Ennesimo record: l’Italia ha le tasse più alte d’Europa sul lavoro

di REDAZIONE

L’Eurostat conferma: l’Italia è sul gradino più alto del podio per quanto concerne la tassazione sul lavoro in Europa. Nel 2012 la pressione fiscale sulle persone fisiche crescerà di quasi 2 punti percentuali passando dal 45,6 al 47,3 per cento. Nel 2000 era al 45%.
I dati diffusi dall’Istituto di Statistica Europeo parlano chiaro. L’irpef nel 2012 in Italia è pari al 47,3%, la media dell’Eurozona si attesa al 43,3%. Nel 2011 l’imposta sui redditi delle persone fisiche era al 45,6% nel Bel paese, in Europa la media era al 42,2% .
Le rilevazioni di Eurostat sono relative alle aliquote massime di imposta sulle persone fisiche, per livelli di reddito che ovviamente variano da Paese a Paese. Per l’Italia l’aliquota più alta viene applicata sui redditi che superano i 75mila euro.
Nel 2010, ha calcolato ancora l’Eurostat, il cosiddetto peso implicito – cioè tasse più gli oneri sociali dello Stato – sul costo del lavoro è salito al 42,6%, dal 42,3 dell’anno precedente. Nei Paesi dell’Eurozona il tasso medio è stato del 34%.

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. Tiri uno schiaffo ad una persona e questa ti porge l’altra guancia: cosa realizzi da un simile comportamento ?

    Che la persona è in grado di sopportarne altri e magari gli piace pure quindi continuerai a tirarglieli

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Rifiuti, vale 9,5 miliardi l'anno il fatturato dell'industria del riciclo. Più del tessile

Articolo successivo

Il Sun di Murdoch sfida la Regina e pubblica le foto di Harry nudo