Esclusivo lindipendenza / Nessun Paese è pronto per rischio biologico. Ecco il Rapporto 2019 sulla sicurezza sanitaria globale

di Stefania Piazzo – E’ il 24 ottobre 2019 e sul sito ghsindex.org viene pubblicato l’ultimo rapporto Ghs ovvero l’indice sulla sicurezza sanitaria globale, che rileva come nessun paese sia preparato per epidemie o pandemie. Si legge subito sul documento che “Le Nazioni Unite dovrebbero convocare il vertice dei capi di Stato sui rischi biologici catastrofici entro il 2021”. Ma il coronavirus ha anticipato tutti.
L’importanza cruciale del documento è evidente, come è altrettanto evidente che la notizia non viene diffusa. Gira solo negli ambienti tecnici, tra i governi. E tutti, come nulla fosse, proseguono i tagli sulla sanità o a mantenere lo status quo confidando nell’unico criterio non scientifico che non dovrebbe regolare la gestione della cosa pubblica: la scaramanzia, affidarsi alla fortuna, anziché predisporre un piano globale, in un mondo globalizzato, per salvare il pianeta da una epidemia prima che diventi pandemia.
Lindipendenzanuova vi propone il testo principale del rapporto, ma se volete approfondire, come scritto in apertura, potete smanettare e sfogliare tutte le interessanti pagine che spiegano cosa manchi e cosa fare. Anzi, cosa sarebbe stato indispensabile fare senza arrivare alla catastrofe di questo 2020. Eppure, nonostante Wuhan, nulla si è mosso. Tutti aspettavano il vertice del 2021 delle Nazioni Unite, evidentemente. E l’Italia? E’ al 31° posto nel mondo per la prevenzione di epidemie. Siamo a posto. Ma di certo a fronte della Cina, che è più in là nella graduatoria, e che grazie a misure militari ha frenato il virus, in Italia tutto è affidato a divieti e raccomandazioni. Anche gli Usa, primi in classifica, non devono cantare vittoria. Col sistema sanitario che si ritrovano, chi ha soldi si  cura, gli altri no, essere primi conta zero.

L’indice Global Health Security (GHS) è la prima valutazione completa e benchmarking della sicurezza sanitaria e delle relative capacità in tutti i 195 paesi che compongono gli Stati parti del Regolamento sanitario internazionale (IHR [2005]). L’indice GHS è un progetto della Nuclear Threat Initiative (NTI) e del Johns Hopkins Center for Health Security (JHU) ed è stato sviluppato con The Economist Intelligence Unit (EIU). Queste organizzazioni ritengono che, nel tempo, l’indice GHS stimolerà cambiamenti misurabili nella sicurezza sanitaria nazionale e migliorerà la capacità internazionale di affrontare uno dei rischi più onnipresenti del mondo: focolai di malattie infettive che possono portare a epidemie e pandemie internazionali.(tratto dal sito ghsindex.org )

WASHINGTON, DC – La sicurezza sanitaria nazionale è fondamentalmente debole in tutto il mondo e nessun paese è completamente preparato a gestire un’epidemia o una pandemia, secondo la prima valutazione completa e benchmarking della sicurezza sanitaria e delle relative capacità in 195 paesi.

Un progetto congiunto della Nuclear Threat Initiative (NTI) e del Johns Hopkins Center for Health Security, con ricerche dell’Economist Intelligence Unit (EIU), l’indice inaugurale Global Health Security pubblicato oggi rileva gravi debolezze nelle capacità dei paesi di prevenire, rilevare e rispondere a significativi focolai di malattia. Il punteggio medio complessivo dell’indice GHS 2019 è 40,2 su un possibile punteggio di 100. Anche tra i 60 paesi ad alto reddito valutati, il punteggio medio è 51,9.

“I risultati sono allarmanti: tutti i paesi, a tutti i livelli di reddito, hanno grandi lacune nelle loro capacità e non investono sufficientemente nella preparazione biologica”, ha affermato il copresidente e CEO di NTI Ernest J. Moniz. “La linea di fondo è che i rischi biologici globali stanno crescendo, in molti casi più rapidamente di quanto i sistemi sanitari, la sicurezza, la scienza e i governi possano tenere il passo. Dobbiamo garantire che tutti i paesi siano pronti a rispondere a questi rischi. ”

Tom Inglesby, direttore del Center for Health Security, ha dichiarato che l’indice GHS, sviluppato con la guida di un panel internazionale di esperti di 13 paesi, può essere utilizzato da ministri della sanità e delle finanze, organizzazioni internazionali, filantropi, finanziatori e accademici. “Che si tratti di focolai naturali, intenzionali o accidentali, in qualsiasi paese si presentano rischi per la salute globale, la sicurezza internazionale e l’economia mondiale”, ha affermato Inglesby. “Speriamo che questo indice aiuti i paesi a identificare le lacune, creare preparazione e migliori pratiche e tenere traccia dei progressi nel tempo.”

“Questo indice è un potente strumento per i cittadini e la società civile per ritenere i propri funzionari governativi responsabili della preparazione sanitaria”, ha affermato Sam Nunn, copresidente della NTI.

L’indice GHS valuta i paesi in sei categorie, 34 indicatori e 140 domande usando deliberatamente solo informazioni pubbliche. L’indice confronta la sicurezza sanitaria nel contesto di altri fattori critici per combattere gli scoppi, come i rischi politici e di sicurezza, il più ampio sistema sanitario e l’adesione del Paese alle norme globali.

I migliori risultati

Oltre alla sua scoperta generale che la sicurezza sanitaria nazionale è fondamentalmente debole in tutto il mondo e che nessun paese è completamente preparato per epidemie e pandemie, l’indice GHS rileva:

I paesi non sono preparati per un evento biologico catastrofico a livello globale, compresi quelli che potrebbero essere causati dalla diffusione internazionale di un patogeno nuovo o emergente o dal rilascio deliberato o accidentale di un agente o organismo pericoloso o ingegnerizzato.
Il 92% non mostra prove di richiedere controlli di sicurezza per il personale con accesso a materiali biologici o tossine pericolose.
Le prove disponibili suggeriscono che la maggior parte dei paesi non ha testato importanti capacità di sicurezza sanitaria o dimostrato che sarebbero funzionali in caso di crisi.
Meno del 5% mostra l’obbligo di testare i propri centri operativi di emergenza almeno una volta all’anno.
La maggior parte dei paesi non ha stanziato finanziamenti dai bilanci nazionali per colmare le lacune di preparazione.
Solo il 10% mostra prove dell’impegno dei leader senior per migliorare la capacità sanitaria locale o globale.
Più della metà dei paesi si trova ad affrontare importanti rischi politici e di sicurezza che potrebbero minare la capacità nazionale di contrastare le minacce biologiche.
Solo il 23% ottiene il punteggio più alto per sistema politico ed efficacia del governo, rappresentando circa il 14% della popolazione mondiale.
Nella maggior parte dei paesi mancano le capacità dei sistemi sanitari di base indispensabili per la risposta epidemica e pandemica.
Solo il 3% mostra un impegno pubblico a dare priorità ai servizi sanitari per gli operatori sanitari che si ammalano a seguito della partecipazione a una risposta di sanità pubblica.
Il coordinamento e la formazione sono inadeguati tra i professionisti e i responsabili delle politiche della sanità pubblica e veterinaria.
Solo il 30% dimostra l’esistenza di meccanismi per la condivisione dei dati tra i ministeri competenti per la sorveglianza umana, animale e faunistica.
È essenziale migliorare la conformità dei paesi alle norme internazionali in materia di salute e sicurezza.
Meno del 50% ha presentato misure di rafforzamento della fiducia per la Convenzione sulle armi biologiche negli ultimi tre anni.

I risultati e le raccomandazioni dell’indice GHS su come affrontare le lacune significative nella sicurezza sanitaria globale derivano da un focolaio di Ebola in corso nella Repubblica Democratica del Congo e cinque anni dopo che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (ONU) si è incontrato in crisi sull’epidemia di Ebola in Africa occidentale .

Il rapporto descrive che, nonostante l’entrata in vigore del Regolamento Sanitario Internazionale riveduto più di 10 anni fa, i responsabili delle decisioni si concentrano solo sporadicamente sulla sicurezza sanitaria e rimangono intrappolati in un ciclo di perpetua sorpresa quando si verificano epidemie in luoghi imprevisti. In un momento in cui i rischi sono ingigantiti da un mondo in rapida evoluzione e interconnesso, e quando i progressi della tecnologia rendono più semplice la creazione e la progettazione di agenti patogeni, la consapevolezza dei rischi non è chiaramente sufficiente. È necessaria la volontà politica per proteggere le persone dalle conseguenze delle epidemie, agire per salvare vite umane e costruire un mondo più sicuro e sicuro.

I migliori consigli

Un principio fondamentale dell’indice GHS è che la sicurezza sanitaria è una responsabilità collettiva. L’indice GHS offre 33 raccomandazioni per i singoli paesi e per la comunità internazionale. I consigli includono:

Il segretario generale delle Nazioni Unite dovrebbe convocare un vertice a livello di capi di Stato entro il 2021 sulle minacce biologiche, compreso un focus sul finanziamento e sulla risposta alle emergenze.
I governi nazionali dovrebbero impegnarsi ad agire per affrontare i rischi per la sicurezza sanitaria.
La capacità di sicurezza sanitaria in ogni paese dovrebbe essere trasparente e regolarmente misurata e i risultati dovrebbero essere pubblicati almeno una volta ogni due anni.
I leader dovrebbero migliorare il coordinamento in ambienti non sicuri, in particolare i collegamenti tra le autorità di sicurezza e di sanità pubblica.
Dovrebbero essere istituiti nuovi meccanismi di finanziamento per colmare le lacune in termini di preparazione, come un nuovo fondo multilaterale di adeguamento della sicurezza sanitaria globale e l’espansione delle dotazioni della International World Association Association per includere la preparazione.
Il segretario generale delle Nazioni Unite dovrebbe designare un facilitatore permanente o un’unità per eventi biologici ad alto rischio.
I paesi dovrebbero testare le proprie capacità di sicurezza sanitaria e pubblicare revisioni post-azione, almeno una volta all’anno.
I governi e i donatori dovrebbero tenere conto dei fattori di rischio politico e di sicurezza dei paesi nel sostenere lo sviluppo della capacità di sicurezza sanitaria.
L’indice GHS è stato sviluppato in un periodo di due anni e mezzo. I passaggi chiave includono un progetto pilota iniziale per testare il framework; recensioni di un gruppo internazionale di esperti che comprende 21 esperti di 13 paesi; un processo di raccolta e convalida dei dati per un anno da parte di 110 ricercatori EIU; e opportunità per i governi di convalidare i dati.

 

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. Sembra quasi di vivere un film di quelli catastrofici che negli USA vanno di moda.
    Al contrario desidero esternare il mio pensiero su questo corona virus.
    Penso che tutto sia nato da uno Stato, che non so identificare esattamente, che per motivi che si possono anche intravedere quali la supremazia economica o militare abbia voluto testare un virus piuttosto contagioso e del quale non sappiamo ancora se di natura naturale o piuttosto da laboratorio. Insomma dopo questo evento e valutati i tempi di reazione e di contagio questo stato potrebbe decidere di alzare il tiro ( avendo già preparato il suo vaccino) di una guerra batteriologica vera e propria la quale potrebbe destabilizzare mezzo mondo e metterci in ginocchio.
    E’ una ipotesi non tanto fantasiosa poiché stiamo assistendo a delle vere e proprie guerre commerciali per la supremazia economica e finanziaria. Un film già visto nei cinema ma che potrebbe materializzarsi se gli altri stati non potenzieranno le loro sanità per annullare o depotenziare qualsiasi idea balzana di guerra batteriologica da parte di chi pensa di poter diventare anche una potenza despota e padrona del mondo intero.
    Mi auguro di far sorridere molte persone ma resta il fatto che difronte a noi abbiamo degli scenari piuttosto inquietanti. La Cina avrebbe potuto sperimentare su sé stessa ( non dimentichiamo che il 98% dei cinesi sono atei e che il loro governo è dittatoriale e comunista) un virus per poi vederselo sfuggire di mano…..gli USA invece al contrario nazione guerrafondaia avrebbero potuto farlo per depotenziare il loro più acerrimo concorrente, cinese, al fine di potersi risollevare commercialmente ed industrialmente. La fantasia è fervida ma la realtà ci dice anche che qualcuno o qualcosa sta giocando con il fuoco. Lo sapremo tra qualche anno se qualcuno si deciderà a svelare il mistero di questo virus e se ciò accadrà, auguriamocelo, sapremo come comportarci veramente in futuro se ne avremo ancora uno a diposizione.
    WSM

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

La comunicazione "ad minchiam" al tempo del coronavirus

Articolo successivo

LE INDICAZIONI DI FNOVI PER LE STRUTTURE MEDICO VETERINARIE