Errani commissario al terremoto e Fassino commissario all’immigrazione. Calderoli: così Renzi mette a tacere le rogne dentro il Pd

calderoli secessionista

“Se davvero Piero Fassino, o chiunque altro, venisse nominato commissario a Palazzo Chigi per le politiche sull’immigrazione confido che il ministro Alfano abbia un sussulto di dignità e si dimetta l’istante successivo, perché è evidente che questa nomina sarebbe la conferma del fallimento del suo lavoro. E’ comunque incredibile vedere come Renzi approfitti del suo ruolo istituzionale di Presidente del Consiglio per sistemare le beghe interne al suo partito, con nomine ad hoc. Questo è il vero Job acts di Renzi, trovare occupazione ai suoi avversari interni, così prima ha piazzato Errani a commissario per il terremoto, liberandosi di un possibile avversario al prossimo congresso, poi ha messo Manzione al Csm, e adesso potrebbe piazzare Fassino, a commissario all’immigrazione, liberandosi di un’altra figura scomoda, peraltro un ex segretario del suo partito”. Lo afferma Roberto Calderoli, vice presidente del Senato e responsabile Organizzazione e Territorio della Lega Nord.

Print Friendly

Articoli Recenti

Lascia un Commento