Evasione fiscale, Monti: l’Italia è in uno stato di guerra

di REDAZIONE

“Io penso che l’Italia si trova in uno stato di difficolta’ soprattutto a causa di questo fenomeno e che si trova da questo punto di vista in uno ‘stato di guerra’”. Lo afferma il presidente del Consiglio Mario Monti in un’intervista al settimanale “Tempi”, rispondendo ad una domanda sull’evasione fiscale. Il fenomeno, aggiunge, giustifica l’uso di “strumenti forti”. L’intervista e’ stata realizzata l’8 agosto scorso a Palazzo Chigi e sara’ presentata in anteprima al Meeting di Rimini (si apre domenica 19 e vedra’ l’intervento dello stesso Presidente del Consiglio. Monti fa un primo bilancio del suo governo e anticipa i temi su cui si focalizzera’ l’azione dell’esecutivo da settembre al termine della legislatura. Allorche’ Monti “crede” e “spera” di lasciare Palazzo Chigi a un politico eletto dal popolo.
Risponde infatti il Presidente del consiglio alla domanda circa la possibilita’ di proseguire nel suo mandato qualora gli venisse richiesto dalla maggioranza parlamentare che uscira’ dalle prossime elezioni: “Mi rifiuto di pensare che un grande paese democratico come l’Italia non sia in grado, attraverso libere elezioni, di scegliere una maggioranza di governo efficace e, indirettamente, un leader adeguato a guidarla. Quindi la sua domanda credo e spero non sara’ rilevante”.

Molto ampio il ventaglio delle questioni a cui Monti risponde. Dal tema del sovraffollamento delle carceri, sollevato da Pannella, associazioni del volontariato e 120 giuristi che hanno rivolto un appello al Capo dello Stato sollecitando indulto e amnistia.
Al tema della lotta all’evasione fiscale. Ma se in tema di carcere Monti ammette che non e’ possibile andare oltre alcune misure deflattive il sovraffollamento e per quanto riguarda l’amnistia”voglio ricordare che si tratta di una misura per la quale sono necessari due terzi dei voti del Parlamento che non mi pare al momento ci siano”, e’ in materia di lotta all’evasione fiscale che il premier rivendica un indirizzo particolarmente intransigente, anche a fronte delle pressioni che provengono dall’Europa.- “La notorieta’ pubblica del nostro alto tasso di evasione contribuisce molto a indisporre nei confronti dell’Italia quei paesi verso i quali di tanto in tanto potremmo aver bisogno di assistenza finanziaria. Come i paesi del Nord Europa, che dicono: “l’Italia e’ un paese molto ricco, pero’ lo stato ha un fortissimo debito pubblico che magari richiedera’ domani di aiutarla a rinnovare; eppure ci sono italiani ricchi o medi che sistematicamente non pagano le tasse””. Insomma, “l’evasione fiscale produce un grosso danno nella percezione del paese all’estero”. Di piu’, dice Monti, “io penso che l’Italia si trova in uno stato di difficolta’ soprattutto a causa di questo fenomeno e che si trova da questo punto di vista in uno “stato di guerra””. Questi sono i presupposti che, a detta del premier, giustificano l’uso di “strumenti forti”. Tant’e’, prosegue Monti, “Io stesso, fino a poche settimane fa, quando sono stato anche ministro dell’Economia e delle Finanze e quindi responsabile dell’Agenzia dell’entrate e responsabile politico della Guardia di Finanza, ho sempre incoraggiato fortemente le persone che vi lavorano a fare una dura lotta all’evasione. La seria lotta all’evasione puo’ comportare la necessita’ di momenti di visibilita’ che possono essere antipatici. Ma che hanno un forte effetto preventivo nei confronti degli altri cittadini”.
Quanto al settore giustizia, Monti anticipa “numerose novita’ legislative”. Novita’ “volte a dare risposta non solo all’emergenza carceraria ma anche a quella lentezza dei processi che, come calcolato dalla Banca d’Italia, incide negativamente sulla crescita del nostro Paese per un punto percentuale di Pil”. “Penso, ad esempio, al filtro in appello per le cause civili, all’istituzione di un tribunale per le imprese, alla riforma del risarcimento danni da eccessiva durata dei processi oppure alla revisione della geografia giudiziaria”, specifica il premier, al quale viene quindi chiesto se si senta orgolgioso del lavoro svolto. “Orgoglioso, di nulla” risponde Monti. Bensi’, “soddisfatto e grato, della conseguita possibilita’ di far lavorare per uno scopo convergente forze politiche divergenti. In spirito costruttivo e unitario siamo riusciti a mobilitare queste energie nel parlamento e forse anche in qualche misura a spiegarci col Paese in un momento che di per se’ sarebbe stato il meno adatto a recepire incisive e pesanti iniziative strutturali. Beh l’ha fatto. E l’ha fatto in un tempo molto concentrato e questo non mi rende orgoglioso, ma soddisfatto di aver contribuito a questo passaggio, che credo fosse inevitabile per non precipitare in una crisi dai contorni imprevedibili e per avviare l’Italia su una via di riforme e di crescita che daranno risultati piu’ avanti”. Da qui alle elezioni del 2013 Monti e’ convinto di poter ancora realizzare “tutte le iniziative in materia di risanamento dei conti pubblici e di contenimento del disavanzo che sono state gia’ decise ma che devono essere attentamente sorvegliate nella loro esecuzione”.
In secondo luogo, “azioni nel campo delle riforme strutturali (come quella del lavoro), che richiedono uno sforzo per la loro messa in opera e forse l’aggiornamento di alcuni aspetti”.
Infine, Monti riserva al prossimo semestre “la dismissione di parti del patrimonio pubblico per ridurre il debito” e spiega perche’: “Abbiamo preferito nella prima parte di vita del governo concentrarci sulla attivita’ di contenimento del disavanzo e di riforma, mentre adesso che abbiamo compiuto passi che hanno dimostrato all’Europa e al resto del mondo la capacita’ e la volonta’ del Paese di operare cambiamenti nel profondo delle sue strutture, e’ bene accompagnare queste riforme con una riduzione del debito pubblico attraverso la cessione di alcuni attivi. Se avessimo dato la priorita’ a quest’ultima azione si sarebbe potuto pensare che l’Italia non credeva necessarie riforme strutturali di modifica della propria “macchina” e questo avrebbe dato un pessimo segnale ai mercati e all’Unione Europea”.

tassi molto elevati rispetto al suo reale stato patrimoniale spinge il  Presidente del Consiglio a confermare il sostegno dell’Italia alla proposta fatta in sede euoropea dagli economisti Romano Prodi e Quadrio Curzio di trasformare l’ESM in Fondo Finanziario Europeo che emetta eurobond e rilevi parte dei debiti pubblici nazionali chiedendo agli stati delle garanzie reali. Monti pero’ conferma anche la riottosita’ della Germania e dei paesi nordeuropei agli eurobond. “Questa degli eurobond e’ una proposta articolata e intelligente – spiega Monti – che contiene anche elementi che da tempo il governo italiano ha portato al tavolo europeo.
Abbiamo visto tutti che alcuni paesi (certamente la Germania, ma anche alcuni Paesi nordici) non sono disposti in questo momento a dare il loro consenso agli eurobond. Cio’ significa che probabilmente essi verranno ma un po’ piu’ avanti, quando si saranno fatti passi verso una maggiore messa sotto controllo delle finanze pubbliche dei singoli paesi da parte delle istituzioni comunitarie”. “L’idea della Germania e di altri e’ che si possono mutualizzare in tutto o in parte i debiti pubblici solo quando si e’ sicuri che nessun paese sia deviante in materia di troppo debito pubblico”, spiega, “Ovvero, quando la politica di indebitamento sara’ gestita in modo piu’ coordinata dal centro”. Cambiando argomento, Monti definisce “grave” il caso delle telefonate del Capo dello Stato intercettate dalla procura palermitana e aggiunge che “e’ peraltro evidente a tutti che nel fenomeno delle intercettazioni telefoniche si sono verificati e si verificano abusi”. Di conseguenza, dice, “e’ compito del governo prendere iniziative a riguardo”.
.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

8 Comments

  1. evai says:

    Milton Friedman (un premio Nobel), sul paese ITALIA ha sostenuto “che se il nostro paese (Italia, nda) si regge ancora è grazie al mercato nero ed all’evasione fiscale che sono in grado di sottrarre ricchezze alla macchina parassitaria ed improduttiva dello Stato per indirizzarle invece verso attività produttive”. In qualche modo, sostiene Friedman, «l’evasore in Italia è un patriota»”.

  2. Franco says:

    Il sig. Monti, invece di pontificare sull’evasione ( sono cinquant’anni che ce lo sentimo dire) faccia fare a chi di dpvere, un’indagine sui patrimoni dei boiardi di stato, anche di quelli “al di sopra di ogni sospetto”, e di tutti i politici,rossi,neri e bianco/verdi, sindacalisti e arnesi vari che hanno portato il paese allo stato di putrescenza attuale. Più di duemila anni fa Cicerone ammoniva:”Carere debet omni vitio, qui in alterum dicere paratus est” Tradotto pedestremente significa “Ma da che pulpito viene la predica. Non si può pulire con la scopa sporca”.. Poi venga a raccontarcela. Le tasse vanno pagate solo perché vengano rese in pubblici servizi efficenti e strettamente necessari, non per alimentare, disservizi, sprechi e privilegi.

  3. DOLFINI BRUNO says:

    L’On. Monti non sa piu’ a che Santo votarsi per trovare il
    capro espiatorio per non dichiarare la sua incapacita’ a
    risolvere il problema al quale è stato richiamato :l’affossa-
    mento del lavoro per proteggere La Casta. Intercettazioni
    ed evasione fiscale :sciegliete Voi italiani il capro espiato-
    rio,ora,tra questi. Tutti i paesi “europei” sono nella merda fino al collo(consentitemi questa espressione di tono francesizzato) ,quindi che senso ha cercare di farsi prendere in considerazione da un’ ” Europa di Merda” ?
    Mi vien quasi da dire che l’economia italiana,al momento,
    sopravvive arrancando proprio per merito dell’evasione,
    della mafia cinese,della mafia russa,della mafia italiana :
    sono queste tristissime organizzazioni che fanno circolare
    ancora del denaro liquido : se aspettiamo l’On.Monti,
    moriremo tutti di fame. Saluti. Grazie.

  4. Una doverosa precisazione : i dati riportati su http://www.lindipendenzanuova.com/evasione-regionale/ rielaborazione su dati di Luca Ricopri sono convinto siano validissimi, solo vorrei citare indipendentemente fonti che confrontino i vari Land tedeschi, l’Austria, la Francia, la Gallia Cisalpina e la Magna Grecia, usando direttamente fonti incontestabili…

  5. Oppio la. Magna Grecia ovvero il aud Italia SONO DAVVERO peggio della Grecia: quando guardi tutti i parametri economici regionalizzati e confronti. Grecia e magna Grecia (sud italia) vedi che sono quantomeno paragonabili… vedi per esempio la bilancia commerciale ( http://buseca.wordpress.com/2012/08/17/regionalized-import-export-balance/ )…
    Sto cercando dati sempre regionalizzati sull’evasione fiscale da fonti incontestabili – chessò ISTAT o EuroStat, non appena ne avrò vi farò sapere….

  6. oppio 49 says:

    “l’evasione fiscale produce un grosso danno nella percezione del paese all’estero”. Di piu’, dice Monti, “io penso che l’Italia si trova in uno stato di difficolta’ soprattutto a causa di questo fenomeno e che si trova da questo punto di vista in uno “stato di guerra””
    ma questo imbecille collega la bocca al cervello?
    non è che, per caso, all’estero percepiscano l’itaglia come il paese della mafia?, o questo non produce un grosso danno nella percezione del paese all’estero?. non è che all’estero considerano il sud dell’itaglia peggio della grecia? non è che all’estero ci prendono per il culo per il numero spropositato di dipendenti pubblici? non è …. potrei andare avanti mezzora ma arrivo al sunto. MONTI, MA VAI A CAGARE

  7. oppio 49 says:

    questo è proprio un pezzo di merda itagliota che non ha nemmeno il coraggio di dire DOVE si evade. questa sera ho visto un servizio sull’argomento messo insieme da canale 5 in cui si evidenzia una crescita dell’evasione fiscale in lombardia del 15%.. vergognoso, da veri figli di puttana. mai una volta che queste televisioni, capaci solo di programmare telerincoglionimento, diano una notizia correttamente. questo sarà l’ultimo tg5 che ho guardato. Ma la lega dov’è? tutta in ferie e a fare le feste?

    • Dan says:

      Dov’è la lega ti chiedi ? Dov’è stata negli ultimi 30 anni: a contrattare cadreghe in cambio di concessioni sulle promesse fatte a noi poveri imbecilli

Leave a Comment