Firme per Color44 e non solo: nasce “Lombardia Indipendenza”

di REDAZIONE

 

C’è qualcosa di importante nell’aria e arriva alla vigilia delle elezioni amministrative. Tanto per cominciare,domani alle ore 11.00, presso il caffe` ”Latteria” in Piazza Mercato, a Brescia,  la promessa di libertà trova spazio nella conferenza stampa   durante la quale il candidato indipendente/indipendentista della Lega Nord, Fabio Toffa consegnerà al prof. Carlo Lottieri   le firme raccolte in questa campagna elettorale a sostegno della richiesta di referendum avanzata dal comitato lombardo di Color44, presenti anche Giulio Arrighini, segretario dell’Unione padana, e Francesco Formenti. Mentre è il presidente dello stesso Movimento, Roberto Bernardelli, ad annunciare, meglio, a ufficializzare il vero e proprio evento politico del giorno: “Si tratta della presentazione del movimento indipendentista ”Lombardia Indipendenza” in cui confluiranno l`Unione Padana, Lega Padana ed altre aggregazioni della galassia autonomo-indipendentiste”, spiega Bernardelli: “Un’assemblea aperta, un luogo politico, la casa degli indipendentisti in cui ritrovare le energie disperse, e coloro che non hanno mai tradito le ragioni del Nord”.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

19 Comments

  1. CAMUNIA NASCIU' says:

    LUMBARDIA LIBERA !

  2. Paolo says:

    Forza ragazzi. Complimenti! AVANTI TUTTA

  3. Certamente ne sono veramente sconcertato di questa iniziativa del Movimento Unione Padana dove inizialmente il candidato per questo movimento era Vittore Vantini, persona saggia e sicuramente anche se di una certà età ma chiarto nelle sue idee per la conquista del Comune di Brescia , città importante nella stessa Lombardia.
    Ora viene presentato come n°1 Fabio Toffa a sindaco di Brescia insieme a Unione Padana e lega Padania e altre sigle indipendentiste nel nome Lombardia Indipendente che, può essere anche una buona idea ma già in Lombardia ci sono altri movimenti come Pro Lombardia indipendente e un’altra che non ricordo il nome che dovrebbe essere Lombardia indipendente, poteva essere e non conosco se ne hanno discusso con questi movimenti. Il problema è uguale a quello della lista Maroni con la croce di San Gorgio, Unione Padana si era scandalizzata ora forse è la stessa cosa per Lombardia Indipendnte e Pro Lombardia indipendenza.
    Con questo mi rendo sempre più conto, sfiduciato, offeso e credo che siamo proprio ancora tutti italiani è nel nostro DNA ITALIA DA BOLZANO A TRAPANI, DA AOSTA A TRIESTE, NON CAMBIEREMO MAI ALLA FINE RIMARREMO EMPRE ITALIANI, L’INDIPENDENZA DEL NORD SI FA FRIGGERE. iTALIAGLIOTTI RIBELLATEVI.

    rINALDO cOMETTI

  4. Riccardo S. says:

    Ottimo!
    “Lombardia Indipendenza” potrebbe essere la via da seguire, un partito dichiaratamente indipendentista che racchiuda in sè tutte le voci della nazione (almeno così sarebbe auspicabile).
    E a perfezionare il tutto magari una “Indipendenza Nord” a rappresentare l’intero nord.

  5. Veritas says:

    Tanto sono tutti imitatori della Lega: piccoli partitini, naturalmente disuniti, ognuno con la sua cassa, imitandosi i nomi,…… ma se non si uniranno saranno tanti bei, piccoli flop.

    • Flit says:

      E’ probabile che facciano tanti piccoli flop ……
      Nulla in confronto al vergognoso, storico SPLASH della Lega arraffona !!!
      Complimenti, Veritas !
      Hai di che essere orgoglioso !

      • Veritas says:

        Non ho nessun orgoglio, voglio solo dire che, purtroppo, è estremamente difficile creare una unione grande e forte di tutto il popolo del nord per poter realizzare l’indipendenza.
        Pare proprio che la gente del nord non caspisca qual’è il suo interesse

  6. Luca says:

    In effetti la scelta del nome non mi sembra molto simpatica. Spero almeno non si mettano a litigare con l’altro quasi omonimo movimento.

  7. Giacomo Consalez says:

    che fenomeni. Ci mancava solo il plagio del nome. Complimenti davvero.

    • lombardi-cerri says:

      Certo che questo intervento fa piacere a Roma per la quale , more solito, se qualcuno si diverte a fare la punta agli spilli distrae la gente dagli obbiettivi importanti.

      • Giacomo Consalez says:

        Lasci perdere, Lombardi-Cerri. A roma per ora non facciamo neppure il solletico. Mi dica invece perché, con tutti i nomi disponibili sul mercato, dovevano sceglierne uno pressoché identico a quello di un movimento preesistente? Che peraltro ha posizioni ben distinte da quelle di Bernardelli e Arrighini, come ben sanno gli interessati. Non credo che giocare sull’equivoco giovi ad alcuno.

    • franko says:

      Concordo !

    • franko says:

      La fantasia è sinonimo di creatività e intelligenza,il plagio ne è la negazione.

  8. DarioBs says:

    Esiste già un movimento (a cui mi onoro di appartenere) che si chiama PRO LOMBARDIA INDIPENDENZA. Ora Unione Padana annuncia che cambierà nome in Lombardia Indipendenza. Ma dico: ci avete presi per scemi? Questa è una frode politica bella e buona.

    • Giovanni says:

      Ecco le critiche”celtiche” di chi preferisce litigare col vicino di casa anziché andare uniti contro il nemico comune. Prosopopea e voler essere gli unici detentori della verità sono le caratteristiche dei lombardi dai tempi dei Celti, appunto.Diovisi allora, persero contro i romani, divisi oggi perderemo contreo i romani,gli islamici e l’unione sovietica europea. Bravo, ottimo ragionamento politico.

  9. Albert1 says:

    Non per fare il guastafeste, ma non sarebbe meglio se tutti gli indipendentisti del Nord si concentrassero sull’obiettivo dell’indipendenza del Veneto? La’ il desiderio d’indipendenza è molto più sentito, con una seria organizzazione stile LIFE, e il sostegno degli indipendentisti delle regioni confinanti, potremmo riuscire ad aprire la breccia – e quello risveglierebbe anche le regioni del Nord più strette a coorte! Mi rendo conto, non suona bene come i vari progetti faraonici di federare tutto&tutti, di padanie, ecc, però mi sembra l’unica strada praticabile. Dobbiamo tutti fare massa critica per il Veneto! Certo, devono farla per primi i Veneti 😉 … loro sì che devono riuscire a federarsi nell’immediato.

  10. Paolo L. Bernardini says:

    Ne sono davvero felice! Un abbraccio da Genova, ora aspetto INDIPENDENZA LIGURE!
    Paolo
    p.s. stasera parlo ad un club di Genova nel Settecento. Era davvero cosi malridotta…Non come ora, di certo, una parvenza della parvenza di quel che fu…

Leave a Comment