Mose e soldi ai partiti, come si finanziano le vispe terese?

di MASSIMO FINImose

Oggi è di moda sparare sulla burocrazia. Non c’è uomo politico, non c’è partito che non accusi la burocrazia, per le sue complicatezze, soprattutto in materia fiscale, di essere un peso insopportabile per l’imprenditoria italiana oltre che un angoscioso tormento per la vita del singolo cittadino. Bene, secondo uno studio della Confartigianato negli ultimi sei anni, da metà aprile del 2008 a marzo di quest’anno, il Parlamento ha approvato 629 norme in materia fiscale, di queste solo 72 semplificano le procedure, 389 le complicano. Ed è pressoché certo che se analoghi studi fossero fatti su altri rami della Pubblica Amministrazione il risultato sarebbe più o meno lo stesso. Che c’entrano i burocrati? I burocrati applicano le leggi e le leggi, sotto la guida del governo, le fa il Parlamento cioè proprio quegli uomini politici e quei partiti che puntano il dito contro le complicazioni burocratiche. Il dito dovrebbero puntarlo contro se stessi.
Lo stesso avviene con i magistrati, odiati dalla classe dirigente da quando, con Mani Pulite, hanno osato chiamare anche ‘lorsignori’ al rispetto di quella legge cui tutti siamo tenuti (come conferma il voto trasversale dell’altro giorno alla Camera in favore della responsabilità civile dei giudici, norma che paralizzerebbe psicologicamente ogni magistrato). Se in via preventiva mettono in galera dei ‘pezzi grossi’ (che quasi mai è vera galera -questa tocca ai poveracci- ma i più comodi ‘arresti domiciliari’ in lussuose ville) li si accusa di volersi fare pubblicità. Ma a parte il fatto che se si seguisse questo ragionamento nessun uomo politico potrebbe essere mai indagato, la discrezionalità del Pubblico ministero nel decidere o no un arresto (discrezionalità peraltro correggibile dal Gip e dal Tribunale della libertà) gli viene dalle leggi e le leggi le fa il Parlamento, cioè proprio quegli uomini politici che, a seconda dei casi, si scandalizzano per quegli arresti. Se si ritiene che quella discrezionalità sia eccessiva, la si limiti con una nuova legge, altrimenti il magistrato non può che applicare quella vigente. Uomini politici e partiti gridano all’infamia quando delinquenti notori vengono liberati per la decorrenza dei termini della carcerazione preventiva. Ma chi, in questi anni, ha inzeppato il Codice di procedura penale di leggi cosiddette ‘garantiste’ tanto da allungare all’infinito i tempi del processo, se non il Parlamento, cioè quegli uomini politici e quei partiti che poi gridano all’infamia? Se i termini sono decorsi il magistrato non può e non deve far altro che applicare la legge, che non lui ha fatto, ma altri, non può dire, alla Jannacci, «no tu no» perché sei cattivo e malfamato.
Il Italia è costume, o piuttosto malcostume, dare sempre la colpa agli altri. Quando è scoppiato lo scandalo Mose il premier Renzi ha affermato «sono cose raccapriccianti che fanno malissimo all’immagine dell’Italia». Ma questa ‘Vispa Teresa’ che è in politica dall’età di 22 anni non sapeva che queste ‘cose raccapriccianti’ sono il metodo usuale per finanziare, oltre ai manigoldi propriamente detti, i partiti e quindi indirettamente anche lui che ne fa parte da vent’anni? E’ inutile e volgare fare la faccia feroce («li cacceremo a pedate nel sedere») quando i buoi sono scappati. Altre stalle vuote si chiuderanno se i partiti italiani, che sono il vero cancro del sistema, rimarranno quello che sono. Pare che il Pd abbia accumulato 10 milioni di debiti. Ora, per avere dieci milioni di debiti bisogna che per le sue casse siano passati centinaia di milioni. Un cittadino normale, che non sia un ladro, di debito può avere solo qualche migliaio di euri.
Massimo Fini

Lo scandalo Mose e le “cose raccapriccianti” che finanziano i partiti
Il Gazzettino, 15 giugno 2014

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. paolo cintolesi says:

    forse il signor Massimo Fini non sa che le bozze delle leggi che poi vengono presentate e nelle commissioni e nell’aula, sono “sviluppate” da burocrati, che i politici sono dei “garzoni” compreso i ministri, che gli alti burocrati fanno paura ad averli contro, che gli avvocati e i magistrati, presenti in forze nelle aule parlamentari, fanno di tutto affinché le leggi che escono approvate, siano tutte da “interpretare”. Personalmente come antidoto, proibirei sia ai magistrati che agli avvocati, di essere candidati, visto lo stato pietoso in cui si trova la nostra giustizia.

Leave a Comment