Filettino: lo Stato ha paura del Principato e nega una festa

di GIORGIO CALABRESI

Il commissario prefettizio del Comune di Filettino (Frosinone) nega l’autorizzazione per l’occupazione del suolo pubblico chiesta per la prima festa del Principato del piccolo comune del Frusinate, perche’ la nuova istituzione e’ ”inesistente”. E nel paese all’estremo nord della Ciociaria – 400 abitanti in inverno, oltre dodicimila in estate-, che si e’ autoproclamato Principato nei mesi scorsi, scoppiano forti polemiche e si annuncia un duro scontro.

”In riferimento alla vostra richiesta- scive il commissario prefettizio nella sua lettera di diniego- alla stessa non può essere rilasciata alcuna autorizzazione per l’occupazione del suolo pubblico per la festa del Principato di Filettino, in quanto il comune di Filettino è organizzato e costituito secondo le norme dettate dalla costituzione Italiana e pertanto il Principato di Filettino è inesistente e secondo l’ordinamento italiano non costituibile giuridicamente”.

La richiesta era stata presentata dal presidente del Consiglio del Principato di Filettino, Luca Sellari, l’ex sindaco che da circa un anno ha lanciato il progetto per trasformare il paese in un Principato. L’iniziativa, finita sui media di tutto il mondo, in questi mesi ha portato all’istituzione del Parlamento composto da trenta ‘deputati’ e alla nomina di dodici ministri scelti dal principe reggente Carlo Taormina. Sellari e’ stato nominato premier circa un mese fa nella prima seduta del consiglio dei ministri del Principato di Filettino. ”Visto che parliamo di un’ associazione- dichiara il ‘premier’ Luca Sellari – non capisco come possa un commissario prefettizio motivare un diniego in questo modo, dato che parliamo di una manifestazione festosa. Abbiamo tutto il diritto di ottenere questo permesso in quanto cittadini italiani, titolari di tutti i diritti riconosciuti dalla Costituzione. Andremo avanti fino in fondo – conclude Sellari e impugneremo il documento di risposta del commissario a difesa della nostra iniziativa”.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

7 Comments

  1. francesco says:

    Questo stato di merda in cui viviamo e ” corrotto dalla testa ai piedi Politici sia di Sinistra e di Destra che rubano e se ne sbattano altamente dei cittadini GIustizia ingiusta a favore dei delinquenti e non delle brave persone disoccupazione record invasione di stranieri per colpa del buonismo della Politica di Sinistra che porta solo delinquenza altro che risorsa .Bene anno fatto bene a fare il Principato di Filettino bravo messina per guardare al futuro bisogna ritornare indietro in poche parole prima dell ”
    unione dell” italia che e ” stato un danno la gente a tanto nostalgia della propria identita ” andata persa con la falsa unita ” di italia W l ” indipendenza deli stati autonomi VISTO che il Principato di Filettino esisteva gia ” nell 1600 ritorniamo al passato che e ” meglio forza Filettino e perincipe.

  2. floriano says:

    VEDI LA RICORRENZA DELLA FESTA DI SAN MARCO NEGATA AL POPOLO VENETO E IN SPECIALMODO AI VENEZIANI,

    COME DIRE, VIVI IN UN PAESE DEMOCRATICO DETTATO DALLA COSTITUZIONE (FARSA) MA DEVI FARE QUELLO CHE DICO IO, ALTRIMENTI SEI IN ARRESTO O, VISTA LA CRISI DI EURI DEL MOMENTO PAGHI UNA PENALE..
    STATO SATRABO LADRO E INFAME OCCUPATORE!!!!!!!

    W SAN MARCO W IL POPOLO VENETO
    E L’INDIPENDENZA DEI POPOLI DA UNO stato PUTRIDO DI MENZOGNE.

    • luigi bandiera says:

      Quella costituzione la’, e tutte le altre, e’ carta igienica.

      I trattati vari come al tempo dei PELLIROSSE, non sono mai rispettati.

      Noi, cosiddetto popolo, non contiamo nulla.

      Siamo solo un bel PARCO BUOI che lavora solo per lor signori.

      BASTA KST se vogliamo SVEGLIARCI..!

      Meglio l’analfabetismo che la sottokultura.

      Amen

      • Orazio says:

        Voglio correggerti, i trattati ci sono ma aimè, sono fatti contro di noi.
        Inoltre, cosa più importante, questi trattati per espressa volontà di coloro che fecero la nostra tanto osannata costituzione, hanno messo appositamente la norma alla quale i trattati NON SONO SOGGETTI A REFERENDUM.
        Ergo, comprenderai, che si guardano bene dal modificare tale norma costituente.
        Del resto tutti i trattati, TUTTI, sono contro la nostra sovranità popolare… ma come dicono “LO DICE LA NOSTRA COSTITUZIONE”.
        Capito?

  3. romain says:

    anche la provincia di Salerno (Cilento) vuol diventare Principato, nel senso di nuova regione chiamata Principato…non vorrei che la richiesta di Principati diventi una (costosa) valanga…stavolta lo Stato, o chi per lui, ha agito bene (ma è l’unica volta che io sappia)

  4. caterina says:

    uno stato “inesistente” non ha bisogno di permessi, se esiste se li dà… spero che vi facciate la vostra festa con una bella cronaca fotografica!

  5. Mauro Cella says:

    Paura? No, lo Stato italiano non ha paura degli indipendentisti o del Principato di Filettino. Mai avuta e mai ne avrà.
    Se mai si tratta del tipico atteggiamento del piccolo satrapo di provincia (in questo caso il commissario) che vuol dare fastidio perché è tra le sue prerogative.

Leave a Comment