Femminicidio. Due donne uccise anche oggi dai loro compagni

femminicidio

#Femminicidio. Non si ferma la strage di innocenti.
Ha ucciso la compagna e poi si e’ tolto la vita. Un marocchino di 32 anni dopo il delitto si e’ impiccato nel parco pubblico di Azzano Mella, a poca distanza da dove e’ stato ritrovato il cadavere di una 47enne italiana. A dare l’allarme e’ stato un ingegnere che doveva effettuare un sopralluogo al parco pubblico. E’ stato lui a trovare il cadavere dell’uomo, mentre alcuni residenti nelle cascine di Azzano hanno avvertito i carabinieri della presenza di un’auto con tracce di sangue dove invece e’ stata trovata la donna uccisa. Sul posto i carabinieri e i magistrati della procura di Brescia.

Una donna di 65 anni e’ stata uccisa dal marito a botte e, forse, a colpi di pietra nel corso di una lite. L’uomo, Domenico Giannichi di 68 anni, e’ stato fermato e portato in caserma. La donna, Luisa Ciarelli, 65 anni, e’ stata uccisa nelle campagne di Torino di Sangro, in Abruzzo. La coppia, che tutti descrivono come unita e affiatata, era andata a fare una passeggiata quando e’ nato un litigio e l’uomo si sarebbe scagliato contro la moglie
uccidendola a botte e pietrate. L’uccisione e’ avvenuta alla periferia del paese che si trova tra Vasto e Lanciano. La strada tra i boschi che porta al luogo del delitto e’ stata transennata. Sul posto i carabinieri della Compagnia di Ortona (Chieti) coordinati dal maggiore Roberto Ragucci mentre la
Procura competente e’ quella di Vasto.
Sotto choc il sindaco Nino Di Fonso: “siamo sconvolti, Domenico e Luisa erano molti uniti, si volevano bene, li incontravo spesso – dice – erano in pensione e amavano passeggiare insieme. Non si capisce perche’ questa mattina sono usciti in auto, poi lui si sia fermato qui, forse volevano fare
una passeggiata o avevano altri impegni”.
Il marito prima di andare in pensione lavorava in un’azienda della zona come operaio metalmeccanico. La coppia ha due figli. Al momento non e’ noto il motivo del litigio. Il femminicidio e’ avvenuto a 300 metri dalla loro abitazione, alle 9,50 di questa mattina, in un zona boscosa, in via Monte, dove la coppia amava passeggiare tutti i giorni. E dove Domenico si e’ fermato con l’auto, poi la discussione e le botte. L’uomo avrebbe raccolto delle pietre a terra, poi scagliate contro la moglie che non ha avuto scampo.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment