EURO-FALLIMENTO: CHIAMATA ALLE ARMI PER LE BANCHE CENTRALI

di ALASDAIR MACLEOD*

La velocità con cui la maggior parte della zona euro sta scendendo verso il fallimento sta accelerando. Il pacchetto di salvataggio per le banche spagnole, che sembra essere stato provvisoriamente fissato ad una cifra progettata per impressionare i mercati, non ha quasi per niente smosso le acque. Tutto ciò che ha ottenuto è stato quello di richiamare l’attenzione ancora una volta sull’impotenza delle autorità nel trattare con trappole del debito multiple. Allora, qual è la risposta?

Dipende dallo scopo che sta dietro la domanda. Se si tratta di cercare una vera soluzione, allora la risposta è quella di tagliare rigorosamente la spesa pubblica in tutti i paesi che dipendono dai mercati per finanziare i disavanzi di bilancio o per rinnovare i debiti esistenti. Solo un avanzo di bilancio convincente porterà a costi di finanziamento in calo. L’obiezione a questa soluzione è in parte politica e in parte per motivi di pregiudizio economico neoclassico. La prima persiste nel porre gli obiettivi sociali al di sopra degli obiettivi economici, mentre la seconda si è palesemente dimostrata sbagliata. In caso contrario, vi prego ditemi come un governo sappia praticamente meglio come rilanciare la ripresa in un’economia, senza trascurare l’accumulo degli eventi pregressi. Spiegatemi il motivo per cui quei paesi guidati dal consumo tanto amato dai Keynesiani e dai monetaristi si sono trasformati in casi disperati, mentre le economie guidate da una cultura del risparmio turbano costantemente tutta la teoria neoclassica facendo stare meglio i loro cittadini, in ogni caso.

La risposta è che l’intervento del governo è distruttivo! La tassazione e la regolamentazione sono gli strumenti con cui il governo distrugge la funzione sociale primaria degli esseri umani che scambiano il loro lavoro per il beneficio reciproco. Il governo non è un sostituto: il suo desiderio, consciamente o inconsciamente, è quello di controllare la vita delle persone per i propri obiettivi sociali. Questa è la motivazione dietro la distruzione del risparmio e la loro sostituzione con l’accumulo di debito; e per lo stesso governo, si sviluppano passività future. Invertire un accumulo di interventi passati, il che è necessario se le ricchezze di un paese devono essere migliorate a sufficienza per sfuggire alla completa bancarotta, va contro ogni motivo per cui un politico moderno sceglie tale mestiere.

Quindi è più probabile che lo scopo che sta dietro la domanda posta è quello di trovare una soluzione senza tagliare la spesa pubblica, e se possibile lasciarla aumentare ulteriormente. Per questo motivo, Keynesiani e monetaristi continuano ad essere impiegati nonostante il loro tremendo record negativo. Quindi, si troverà l’alternativa per far fronte alla realtà, e l’indizio, come osservò Sherlock Holmes, è il cane che non abbaiò nella notte.

Nonostante i segnali provenienti da tutto il mondo secondo cui le principali economie sono in stallo, è apparso strano che le principali banche centrali non si siano abbandonate in più quantitative easing. Si potrebbe sostenere con una certa convinzione che è andata così perché gli ultimi non hanno avuto l’effetto desiderato, e se un paese continuasse su quella strada (stampare moneta, ndr) rischierebbe di indebolire la propria valuta. Ma forse c’è un motivo alternativo: le grandi banche centrali stanno a guardare la crisi europea con la crescente consapevolezza che la zona euro è in procinto di andare in crash con conseguenze terribili per tutti. L’unica, ed ultima, soluzione sarà un giro coordinato di quantitative easing multipli, uniti dalla Banca Centrale Europea, quando il risultato senza di essi sarebbe ovviamente tanto terribile che nemmeno la Germania potrebbe opporsi.

*Tratto da http://johnnycloaca.blogspot.it

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

One Comment

  1. LOT says:

    UNA COSA PERÒ NON SI VUOLE CHIARIRE E IN QUESTO I MEDIA AIUTANO TROPPO:

    NON È L’EURO AD AVERE TOPPATO, MA LA LORO TROPPA INGORDIGIA.

    BANCHE ASSOCIATE A POLITICI E STRANI FACCENDIERI DI OGNI TIPO…

Leave a Comment