Padovan: “Satyagraha veneto, sciopero della fame per chi sta in carcere”

di REDAZIONE

Amici, ieri sera a Vicenza abbiamo vissuto la commozione di un popolo affratellato verso il traguardo dell’INDIPENDENZA. Che piazza!!!!

Mai visti tanti gonfaloni col lèon!!! 
Quanta decisione, quanta dignitosa rabbia, quanti sorrisi larghi e schietti: quanta brava gente, la nostra, lavoratrice.

Io, l’ho detto ieri sera, e lo ripeto, non riesco però a darmi pace per i “fradei butadi in te na gaera italica”.

Noialtri sen qua fora che godiamo del regalo dei  loro sacrifici e loro stanno nel silenzio nemico della privazione della libertà. E non possiamo fare niente: impotenti!
Impotenti?  ma proprio no!!!!  NO!!!

Sono tutti uguali dentro i nostri cuori.
Lucio Chiavegato, il nostro Presidente, è ormai al decimo giorno di sciopero della fame.
E allora ecco cosa faremo, con chi ci sta.

Anche noi cominciamo uno sciopero della fame: NIENTE cibo in solidarietà ai fradei in presòn. Patrioti dentro e patrioti anca fora. Il popolo veneto, la società veneta RISPONDE ai so fradei!
Lunedì comincia la settimana Santa e qualche sacrificio, me mama disea: fioreto, lo faremo anche noi.

Quindi da Lunedì ci assumiamo un po’ di responsabilità e ci affianchiamo idealmente a chi sta in carcere.
Un digiuno di un giorno, o due o tre. Insomma ciascuno offre il suo sacrificio come può. Ci serbiamo dentro il cuore, nel posto più intimo, che non possono certo rubarci, il nostro contatto spirituale con chi sta dietro le sbarre. Loro “sentiranno” la nostra vicinanza!

Per ogni patriota in carcere, un veneto OGNI GIORNO, finché non saranno tutti fuori, smettete di mangiare.
A turno: se dentro le italiche galere adesso sono in 21, vuoi vedere che non riusciamo a trovare 21 Veneti che li accompagnano OGNI giorno col loro personale sacrificio?

Ciascuno continuerà a fare il suo lavoro, andrà a scuola, in ufficio, sul campo, in fabbrica, e però quel giorno da lui scelto non mangerà, e saprà che lo sta facendo insieme a tanti altri fratelli e sorelle per alleviare le pene, col conforto della vicinanza del suo spirito, a chi è ingiustamente incarcerato e magari terrorizzato.
E non occorrono controllori, non è un gara. Come controllore abbiamo la nostra coscienza veneta, la stessa che ci porta a sostenere l’INDIPENDENZA come unica alternativa allo sfacelo italico che ci circonda.

Vogliamo evitare che ritorni l’incubo della emigrazione per i nostri figli?????  E questa è ormai una emergenza vera! Quanti figli se  ne stanno andando all’estero, quanti veneti stano ricalcando le strade aperte 80, 70, anni fa dai nostri nonni? E’ ora di dire BASTA!! E’ ora di fermare l’arroganza di chi ci perseguita, ci spreme e poi ci fa anche il predicozzo moralista!

Forza, diffondete, aderite, mandate una mail coi vostri dati e col giorno o i giorni che volete dedicare personalmente ai Serenissimi. Chi decide di fare un solo giorno, può anche non bere per 24 ore: sciopero totale.
Naturalmente chi ha problemi fisici è bene che si astenga e magari si dia da fare per coinvolgere altri.
Sarebbe bene che ciascuno si pesasse all’inizio e alla fine dello sciopero e magari ci comunica i dati.
Anche i Veneti all’estero possono, da lontano, attaccarsi alla nostra azione.

Facciamo vedere che NON ci hanno spaventati, che anzi ci hanno dato, con questa repressione, una grande forza per non tornare più indietro.
I nostri fratelli e sorelle in carcere sappiano che i loro sacrifici non sono stati vani.

Fabio Padovan

Manda il tuo impegno di partecipazione al Satyagraha che partirà lunedì 14 aprile 2014 a info@life.it indicando la data prescelta, nome, cognome, luogo di residenza, età ed eventuale motivazione che ti ha spinto dell’adesione. Il tutto sarà pubblicato e aggiornato nel sito www.life.it

BEN VENGA LA RESISTENZA FISCALE

Fabio Padovan, fondatore della L.I.F.E. è un’icona per chi si batte contro lo Stato oppressore e la sua longa manus fiscale. Imprenditore, ex deputato, laureato in econo­mia e commercio, ha organizzato un movimento antifisco sin dalla fine degli Anni Novanta. Memorabili i suoi scontri con la Guardia di Finan­za,  che gli hanno lasciato qualche cicatrice.

Sabato scorso era a Verona, per sostenere gli amici indipendentisti rinchiusi a Montorio. Ieri sera, anche lui era a Vicenza – con bandiera veneta d’ordinanza – dato che l’argomento portante della serata era la disobbedienza fiscale, argomento rispetto al quale va consuiderato un precursore, un vero antesignano.

In piazza, è stato intervistato da “Treviso 24″.

Riportiamo, di seguito, l’intervista fattagli dal collega.

CLICCA L’IMMAGINE E GUARDA IL VIDEO CON L’INTERVISTA A PADOVAN

Print Friendly


Nella stessa sezione:

16 Responses to “Padovan: “Satyagraha veneto, sciopero della fame per chi sta in carcere”” Subscribe

  1. al skender 14 aprile 2014 at 1:14 am #

    occorre che chi si impegna con lo sciopero della fame si assicuri di avere un risalto mediatico altrimenti tutto passa sotto silenzio…

  2. vox veritatis populi 13 aprile 2014 at 12:00 pm #

    Fabio Padovan è anche un tirthankara,un preparatore della via, colui che porta alla libertà e alla liberazione del suo popolo:ha fondato la L.I.F.E che ha fatto alzare la testa ai Veneti opponendosi alla tracotante arroganza del parassitismo romano esercitato attraverso la guardia di finanza(un ordine interno al corpo sconsigliava ulteriori verifiche ai soci life) e con la LA CAMINADA VENETA,seguita dal camper del mitico Luciano Ferri,ha dato origine alle camminate venete(da San Marco a san Marco-Marce silenziose)che hanno consentito ai Veneti di ritrovare la loro dignità e identità.

    il 25 Aprile tutti i Veneti a San Marco per la sua festa

  3. Alberto Pento 13 aprile 2014 at 6:38 am #

    Fabio e la goardia de finanasa

    http://www.filarveneto.eu/wp-content/uploads/2013/11/317_3.jpg

  4. dino1978 13 aprile 2014 at 1:19 am #

    Padovan che malfattore menzognero.
    Ha parecchi scheletri nell’armadio.
    Il suo primo sciopero della fama, quando era ancora nella Lega! Durante il giorno scioperava in tenda, alla sera correva in pizzeria. E noi imbarazzatissimi dovevano metterci davanti alla vetrina per impedire che da fuori lo vedessero! Questa e’ la nuova repubblica veneta???

    • Alberto Pento 13 aprile 2014 at 8:53 am #

      Coanto ke te ghe metarè el to nome e e el to cognome e te darè i fati co tuti i dati cusì ke podaremo verefegar te sarè n’omo; par deso a te si lomè on lurido talian sensa nome e buxiaro, magari leghista.

  5. luigi bandiera 13 aprile 2014 at 1:05 am #

    Si legge da lontano: i veneti devono stare sotto dominio e appena si muovono vengono messi in galera.
    Lo scrissi, fin che si parla e si scrive non faranno niente ma appena qualcuno fara’ saranno kazzi amari.

    Fabio Padovan lo ho sempre ammirato per il suo grande coraggio.

    Non e’ facile andare contro un mostro come l’e’ lo stato occupante.

    Stiamo uniti e vicini a chi e’ perseguitato piu’ di altri.

    PSM

  6. leandro 13 aprile 2014 at 12:26 am #

    Intanto tirè via la foto de Ghandi, ke nol xè stà proprio tanto pacifista. El gà so£o fato copare, anzi mase£are come pori agnelli, pì de diese mi£a indiani, ke i fasea dimostrasion contro gli inglesi stando sentà par tera. Mi no non me fasso copare cusì, se go da farme copare, voio morire almanco col sc-iopo in man.
    E dopo CHIAVEGATO, fin l’altro giorno el gera el capo del movimento 9 dicembre, sempre pien de trico£ori e dopo el xè diventà indipendentista tuto don colpo?.
    Sciopero dea fame? con stà crisi qua saria anca tanto fasie farla. Ma a chi giova?, Roma gnanca la se inacorze ke la fasemo e a£ora?, a ke scopo???. Saria come nel 1917, in piena prima guera mondia£e , ke la Madona la ghè gà dito ai tre pastoreli de fare digiuno e de dirgheo anca ai altri. In piena guera, ai quei tempi, se moriva quasi de fame e a£ora che discorsi sii questi???.mah…
    E dopo stì capi qua ke gavemo non i va ben far fare l’indipendensa. L’indipendensa Roma non la mea darà mai coe bone e a£ora me tocarà torsea col sc-iopo, non ghe xè altra strada, ma par desso non xè ora, parkè ancora se magna poco o tanto, quando gavaremo la pansa voda, faremo la rivo£usion, però stì” comandanti” qua, co i so ridicoi Tank, non i va mia ben, i xè massa inetti, incapaci ed imbelli, ghe voe altri ” generai e altri mezi” . Spetemo ancora el momento bon.

    • Alberto Pento 13 aprile 2014 at 9:02 am #

      Coeli ke li dopara el s-ciopo li ga da dopararlo e no da paciolar,
      Fa e taxi mona!
      Ma ti a te si ono kel prefarise parlar pì ke far.
      Gheto voja de torte el s-ciopo falo e taxi mona!

      Chiavegato el se ga fato ciapàr dai popoli soferenti taliani e el ga açetà el so tricolor, credendo de far ben.
      Anvençe ghemo visto ke col tricolor se pol far lomè ke del mal e ben el ga fato a molarlo.

      Anca mi a go barufà co Chiavegato par sto tricolor, par esarse fato manepolar da le tivi taliane e pa ver paciolà màsa … però lo consedaro senpre me fradeo e on conbatente de la lebertà omana e veneta.

      Onor a Chiavegato, a Padovan, a Jijo Faça e atuti i pareoti veneti ke conbate a la so manera la bataja de la lebertà!

      http://www.filarveneto.eu/forum/styles/prova_verdeoliva/imageset/site_logo.gif

      • leandro 13 aprile 2014 at 2:29 pm #

        Prima de tuto el MONA ti sì ti e anca tanto iluso e on poro ingenuo.. Lesi ben kueo ke mi gò scrito prima de parlare massa. Mi gò solo dito ke bisogna ciapare el sc-iopo in man solo quando gavaremo la pansa voda, osia quando saremo a£a fame e non prima. Lesi mejo la prosima volta e non stà darghe del mona ai altri ma tiente£o so£o par ti.
        Se non te lo ghè gnancora capio ke con questi qua non ‘dasemo mai in nesuna parte, ti sì proprio on poro ingenuo.

        • Alberto Pento 13 aprile 2014 at 5:42 pm #

          Mona, el s-ciopo ficateło su pal cuło e spara!
          Mi no me piaxe ki ke parla mal de łi altri, de çerti altri, come ca fe ti e ki sito pò ti vil-sensa nome.

          Łi veneti no łi ga sparà co xe rivà Napołeon, a parte coakedon come ente łe Pascoe Veronexi; no łi ga sparà co xe rivà łi Savoia co łi so plebesiti trufa, no łi ga sparà co łi Savoia łi ga ridoti a ła fame e a ła mexeria costrenxendołi a migrar; łi veneti no łi ga sparà gnanca co łi onti tałiani łi ga costrenxesti a far ła I goera mondial e łi ga desfà ła tera veneta … łi veneti no łi ga sparà gnanca co łi xe stasti ridoti a ła fame en mexeria e mandà a morir entel paltan e ła merda de łe trinçee.

          Ła viołensa ła xe pì ke on dirito par łexetema defexa.

          Ma ła viołensa, el ciapar el s-ciopo lè n’ato sagro, n’ato eroego, n’ato ke na olta sernesto e adotà el porta a ła morte, el sparxe morte e el segna anca ła to morte.
          Ciapàr el s-ciopo łè torse na gran croxe, lè on martirio e no se pol tratar sta roba seria come ca te fe ti.

          • leandro 13 aprile 2014 at 9:11 pm #

            TE DISO SO£O KE TI SI ON PORO CAN. TI TE OFENDI MASSA LE PERSONE, SENZA INACORZETE QUANTO STUPIDO KE TI SI’ E DOPO ME MERAVEJO DEA REDAZION KE LA TE PUBLICA. VA VANTI CON I TO DISCORSI E RIVAREMO AL 3MILA. SERCA DE SVEJARTE FORA.

          • leandro 13 aprile 2014 at 10:00 pm #

            TE DISO SO£O KE TI SI ON PORO CAN. TI TE OFENDI MASSA LE PERSONE, SENZA INACORZETE QUANTO STUPIDO KE TI SI’ E DOPO ME MERAVEJO DEA REDAZION KE LA TE PUBLICA. VA VANTI CON I TO DISCORSI E RIVAREMO AL 3MILA. SERCA DE SVEJARTE FORA E DE FARTE MANCO ILUSION.
            QUA NON SE VA DA NESSSUN PARTE!!!!!!!!!!!!!!!

          • leandro 13 aprile 2014 at 10:17 pm #

            i Veneti non i gà mai sparà???, bon… eco parkè semo ridoti in stà situazion de merda, se gavissimo sparà qualke volta forse sarissimo pì rispetà e so nà situasion mejo. E dopo non ti sì mia bon dire la tua senza ofendere? me pare ke te ofendi massa.
            Noialtri veneti semo massa boni ma anca massa cojoni e xè par questo ke non ‘ndasemo da nessuna parte, non farte massa ilusion.

          • leandro 14 aprile 2014 at 4:48 pm #

            E diso de pì: se gnanca quando semo drio morire de fame, par colpa de l’italia, non gavemo el corajo de ciapare in man el sc-iopo, vol dire che i fa ben a tegnerme sempre sc-iavi.

  7. Unione Cisalpina 12 aprile 2014 at 6:36 pm #

    beh Padovan … mi pare un valoroso kombattente in proprio … ed anke se x solo e precipuo disappunto fiskale kol governo, merita il giusto rikonoscimento di “Perseguitato Veneto x la Libertà” dallo stato italiano e sua degenere amministrazione centralista …

Lascia un commento