Firenze, gli indipendentisti toscani si organizzano

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Sabato prossimo, domani, 1 Marzo presso l’Hotel Lorena di Firenze (v. Faenza fronte Cappelle Medicee), alle ore 18.30,  l’associazione “Centro Studi Indipendentisti Toscani” raduna i propri associati, e tutti i soggetti interessati, per discutere la nascita di una nuova formazione politica che avrà come obiettivo non più parole, secondo noi senza senso, come federalismo o autonomismo, ma l’indipendenza della Toscana dallo Stato Italiano da ottenersi con metodi democratici. Dalla nostra parte presupposti storici e culturali , che per lungo sono stati sottaciuti o volutamente ignorati dalla retorica unitaria.

L’assemblea sarà appuntamento per tutti coloro che credono nel rilancio Toscana e nella strenua difesa della sua identità . Per informazioni : cindipendentistitoscani@gmail.com

Ass.  “Centro Studi Indipendentisti Toscani verso TOSCANA STATO”
cell . 327/39.41.532
url : http://toscanastato.tumblr.com

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

4 Comments

  1. Paolo Bonacchi says:

    E così gli indipendentisti toscani, o chi per loro, dicono che il federalismo e l’autonomismo sono parole vuote e senza senso. Domani ci sarò anch’io e gli autori di queste farneticanti parole dovranno spiegarmi che cosa intendono per FEDERALISMO e per AUTONOMIA. Se l’incontro fosse stato in un’altra regione mi sarei disinteressato; ma trattandosi di casa mia voglio capire esattamente con chi ho a che fare.

    • Emiliano Baggiani says:

      Visto che definisci “farneticanti” un epiteto certo non carino ,le nostre parole , ti premetto che la discussione sarà aperta e libera , ma non saranno ammessi provocatori che appena individuati saranno gentilmente scortati fuori dall’Hotel .

    • Rodolfo Piva says:

      Egr. Sig. Bonacchi
      Come Lombardo mi permetto di formularle la seguente considerazione. Probabilmente gli indipendentisti toscani si sono espressi in un modo che può essere frainteso perché credo che nessuno possa mettere in dubbio il fatto che, attraverso l’autonomia, si arriva ad un assetto federale dello stato. Purtroppo gli anni trascorsi ci hanno mostrato che c’è una larga parte di cittadini dello stato italiano che di questa italia, così come è, ci campano e che di federalismo non vogliono sentirne parlare. Per chiarezza sono la parte parassitaria dei cittadini dello stato. Quindi è con questi parassiti che parole come autonomia e federalismo perdono di significato e quindi mi sembra ovvio che si passi all’indipendentismo.
      Cordiali saluti

  2. Amedeo says:

    Tutte le regioni vogliono l’Indipendenza? Una cosa giusta da fare è quella di abolire lo stato centrale e la sua burocrazia. I giovani devono pensarci, se vogliono avere un futuro, oppure, abolire le regioni e le province, in questo periodo, c’è troppa amministrazione pubblica da mantenere e poi è arrivata anche la crisi, si deve trovare il modo di risparmiare un po’ di soldi.

Leave a Comment