni Basile

 

 

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. “lottare per la piena occupazione, per il lavoro, per la rinascita economica e morale, nonché per il progresso della Sicilia”.
    Manca la parola “indipendenza” amici miei… I siciliani sono proprio uno di quei popoli che dovrebbe abbracciare la causa indipendentista senza un attimo di esitazione!

    Forza Sicilia!!!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Sud Tirolo: Eva Klotz vuole il referendum per l'indipendenza

Articolo successivo

Scontro Lega-Pdl, Formigoni ritira le deleghe degli assessori leghisti