Famiglie in rosso? Sono in Lombardia

debitidi ROBERTO BERNARDELLI – Più debiti non vuol dire sempre e solo più investimenti! Vuol dire, in questo momento di crisi, più difficoltà. Perché crescono le situazioni di povertà, di fasce deboli in stato di choc economico. Detto questo, prendiamo per buono l’ultimo rapporto della Cgia di Mestre, anche se non c’è da cantare vittoria. Non siamo usciti dal periodo nero. Le imprese chiudono, aumentano i falliumenti, il reddito è fermo, serrano bottega persino i centri commerciali. Insomma, non è tutto oro quel che vediamo. Il Pil è lento e greco…. Ancora non crediamo a Babbo Natale! Infatti la stessa Cgia attentamente riconosce che sono cresciuti i poveri negli ultimi 10 anni e che la ripresa dell’esposizione bancaria è dell’1,6%. Dire quasi ferma è la stessa cosa. Impercettibile, come il Pil, appunto!

E’ vero che Le famiglie italiane sono mediamente indebitate per un importo pari a 20.341 euro. Nell’insieme, i “passivi” accumulati con le banche e gli istituti creditizi ammontano a 525,9 miliardi di euro. I dati sono riferiti al 31 dicembre 2016. Rispetto alla stessa data del 2015, l’ “esposizione” bancaria è aumentata dell’1,6 per cento. A dirlo è l’Ufficio studi della CGIA. Sebbene lo stock dei debiti sia in aumento, la situazione rimane critica, ma non drammatica. In larga parte l’incremento è riconducibile alla mini-ripresa registrata dai consumi interni. Nei primi 6 mesi del 2016, ad esempio, i prestiti bancari alle famiglie consumatrici per l’acquisto delle abitazioni sono aumentati, rispetto l’anno precedente, dell’1,2 per cento e quelli per il credito al consumo del 5,5 per cento. A livello territoriale le famiglie più in “rosso” sono ubicate in Lombardia. Al primo posto ci sono quelle residenti nella provincia di Milano, con un debito di 29.304 euro; al secondo posto quelle di Monza-Brianza, con 28.901 euro e al terzo posto le residenti a Lodi, con 27.744 euro. Appena fuori dal podio scorgiamo quelle di Varese, con un debito medio che ammonta a 27.198 euro e quelle di Como, con 27.108 euro.

La prima provincia non lombarda che troviamo in questa particolare graduatoria è Prato: le famiglie di questa realtà toscana si collocano al 6° posto e sono indebitate per 26.988 euro. Subito dopo troviamo Roma, con 26.792 euro e Siena, con 25.624 euro. Le meno esposte in questa graduatoria, invece, sono le famiglie residenti nella provincia di Reggio Calabria, con un’esposizione di 10.037  euro, quelle di Vibo Valentia, con un debito di 9.284 euro, quelle di Ogliastra, con 9.151 euro. Infine, le famiglie meno indebitate d’Italia si trovano a Enna, con un “rosso” pari a 9.072 euro (vedi Tab. 1).tab1tab2tab3

Per indebitamento medio delle famiglie consumatrici italiane, tiene a precisare l’Ufficio studi della CGIA, si intende quello originato dall’accensione di mutui per l’acquisto di una abitazione, dai prestiti per l’acquisto di un auto/moto e in generale di beni mobili, dal credito al consumo, dai finanziamenti per la ristrutturazione di beni immobili, etc. Come vanno interpretati i risultati emersi a livello territoriale? “Premesso che le aree provinciali più appesantite dai debiti sono quelle che presentano i livelli di reddito più elevati – dichiara il coordinatore dell’Ufficio studi Paolo Zabeo – è evidente che anche in queste zone tra gli indebitati vi sono molti nuclei appartenenti alle fasce sociali più deboli. Tuttavia, le forti esposizioni bancarie di questi territori, soprattutto a fronte di significativi investimenti avvenuti negli anni scorsi nel settore immobiliare, non destano particolari problemi che, invece, scontiamo in altre aree del Paese, in particolar modo nel Sud”. Un quadro più generale lo descrive il Segretario della CGIA Renato Mason: “Dal 2010 al 2016 la variazione del debito nazionale delle famiglie consumatrici è stato del +8,8 per cento mentre l’inflazione del +7,4 per cento. Tuttavia, va segnalato che dopo il picco massimo toccato nel 2011 le esposizioni sono scese costantemente fino al 2014, per ritornare a salire negli anni seguenti fino a raggiungere il livello record di 525,9 miliardi di euro nel 2016” (vedi Graf. 1).

tab4

Merita comunque una riflessione la situazione in cui si trovano le famiglie più in difficoltà: “Da sempre la maggiore incidenza del debito sul reddito – conclude Zabeo – si riscontra nelle famiglie economicamente più deboli, vale a dire in quelle a rischio povertà ed esclusione sociale. I dati dell’Istat, purtroppo, ci dicono che negli ultimi 10 anni i nuclei in difficoltà economica sono tornati a crescere di numero, visto che gli effetti della crisi hanno accentuato, anche in Italia, il divario tra poveri e ricchi”.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

One Comment

  1. Ricci says:

    FISCO BANDITO !

    Non possiamo sottostare all’abuso dello Stato italiano a prelievi considerati incostituzionali in quanto sono lesivi agli artt.23 e 53 della nostra Costituzione,inoltre illegali in quanto in violazione della legge 212 del 2000 cioè “Statuto del Contribuente”.
    Questo comportamento viola i diritti del popolo lombardo,con decreti legge,regolamenti
    e circolari attuative di questo Governo,non eletto dal popolo, ma imposto dalla Presidenza della Repubblica.

    Gli accertamenti sono aumentati del 60% dal 2009 con i commercianti,gli artigiani,gli autonomi e le piccole e medie imprese nel mirino, con conseguenze deleterie.
    La protesta fiscale è sacrosanta,l’eccesso di statalismo pesa sulle spalle di tutte le imprese, di ogni attività e di tutti i contribuenti onesti italiani, la pressione fiscale motiva la ribellione,riscontrando inoltre la deficienza dei servizi, la mancata compensazione dei debiti verso le imprese tuttora rimborsati al 50%, compresa la burocrazia asfissiante e depressiva, questa è la debolezza cronica dei governi italiani.

    Noi proponiamo con immediatezza i tagli delle aliquote più alte,perché se energici e concentrati nel tempo, daranno la possibilità di far crescere l’economia,facendo emergere l’imponibile,accrescendo il gettito e garantendo maggiori entrate .

    In pratica l’euro in meno allo Stato ne frutta due di maggior reddito, pertanto andiamo ad avere un maggior gettito, riavviando la crescita dell’economia, nel contempo abolire l’Irap balzello anacronistico,perverso,ridurre l’lva al 15%,attuare la deducibilità totale dell’Irpef.

    Bisogna abbassare il carico fiscale ai livelli degli Stati Uniti, il risultato sarebbe un aumento delle ore lavorative e della produzione, creando lo sviluppo dell’imprenditoria del 15% e l’aumento dei salari del 30%, diminuendo il livello della disoccupazione, inserendo le giovani leve, inoltre diminuire il debito pubblico e migliorare le pensioni.

    Questa sono proposte costruttive,perché lo Stato vive con i nostri soldi, compresa l’inefficienza governativa dovuta alla burocrazia,la tangentocrazia,ottenendo sostanziosi privilegi, ma purtroppo il denaro pubblico viene costantemente sperperato, trascurando gli interessi del popolo, mentre il il debito pubblico è aumentato al 133%!

Leave a Comment