Europa, trattati da rifare. Lo sapeva anche Andreotti

andreottidi MARIO DI MAIO – Di ritorno da Maastricht, un pensieroso Andreotti chiosava: “se in Italia fossero permessi i referendum sui trattati internazionali, questo non passerebbe”. Infatti, dove i referendum sono stati fatti non è passato. Ma i vertici europei non hanno accettato il risultato e hanno imposto la ripetizione delle consultazioni col ricatto, assicurandosi così l’esito. Si tratta forse della pagina più nera della storia dell’Ue  per il carattere intrinsecamente dittatoriale e fasciocomunista dimostrato. Alla “nuova Europa” non interessa più il progressivo benessere dei cittadini, ma l’obbedienza dei suoi sudditi ai diktat delle multinazionali, che incorporano interessi di “terzi”. A Bruxelles hanno così trasformato i referendum, strumenti democratici, nell’esatto contrario. Praticamente hanno imparato dai Savoia che hanno “fatto l’Italia “oltre che con i cannoni ,con plebisciti “adeguatamente” preparati. Per questo va male l’Italia e va male l’Europa.

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

2 Comments

  1. giancarlo says:

    Concordo con tutti.
    Stiamo vivendo il periodo più nero della democrazia intesa come tale.
    Chi sta ai vertici politici sono diventate persone autoreferenziali e lasciatemelo dire dei dittatori giano bifronte
    poiché davanti sembrano democratici…..ma al momento della verità la maschera gli cade miseramente !!
    L’esempio dei referendum fatti in italia di cui molti pilotati spudoratamente o ignorati o aggirati o peggio disattesi la dicono lunga in quale paese viviamo.
    Adesso abbiamo due referendum per l’autonomia di Lombardia e Veneto….a cui è quasi d’obbligo votare SI’ per evidenti e giustificati motivi, ma poi ci sarà da ridere o da piangere su come Maroni e Zaia riusciranno ad ottenere dallo stato centrale ciò che anche la costituzione ci attribuirebbe per diritto.
    L’Emilia Romagna…….appoggiata dal PD…..adesso, solo adesso chiede direttamente l’autonomia ed il rispetto dell’art. 115 e in particolare il 117….andare a leggerli non si capisce come mai il PD e prima ancora i comunisti italiani non abbiano mai voluto applicare questi articoli della costituzione…..e sino a poco tempo fa si lavavano la bocca giorno e notte citando la costituzione….ma quale, quella che gli fa comodo a loro ???
    Ma per favore al posto di parlamentari e senatori abbiamo solo dei cialtroni strapagati e fannulloni che emettono leggi a loro più consone o per ideologia o per tutelare anche loro stessi, i figli, nipoti e parenti tutti………mortacci loro !!!!
    WSM

  2. luigi bandiera says:

    Di fatto e’ URKE e non Eu. E in generale l’e’ kompagna ne’..? Con tutte le carte piu’ “belle” del mondo da non rispettare se no il popolo diventa davvero sovrano, siamo qui a discorrere su una legge elettorale che toglie ulteriormente la sovranita’ del popolo. E la formula..? …in nome del popolo xxxxxxx ti condanno o ti assolvo..?

    Poi dite che dico sciocco quando affermo che: prima trovano l’inganno, poi fanno la legge.
    Non l’avete mai sentita perche’ avete sentito anche inutilmente e da sempre questa: fatta la legge, trovato l’inganno.
    Col cavolo…
    Da sempre prima trovano l’inganno (si fanno la legge ad personam i partiti in particolare) e poi sfornano la legge.
    La voce del popolo e’ ascoltata solo se avalla la scelta fatta dei partiti o sindacati, loro appendici, in quel momento al potere.
    E la chiamerebbero democrazia..?

    Invece e’ una dittatura demokratika. (stride la frase ma e’ meglio scriverla).

    L’intellighenzia e’ moolto malata cosi’ si va avanti proprio “ALLA VIA COSI'” verso il BARATRO..!

    Preghiamo

Leave a Comment