Ecoderivati, quando le banche si mettono a fare i divulgatori scientifici

di RICCARDO POZZI

Qualche anno  fa, organizzando a Mantova  la presentazione di un libro del Prof. Battaglia, climatologo e docente di chimica ambientale a Modena, dall’esplicito titolo “L’illusione dell’energia dal sole”, mi resi conto che responsabili e  amministratori locali mi trattavano come una specie di  appestato. Il motivo lo intuii successivamente,  assistendo ad alcuni incontri pubblici organizzati da istituti di credito e finalizzati alla divulgazione di particolari prodotti finanziari.

In uno di questi, un dirigente cercava di interessare un platea di agricoltori dell’alto mantovano con seri riferimenti scientifici, descrivendo l’energia fotovoltaica come il futuro della nostra strategia energetica nazionale.

In sostanza,  è successo   che molti istituti di credito si sono trasformati in appassionati informatori scientifici per cercare di convincere la loro tradizionale clientela  ad installare, su campo o sui tetti,  grandi  superfici di pannelli solari. Mutui pluriennali che, con l’incentivo del rimborso pubblico e la garanzia di qualche rogito di famiglia, stanno indebitando migliaia di cittadini ed enti pubblici,  aumentando la potenza installata di fotovoltaico , spesso” made in China”, che tutti  contribuiamo a pagare con le nostre  sempre più care  bollette.

Senza entrare nel dibattito apertissimo sull’inadeguatezza dell’attuale fotovoltaico e sul suo reale contributo al fabbisogno nazionale, va riconosciuto che, ovviamente, non c’è niente di male nel cercare di vendere i propri prodotti finanziari. C’è molto di male se, per venderli,  il banchiere si mette il cappello del divulgatore scientifico e si lancia in spericolati teoremi  del tipo: 1mq di fotovoltaico = 1 barile di petrolio, affermazione difficilmente accettabile in terza liceo e, invece, tranquillamente accettata nei meeting informativi come dimostrazione indiscutibile della efficacia di quella scelta.

Se a pensar male si fa peccato ma ci si indovina, appare molto meno misterioso l’interesse delle banche per le energie rinnovabili ed è piuttosto curioso verificare come  nessun complottista, che fino a ieri tuonava contro gli interesssi delle lobby del nucleare e del petrolio, oggi  si accorga dell’enorme affare che si muove dietro l’incentivazione culturale ed economica di certe scelte energetiche.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. CARLO BUTTI says:

    Se veramente è stato detto che 1mq di fotovoltaico=1barile di petrolio siamo di fronte a un caso di “dolus malus”, perseguibile ai sensi della legge penale. Il dottor Dulcamara che vende l’elisir di lunga vita e il filtro della regina Isotta, immortalato da Donizetti, è molto simpatico; i banchieri pataccari fanno invece soltanto rabbia, perché sono molto più pericolosi e mentono sapendo di mentire E se ,per citare ancora Donizetti, volesse “impicciarsene un tantin l’Autorità?”

Leave a Comment