Fedina penale per tutti, frontalieri e temporanei. Il Ticino chiude ancora di più le maglie dei controlli

di ELSA FARINELLITicino: Swissminiatur Melide

Non solo casellario giudiziario per i frontalieri. Il Gran Consiglio ticinese ha approvato mercoledì scorso due risoluzioni per chiedere all’Assemblea federale di modificare gli accordi sulla libera circolazione con l’Unione europea, affinché chi viene a lavorare in Svizzera, ma è più preciso dire chiunque e in diverse condizioni, debba presentare il casellario giudiziale.

La misura, che ora deve essere approvata anche da Berna, riguarderà, come anticipa tvsvizzera.it, chi chiede un permesso di dimora (permesso B), i frontalieri (permesso G) ma anche -questa la novità che allarga lo spettro dei controlli, rispetto alla proposta originaria della Lega- i lavoratori distaccati, impiegati temporaneamente nel Paese.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

A Civate il cd in lumbard: "Söl ram del Lac de Com" degli Orobics

Articolo successivo

Se il Veneto dice sì all'indipendenza catalana, cosa aspetta a indire il referendum?