La Fiat assuma Landini, nessuno più di lui sa di automobili

di MATTEO CORSINI

Maurizio Landini, non perde occasione per attaccare Marchionne. Una delle sue ultime uscite è stata questa: “La Fiat sta vendendo meno auto non solo per la crisi ma anche perché ha meno modelli dei concorrenti”. Questo il commento illuminante che il segretario della Fiom-Cgil ha rilasciato in merito dopo aver letto gli ultimi dati di vendite di automobili a livello europeo.

Un’analisi di una profondità tale da indurre il profano, come me, a chiedersi come mai la Fiat paghi così tanto Sergio Marchionne quando potrebbe beneficiare della lungimiranza di Landini, tra l’altro godendo anche di una notevole pace sindacale. Si vendono meno auto? Basterebbe avere più modelli, meglio se “nuovi modelli” (il mantra degli ultimi mesi) per risolvere il problema. Ognuno è ovviamente libero di pensare quello che vuole, ma, sempre da profano, da semplice utilizzatore di automobili, mi chiedo come mai ci siano case automobilistiche che, a prescindere dal segmento in cui sono presenti in prevalenza o in esclusiva e dal momento di crisi che colpisce più o meno tutti, hanno proliferato nel tempo anche senza mettere sul mercato troppi nuovi modelli e, al contrario, case che hanno intrapreso la strada della proliferazione dei modelli non brillano per vendite e utili.

Sarò magari un nostalgico, e probabilmente il mio parere è influenzato dall’essere da sempre innamorato della Citroën DS (della quale possiedo un esemplare del 1971), ma quando la casa francese, oggi nel gruppo PSA, cambiava i modelli ogni vent’anni, credo facesse macchine migliori e di maggiore successo. La Traction Avant, la DS, la CX, furono auto innovative e rimasero in produzione circa 15-20 annui ognuna. E che dire della 2 Cavalli o della Dyane? Lo stesso si potrebbe dire della Renault (R4 su tutte). E che dire della Porsche, che produce il modello di punta, la 911, dal 1963, lasciandone in gran parte inalterata la linea? Non credo che il successo sia dovuto all’aumento dei modelli degli ultimi anni (non si vedrà mai un porsheista vero guidare una Panamera). Altro segmento, si dirà.

Indubbiamente, ma uno dei (pochi) successi della Fiat degli ultimi anni è stata la nuova 500, con una linea simile a quella della storica 500 (non certo quella scatola insignificante che produssero per qualche tempo negli anni Novanta).

Credo, in definitiva, che non sia tanto il numero dei modelli a determinare il successo di una casa automobilistica, quanto la capacità dei modelli prodotti di intercettare la domanda degli acquirenti. La quale, poi, in momenti di crisi tende inevitabilmente a calare, soprattutto nei segmenti bassi dove per lo più compete Fiat. Ma, ripeto, il mio è un parere da profano, mica da esperto di mercato come Landini.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

9 Comments

  1. Franco says:

    L’auto, come tutte le produzioni, necessita di un costo di produzione il più basso possibile. Si puà dire al sig. Landini che anche i costi dei privilegi sindacali e altri impropi gravano sul costo di produzione? Non è cambiando la forma della lamiera che si hanno risultati. Cambiamo la testa dei sindacati che non fanno gli interessi dei lavoratori ma solo i propri.

  2. luigi bandiera says:

    LA FABBRIKA DEVE PROPORRE.
    SE NON PROPONE NON PUO’ PRETENDERE DI VENDERE..!

    La FIAT, volonta’ nostra, direbbe il presidente seduto nel kolle, fa di tutto per vendere. Quindi e’ a posto.

    No signori miei.

    Il PRODURRE TANTO e poi proporre magari schifezze NON SERVE SE POI NON SI VENDE..!

    Lo scotto lo subimmo noi dipendenti di una multinazionale tedesca. (anni 90).

    Ci promisero un premio se ci DAVAMO DENTRO con il produrre. (settore illuminazione).

    MAI VISTA KOSI’ TANTA PRODUZIONE IN QUEL ANNO..!

    RECORD ASSOLUTO DEL GRUPPO. (kax i veneti… come a LEPANTO).

    Beh, quando arrivo’ il momento di prenderci il premio ci dissero:
    NON SPETTA A VOI MA A CHI A SAPUTO VENDERE IL PRODOTTO DA VOI PRODOTTO..!! (giocano sempre sulle parole).

    QUINDI..??

    AI COMMERCIANTI O FACCENDIERI VA IL PREMIO..!!
    A VOI IL RICONOSCIMENTO MA IN MISURA MOLTO MINORE..!

    ERA COME SE CI AVESSERO DATO DA MANGIARE UNA MERDA a testa..!

    NON RISPETTARONO IL PATTO DI STABILITA’..??

    IL PATTO DI SICURO. LA STABILITA’ NON SI SA.

    Quindi..??

    Sindacati (tre moschettieri) e azienda (D’Artagnan) ci giocarono un bruttissimo scherzo.

    Io lo ipotizai ma sapete no… a volte e spesso non si e’ capiti se si agisce come la CASSANDRA sebbene ella ebbe ragione.

    Beh, succede, che ti fregano, spesso qua in TALIBANANìA.

    Mi meravigliano, e sempre, gli intellettuali, ASSENTI se non CORREI.

    Va che il TRUFFARE I PORI GRAMI sia ormai NORMA con l’avallo dei noti allorati.

    Gia’, all’itagliana maniera. Cioe’: dalla norma si e’ passati alla ANORMA. Quindi il RUBARE E’ NORMA..!

    RUBARONO AI PORIGRAMI, E DA SEMPRE, TUTTI I POTENTI DELLA TERRA..!!

    Il fatto trieste e grave e’ che CONTINUANO con l’avallo degli intellighenti o presunti tali..!!

    Leggete solo questo fatto:

    I DEBOLI, i lavoratori, HANNO UN FRAKAX DI PALADINI. Tanti quanti gli alberi che fiancheggiano le strade qua in Padania.

    CI SPIEGATE COME MAI NON ARRIVANO MAI A FINE MESE o circa li’..??

    Dite: c’e’ o non c’e’ una spiegazione..??

    Se Landini e’ nel giusto, chi si oppone alle sue idee..??

    Anche certi movimenti del nord e del centro sud hanno un filo di verita’.

    DITE: COME MAI QUESTI NON TROVANO APPOGGIO NEGLI AMBIENTI DELL’INTELLIGHENZIA..??

    Forse perche’ impresentabili nei loro SALOTTI mantenuti da questi DISPERATI..?? Da questi MISERABILI..?

    Facciamo un distinguo chiaro:
    VERSANTI E FIGURANTI. (questa l’hanno capita questa sera alla festa del ROSARIO).

    CHI SI SENTE FIGURANTE DIKA BOh..!

    CHI SI SENTE VERSANTE DIKA KAX devo pagare..!?

    Poi vediamo chi davvero mantiene questo stato quo o KUO’..!

    Merrrdddd…!!!

  3. Dario says:

    Credo che il problema sia più profondo ed va analizzato sulle proposte che effettivamente Fiat ci da, la cura Marchionne con modelli made in USA trasformati in Lancia non farà mai mercato, prodotti scadenti non all’ altezza del marchio, Fiat con 500 non fa’ numeri sufficienti per fare cassa, perlomeno non da lavoro in Italia , il rimanente dei modelli e’ anacronistico, vedi croma , punto , doblo’ si salvano i commerciali!!!! Non credere che il sig. Landini abbia tutti i torti anche perché gli esempi che porti non possono essere paragonati ai tempi di oggi, purtroppo il consumismo porta a un mercato usa e getta.

  4. gabriella says:

    LA FIAT SA FABBRICARE MACCHINE DI CARTONE, QUANDO SCADE LA GARANZIA, L’AUTO ACQUISTATA E’ FINITA. SI DEVE COMINCIARE A SOSITUIRE TUTTO. E’ DAL 1997 CHE IO CON LA FIAT HO CHIUSO. LE MACCHINE STRANIERE SONO DA PREFERIRE.

  5. Robb says:

    la Fiat di Modelli ne fab eccome! …ma non per l’europa occidentale, Italia compresa. Non da ora giàda diversi anni, andate a vedere il sito Fiat Brasil x esempio dove ha più modelli ke da noi. Tra l’altro molti concessionari Fiat hanno + volte chiesto alla casa madre di importare (magari con un face lifting) alcuni modelli proprio dal Brasile per i segmenti dove la fiat non ha niente (ad esempio manca l’erede della croma o della marea) o per tutta la linea low cost che di questi tempi farebbe comodo e che in sud americas spopola..maniente proprio non ci pensa…eppure x l’europa dell’est molte le vende…sarà perchè non le deve fabbricare in italia e quindi così può far vedere che deve chiudere le nostre fabbriche dato che non producono quasi nulla???

  6. @pierandrea1965 says:

    bello spirito di patata. le tue amate citroen e renault hanno sparato una serie di modelli che non gli si sta dietro.
    il mercato è assi diverso dai 70 : hai presente iphone 345?
    chissà perchè la nokia non si riprende facendo un bello startac? era così carino ( io ne ho preso uno su ebay, )
    oggi tocca fare un modello ogni sei mesi. e non si scappa. ma tu non sei un esperto, a te piace il DS ( anche a me tra l’altro)

    • Dan says:

      Non credo si possano equiparare cellulare ed automobili a causa delle fasce di prezzo troppo diverse.
      Se i cellulari costassero in media 9 mila euro sono sicuro che la gente comincerebbe a guardarli con occhio diverso e pure lì sarebbero costretti a darsi una calmata

  7. Dan says:

    Il mio parere da profano è che la fiat non fa più macchine utili ma auto da gita della domenica.
    Chi ha una vecchia panda o uno, se la tiene ben stretta perchè sono macchine incredibilmente robuste e simil spartane, in pratica veicoli che puoi usare per andare al mare come per farci un trasloco.
    La gente non ha più soldi da spendere senza un perchè, non la convinci a cambiare veicolo proponendone un altro pieno di lustrini e moquette aspettandoti che si comprino più veicoli a seconda del giorno della settimana o dell’uso previsto.
    Quando si poteva spendere poteva anche essere un’idea avere l’auto da lavoro e quella della domenica più magari il furgoncino, adesso basta, la festa è finita.
    Comunque se vogliamo proprio parlare di una macchina immortale c’è il vecchio maggiolone

Leave a Comment