Effetto domino. Anche l’Olanda vuole uscire dall’euro. Prende forza la Nexit

geert wilders2Dopo la Brexit, la ‘Nexit’. A coniare la nuova espressione è l’olandese Gert Wilders che sull’onda dell’entusiasmo euroscettico auspica su Twitter l’uscita dell’Olanda dall’Unione europea.

E il temuto ‘effetto domino’ del referendum del 23 giugno comincia a prendere forma. Il ministro delle Finanze tedesco Wolfang Schaeuble lo ha detto chiaramente allo Spiegel che “non si può escludere” che altri Paesi seguano l’esempio della Gran Bretagna in caso di una vittoria dei ‘Leave’. E aveva citato proprio l’Olanda, “stretto alleato del Regno Unito”.

Oggi è stata la ministro degli Esteri svedese Margot Wallstrom in un’intervista alla Bbc a lanciare l’allarme sul rischio che l’Europa finisca in frantumi. Gli altri Paesi, ha sostenuto, potrebbero pensare: “Beh, se loro possono andarsene forse anche noi dovremmo tenere un referendum e forse anche noi dovremmo andarcene”. Ma anche nel caso in cui vincessero i pro-Ue, ha avvertito Wallstrom, ci possono essere conseguenze negative se anche gli altri Stati della Ue chiedessero gli sconti e gli ‘opt-out’ che il Regno ha ottenuto negoziando sotto la minaccia del referendum.

L’Olanda, dove il partito di Wilders anti europeo e anti immigrati sarebbe in grado di sedurre un elettore su quattro, non è l’unico Paese europeo in cui gli euroscettici potrebbero cavalcare l’onda britannica. In Francia c’è Marine Le Pen, in Ungheria Viktor Orban, in Italia Matteo Salvini. Secondo uno studio pubblicato in settimana dal centro di ricerche americano Pew Research Center, la percentuale degli europei che ha un’opinione positiva dell’Ue è crollata nell’ultimo anno, causa crisi migranti e politiche di austerity. Solo il 38% dei francesi interpellati, ad esempio, il 17% in meno dell’anno scorso, sostiene l’Unione europea. In Spagna la percentuale è del 47%, 16 punti percentuali in meno. Meglio in Germania, dove è dalla parte dell’Ue il 50% dei tedeschi con un calo solo dell’8% rispetto all’anno precedente. Quale che sia il risultato del referendum, insomma, il giorno dopo l’Europa non sarà più la stessa. (www.cdt.ch)

Print Friendly

Articoli Recenti

2 Commenti

  1. Castagno 12 says:

    In uno Stato, privo di Sovranità, il popolo, impropriamente definito “Sovrano”, attende sempre, dalla politica, risultati che non possono arrivare. Quindi il popolo deve avere la possibilità di decidere in prima persona, senza subire condizionamenti dovuti ad episodi di violenza provocati ad arte (vedi Brexit). Certo che un popolo disinformato, che rifiuta o rimuove rapidamente le informazioni perchè sono brutte, decide sempre in funzione di quello che non sa: E’ UN POPOLO DI “BIMBI”, quindi destinato ad ubbidire.
    Nell’Ue abbiamo l’olandese Get Wilders che, con un messaggino, “auspica” l’uscita dell’Olanda dalla Unione Europea. Che audacia, che sforzo !
    C’è poi Marine Le Pen che afferma che la Francia ha più motivi della Gran Bretagna per uscire dall’Ue. Ma contemporaneamente auspica una Europa nella quale gli Stati membri abbiano il diritto di decidere se partecipare o meno a certe politiche comuni. La gentile signora, che dondola, si decida: la Francia deve uscire dall’Ue o ci deve restare sperando che venga concessa una libertà d’azione a dei Paesi ingabbiati a bella posta perchè possano solo ubbidire ?
    Ed i francesi aspettano che Madame venga eletta nel 2017, non c’è premura.
    La baguette è un alimento gradevole per l palato, ma da molti anni contiene troppo glutine. Questa sostanza non perdona: impedice al primo “cervello”, l’intestino, di convogliare al secondo cervello, la “centralina”, la quantità indispensabile di nutrienti fondamentali.
    Noi abbiamo Salvini, inglobato da Forza Italia. Qualche settimana fa ho letto su televideo una dichiarazione di Berlusconi (mondialista DOC) che confermava la necessità di restare nell’Ue e di migliorarla.
    Ma in tutti questi anni l’Ue ci ha sfornato un ricco menu di danni (sempre in aumento) in tutti i settori della nostra vita. L’Ue è un SuperStato progettato a tavolino ed imposto, quindi E’ UNA ENTITA’ CONTRONATURA. E’ governata in assenza di Democrazia (vedi la Commissione europea), subisce una invasione, organizzata per togliere l’identità ai vari popoli che la compongono, è stata disastrata economicamente e finanziariamente. SERVE ALTRO ?
    Riguardo agli ‘interessi dei Popoli che la compongono, l’Ue è una Entità sbagliata, dannosa e mefitica, che può solo essere CAMBIATA IN PEGGIO, a vantaggio della dittatura che la gestisce: IL NUOVO ORDINE MONDIALE.
    Le promesse di Salvini FARANNO USCIRE IL SUO ELETTORATO DAI GANGHERI, NON DALL’UE !

  2. Castagno 12 says:

    CHIACCHIERE TANTE, FATTI ZERO !
    Salvini parla, parla, ma non raccoglie le firme per indire il referendum ITALEXIT.
    A me risulta che non ha la possibilità di agire in tal senso. E i suoi iscritti, i suoi militanti, non gli chiedono spiegazioni.
    I leghisti residui da tanti anni tengono la bocca spalancata e vuota. Intendono restare ancora tanto tempo in “dolce attesa” ?
    I danni che l’Ue ci procura giornalmente sono in crescendo. L’italia non è un Paese Sovrano, ma il suo popolo crede di esserlo: infatti va a votare. E allora perchè non chiede di uscire dall’Ue, frullato di popoli eterogeneo e dannoso, nel quale altri l’hanno cacciato ?
    Purtroppo chi è nato in ginocchio (vedi la realizzazione dell’Unità d’italia) è destinato a subire !
    Io non approvo per niente la “riservatezza”, la “discrezione” ed il silenzio dei vari Movimenti che, solo a parole, si dichiarano anti Sistema.

Lascia un Commento