Fini: il referendum per l’indipendenza lesivo degli interessi del Veneto

di REDAZIONE

 “Francamente e’ antistorico e profondamente lesivo degli interessi della societa’ veneta ipotizzare un distacco dalla madre patria. Una dissoluzione di quella che e’ l’unita’ della Repubblica. Lo sanno anche i promotori di queste iniziative”. Cosi’, il Presidente della Camera, Gianfranco Fini, a margine del convegno di Fli, a Vicenza, commentando il sostegno del Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, ad una proposta di un referendum per l’indipendenza della regione. “Non credo che Zaia cavalchi quest’onda – ha aggiunto Fini -, anche perche’, per le strategia politica e’ particolarmente sensibile alle richieste di autonomia. Ma un conto e’ l’autonomia, un conto e’ l’indipendenza”, ha concluso il Presidente della Camera.

Il referendum per l’indipendenza del Veneto ”e’ essere coerenti con le proprie idee, non e’ una sfida”. Lo ha precisato Luca Zaia, governatore del Veneto, che davanti ai magistrati della Corte dei Conti ha rilanciato la prospettiva del referendum per l’indipendenza del Veneto. ”Questa e’ la volonta’ di un territorio che e’ disposto anche a chiedere l’indipendenza e che merita un regime di trattamento che sia degno di questo nome. Lo dico perche’ il movimento federalista e’ centripeto, il non federalismo e’ centrifugo, per cui se vogliamo risolvere i problemi importanti del Veneto bisogna dare federalismo e autonomia. Siccome la direzione del governo sembra opposta, cosa aspettarsi’? Spero che vada a casa e si risolva il problema”.

Fonte originale: agenzie Agi e Asca

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

29 Comments

  1. Franco says:

    Fini ha fatto SEMPRE e SOLTANTO politica,praticamente non ha MAI lavorato,ma ha percepito soltanto immeritati stipendi,che cosa può dire uno che non conosce il significato della parola”LAVORO”,al contrario del popolo veneto che del lavoro ha fatto una religione ?Alle parole dei ciarlatani bisogna rispondere con i fatti:LIBERTA’ E INDIPENDENZA DEL POPOLO VENETO,ESILIO e CONFINO per i BOIARDI DI STATO.

  2. Stefano Venturato says:

    Serata a Padova di tanti anni fa. Dopo gli scontri di piazza tra compagni e camerati tra piazza dei Signori e delle Erbe ad una cena organizzata dall’ Msi il giovane Gianfranco redarguì i giovani del Fronte della Gioventù per gli scontri. Uno di questi si alzó, prese un piatto di portata di spaghetti fumanti e glieli buttó in testa. Giorgio Almirante senza scomporsi disse ” Ha fatto bene !”

  3. tyron says:

    Dime can ma no talian

  4. sciadurel says:

    Fini … va a ciapà i ràtt

  5. Ivano says:

    La cosa bella è che non dice impossibile…

  6. Andrea da Pest says:

    Si sta come
    d’autunno
    sugli alberi
    le foglie

  7. mia madre patria veneta says:

    fini devi solo stare zitto ….idioma che non sei altro…..e la madre patria a sarà quea che te ga messo al mondo….

  8. Domenico Galluzzo says:

    Quando smetterà di scoreggiare pubblicamente?

  9. Aquele Abraço says:

    Lesivo degli interessi parassitari che tu, campione di trasformismo, rappresenti.
    Mentre la feccia dell’Italia affonderà con la sua fine, probabilmente tu resterai in superfiche, come la muffa, per approffitare ancora dei prodotti finali del suo disfacimento.

  10. Giacomo veneto says:

    La risposta di Zaia è molto ambigua.

  11. daniele says:

    Fini e Zaia, fati de£a stesa pasta: pasta po£idega taljana. Sta pasta ko £a se taka a£a karega no ge xe verso de stakarla.
    l’ex kamerata Fini e brillcream Zaia £i ga £i stesi intarèsi: ke £a pasta £a gàvia da tegnare el pi’ posibi£e

    • Unione Cisalpina says:

      😀 …

      fini l’breo ritrovato… kome san Paolo, persekutore dei kristiani originali, gli ebrei (poi diventati noakiti kattolici romani koi gentili… ) è ora kuel puzzolente figuro moralista kon la disonestà altrui, ma possibilista kon la sua…

      poverouomo …

  12. veneto par forza says:

    “Il Veneto è la mia patria.Dò alla parola patria lo stesso significato che si dava durante la prima guerra mondiale all’Italia:ma l’Italia non è la mia patria e sono profondamente convinto che la parola e il sentimento di Patria è rappresentato fisicamente dalla terra,dalla regione dove uno è nato..Sebbene esista una repubblica italiana questa espressione astratta non è la mia patria e non lo è per nessuno degli Italiani che sono invece veneti, toscani e via dicendo”. Goffredo Parise scrittore vicentino. L’indipendenza del Veneto e dei Veneti non è solo una legittima aspettativa,ma un diritto naturale, inalienabile e imprescrittibile del popolo veneto.

  13. Giobbe says:

    Invece di continuare a mostrare muscoli che non avete, cari veneti, fate qualcosa !

    Fino ad ora abbiamo visto solo dei poveretti farsi una galera spropositata per uno scherzetto sul vaporetto e sul campanile di San Marco !

    Più che ciacole e baruffe non sapete fare !

    Anche uno come Fini può prendervi per i fondelli !

    Invece di tante arie datevi una mossa !

    • VITTORIO says:

      E tu che fai? Probabilmente se parli così sei uno che manda avanti gli altri per poi godere dei benefici ottenuti. In un Veneto indipendente resterai quel parassita che sei adesso, ma per i parassiti nel nuovo Veneto saranno cazzi. Ti consiglio di emigrare già da adesso. Se non sei d’accordo con quello che scrivo, allora iscriviti a INDIPENDENZA VENETA e comincia a muovere il culo.

    • Marta says:

      Forse i veneti non hanno i muscoli ( cosa non vera perchè oltre a quelli più degli altri hanno sicuramente anche cervello, difatti non usano la violenza per ottenere qualcosa ma usano le vie legali possibili, perchè la violenza porta solo ad altra violenza che a sua volta porta altra violenza,che porta altr a violenza ecc.. ecc… ecc… vedi ad esempio cosa stà succedendo tra ebrei e mussulmani nella striscia di gaza da anni, che bei risultati hanno ottenuto con le bombe! Sono ancora là che si bombardano. Noi la violenza e le armi non le vogliamo, perchè vogliamo l’aiuto della comunità europea e di solito l’opinione pubblica mondiale non stà mai dalla parte dei violenti. E’ lo Stato italiano che mostra muscoli che non ha, se è vero che sono tanto convinti che il Referendum noi lo perderemo , perchè sono così contrari che si faccia? Vedi, a noi veneti forse mancano i muscoli ma a voi mancano i coglioni, i taliani hanno paura che la vacca da mungere se ne vada, è questa la verità.

  14. Luca Tino says:

    Sa vanxelo sto ‘talian inte la bonamare Veneta. Ch’el staga caxa sua. Intrafati ch’el sipia mia bon nar MonteCarlo?
    E fora dai denti A ghè digo: ti te ghè paura de far votar i veneti, invargognate vargognoso.

  15. berg says:

    Fini = il solito fascista, quindi è inutile aspettarsi commenti diversi da questo

  16. Trasea Peto says:

    L’autonomia ghe farìa comodo ai poitici veneti, l’indipendensa ghe farìa comodo ai veneti.

  17. luigi ragagnin says:

    ‘sto tanghero, senpre fra i pie.
    stago lexendo Racolta de’ proverbi de Checo Xorxi Muasso : è favoloso.

Leave a Comment