Gran Bretagna fuori dall’Ue: parola di ex ministro della Thatcher

di CARLO CAGLIANI

La Perfida Albione non ama proprio l’Unione europea. La Gran Bretagna deve uscire dall’Unione europea, che è diventata una ”mostruosità burocratica”. A dirlo dalle pagine del Times è il conservatore Nigel Lawson, storico ministro del Tesoro negli anni di Margaret Thatcher, che ha ancora grande influenza fra i tory.

”Il problema non e’ l’Europa – ha spiegato Lord Lawson nel suo intervento – con la sua grande storia e cultura incomparabile, ma l’Unione Europea. Confondere le due e’ sbagliato dal punto di vista storico e geografico”. Secondo Lawson, che ricorda di essere stato in favore dell’ingresso del Regno Unito nella Comunita’ europea, le condizioni attuali sono del tutto cambiate rispetto agli anni Settanta.

”L’economia del Regno avrà più da guadagnare che da perdere con l’uscita dall’Ue”, ha aggiunto. L’intervento di Lawson e’ destinato ad alimentare l’acceso dibattito all’interno del partito conservatore, in cui l’ala più euroscettica da tempo chiede a David Cameron di accelerare l’iter per il referendum ”dentro o fuori” dall’Unione, che e’ stato programmato per il 2017, ma si terra’ solo in caso di una vittoria tory nelle elezioni del 2015.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment