Fisco, l’Ue vuole i dati di tutti. Ma Austria e Lussemburgo tengono duro

di REDAZIONE

L’Unione europea intende procedere entro marzo alla revisione della direttiva risparmi, quella che consente lo scambio automatico di informazioni tra Stati in chiave anti-evasione, ancora bloccata da Austria e Lussemburgo.

I leader dell’Ue scrivono nelle conclusioni del vertice che la revisione della direttiva sarà fatta a marzo, rinviando quello che a dicembre dell’anno scorso si erano impegnati a fare per la fine di quest’anno. La direttiva risparmi aggiornata consentirebbe di allargare lo scambio di informazioni fiscali ai versamenti effettuati da trust fund o fondazioni.

Ma Austria e Lussemburgo si oppongono perché vogliono che prima la Commissione Ue riveda gli accordi fiscali con i cinque Paesi extra-Ue (Svizzera, Liechtenstein, Monaco, Andorra e San Marino) per estendere lo scambio di informazioni anche a loro. In pratica è la guerra di tutti contro tutti, che potrebbe portare all’abolizione totale della privacy dei contribuenti.

Print Friendly, PDF & Email

5 Comments

    • io non ho nulla di nascosto. e mi girano a giostra di pagare pure per farmi inutilmente controllare sempre di piu.
      tanto che per accontentare le GdF , senza che accampino una settimana bloccando l attività lavorativa, BISOGNA lasciare qualche stronzata un contabibilità… fanno la multa e se ne vanno.
      ricorda qualche attività mafiosa?

    • aggiungo con sede a Vicenza, (ex)centro dell orificeria dell italia se non del mondo e della concia. centro del fortissimo nordest che produce(va) . ma son solo coincidenze…

      • Vicenza, Veneto cioè quel posto abitato in passato da gente orgogliosa che avrebbe incendiato il mondo per la propria libertà e adesso perde le proprie giornate dietro futili questioni di campanile come una borgata di comare…

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Antonio Rosmini, il federalismo sconfitto di una "persona irriducibile"

Articolo successivo

Nelle guerre ci sono veneti buoni e veneti cattivi?