La propaganda di Stato passa per “Fanghiglia scristiana”

di ANTONINO TRUNFIO

Scorro le pagine di Famiglia Cristiana a casa di un parente, durante queste festività. Lo faccio solo perché mi ricorda quand’ero bambino, e all’uscita dalla chiesa la domenica, tenuto per mano dalla mia nonna materna, ritornavamo a casa felici per il pranzo domenicale. A pagina 25 del numero 53 del 30.12.2012 del settimanale suddetto, trovo un editoriale di un tale Riccardi. Solo dalla foto comprendo che si tratta del ministro del governo appena dimissionato. A differenza di tanti politici di sinistra o cattocomunisti, che sulla carta di identità alla riga “Professione”  (non dispondendone di una effettiva) si sono fatti mettere “Persona per bene”, il signor Riccardi, di professione giornalista, cosa spara dai cannoni della corazzata cattocomunista della carta stampata ? Ma semplice! Il sermone di fine anno.

Il Riccardi parte subito citando:  “…339.000 bambini in povertà…” per cominciare a commuovere le masse dei lettori; per mettere tutti i lettori in condizione di versare almeno una lacrima, aggiunge:  “…centinaia di migliaia di anziani con la fatica di vivere…”. Dopo la premessa “umanitaria” d’uffico, arriva il messaggio di speranza e salvezza anch’esso d’ufficio per tutti. Bambini ed anziani compresi. Udite, udite cosa scrive il Riccardi: “…eravamo sull’orlo dell’abisso un anno fa…” (che in confronto il famoso slogan “Impossible is Nothing” della Nike, è roba da principianti) “…oggi la situazione è migliorata …”. La paginata continua con “… c’è però un handicap all’impresa: la credibilità internazionale…”. (L’impresa – chiarisco il senso attribuito nell’articolo al termine – l’impresa di salvataggio del governo partita nel novembre 2011).

Ora, io ero rimasto alla credibilità internazionale recuperata dal governo in carica appena dimissionato, invece scopro grazie al baldo ministro nonché editorialista, che l’operazione non deve essere ancora del tutto riuscita e portata a compimento (forse perché i due marò prigionieri in India, dovranno a breve rientrare nel paese che fu del grande Ghandi?). Vi risparmio il resto delle stupidità e del proclama propagandistico del Riccardi, per evitarvi l’arresto cardiaco e il coma irreversibile. Nell’articolo neanche uno straccio di numero a sostegno della “situazione è migliorata” a parte quello dei bambini (339.000) che già parla da solo. Ma sicuramente dei disastri è responsabile Berlusconi, gli evasori fiscali e gli speculatori finanziari che vanno bene per ogni circostanza. Chi di voi ha lo stomaco forte può sempre  cercare Famiglia Cristiana del 30 dicembre scorso e leggere tutta pagina 25. Le parole e le frasi virgolettate di cui sopra, sono state trascritte integralmente dal testo dell’articolo.

Pare che alla pubblicazione dell’apologia di fine anno, da parte del suddetto benefattore d’ufficio e di Stato signor Riccardi, il suo capo bastone, il sobrio ragionier Mariugo Montozzi, altrimenti conosciuto in Cermania come la Ciofane Rekluta Mariuko Montozzen, abbia chiamato la redazione di Famiglia Cristiana per impartire l’apostolica benedizione governativa, promettendo preghiere e sovvenzioni anche per il 2013 e gli anni a venire. Al baldo ministro, il suddetto ragioniere ha promesso per sdebitarsi, lo stesso dicastero della beneficenza pubblica, se le masse dei lettori di famiglia cristiana, voteranno compatte per lui come premier. Si sa che pur di salvare l’itaglia, non c’è governo che si rispetti che non faccia l’impossibile. Infatti i risultati sono sotto gli occhi di tutti.

Da parte mia, per Riccardi e Famiglia Scristiana un solo augurio per il 2013 e gli anni a venire: Vergogna! E che il buon Dio vi seppellisca all’inferno.

P.S.: ora manderò una lettera al vetriolo alla direzione del cattoc0munismo stampato, di Fanghiglia Scristiana. Fra qualche giorno la invierò anche a voi.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

9 Comments

  1. gibuizza says:

    Bisogna riuscire, in ogni discorso o in ogni dibattito, a scindere la beneficienza dall’economia, la carità dalla socialità, l’accoglienza dalle regole, ecc. altrimenti non si riuscirà mai a distinguere la realtà dall’aspettativa. Ci sono delle qualità umane personali e delle qualità umane sociali, non mischiamole.

  2. Albert Nextein says:

    Famiglia cristiana è uno scadente prodotto, a mio modo di vedere.
    Mi piacerebbe sapere se e quanti soldi di sovvenzione riceve dallo stato annualmente.
    E’ un’entità propagandistica che attacca il carro dove vuole il padrone.

  3. Roberto Porcù says:

    Quella rivista non vale la carta con la quale è stampata.
    Anche tante altre in verità, ma questa è particolarmente subdola.

  4. Antonino Trunfio says:

    Non mi stupisco ormai da anni di nulla in questo paese colabrodo in cui ancora vivo. Monta semmai l’insofferenza e il ribrezzo di constatare come vi siano ancora milioni di beoti imbecilli che credono ancora alla befana, e non solo il 6 gennaio.

  5. nomenade says:

    il partito che avrá le palle di zittire il Vaticano e considerare i Cattolici (comunisti o conservatori che siano) comuni fottuti elettori e cittadini,quando nasce?
    “Getteremo il Vaticano nella toilette della storia!”…
    Cosí diceva il grande Umberto…poi peró…
    La politica deve leccare il culo ai preti…da sempre.
    La chiesa tiene unita l´Italia…Papi del nord e politici del sud…
    Quando passo sotto la statua di Arnaldo a Brescia mi tolgo il cappello…

    • Antonino Trunfio says:

      lei caro Nomenade, dunque è ancora tra queli che ritiene che un partito le potrà riconsegnare la libertà ?
      Le dico come la penso io e qualche altro migliaio di visionari o svitati, come spesso veniamo considerati :
      la libertà non la regala nessuno, o te la danno con le buone (mai capitato nella storia) o te la prendi con le cattive (historia docet).
      Mi stia bene, A.T.

  6. Franco says:

    La prima cosa da fare per aiutare i bisognosi è eliminare i sepolcri imbiancati rappresentati dal riccardi e dai suoi consimili, che fanno la carità con i soldi degli altri.

  7. Salvo says:

    SAI CHE NOVITA’…

  8. Caro Trunfio, di che si stupisce?
    L’organo catto-comunista fa semplicemente il suo mestiere e gli elettori di quella parte gli sono grati e lo leggono con avidità consolatoria.
    Niente di nuovo.

Leave a Comment