E Salvini blinda la segreteria prima delle amministrative. Congresso il 21 maggio

salvini no euro

La Lega punta a un congresso ‘soft’, senza sfidanti per l’attuale segretario Matteo SALVINI. E’ questa l’ipotesi prevalente nel Carroccio – a quanto apprende l’AdnKronos – dopo che  il segretario, in Consiglio federale, ha dato l’annuncio che ci sarà il congresso a metà maggio. La data potrebbe essere quella del 21 maggio. In tanti, all’interno del partito, pensano, infatti, alla riconferma di SALVINI, ritenendo che il congresso, arrivando prima delle amministrative dell’11 giugno, non possa permettersi di mostrare una Lega con fazioni contrapposte e divisioni, con salviniani da una parte e bossiani dall’altra. E che anzi, l’occasione del congresso vada ben utilizzata, anche mediaticamente, evitando boomerang pericolosi. Non è un caso, che, durante il Consiglio, il segretario SALVINI si è preoccupato di spiegare come “lo Statuto del partito non verrà toccato”, restando nero su bianco nel testo-guida del Carroccio, l’obiettivo del raggiungimento dell’indipendenza della Padania. Rassicurazioni del segretario che sono state immediatamente salutate con favore da Umberto Bossi e suggellate da una plateale stretta di mano tra il Senatur e SALVINI, come non avveniva da tempo.

Per altri dirigenti leghisti, invece, il congresso dovrebbe tenersi subito dopo il voto amministrativo. Perché – è questo il ragionamento – potrebbe essere quella l’occasione migliore per analizzare il risultato elettorale, e soprattutto, per verificare se la leadership di SALVINI e la linea politica sovranista siano vincenti. Mettendo in campo eventuali correttivi e cambi di linea. Pro e contro, che verranno sciolti lunedì prossimo, quando i vertici leghisti si riuniranno per la decisione definita su quando e dove si farà il primo congresso da quando SALVINI è segretario.

Print Friendly

Related Posts

Leave a Comment