E l’Oracolo disse: Maroni faccia come… l’Italia di merda

di TONTOLO

In Lega non si sa più chi comanda. Il ragionier Roscia, che conosce tutti i più reconditi segreti del mondo e perciò anche di via Bellerio, dice che si devono interpretare i segnali che manda il più astuto opinion maker di area: il Citterio di Radio Padania.

Bene, l’altro giorno l’Oracolo ha detto che per conquistare e mantenere il consenso in Lombardia, Maroni deve fare assunzioni a manetta (decine di migliaia di dipendenti regionali e di forestali) e dare lavoro e commesse solo a cooperative ed aziende collegate al partito, come hanno sempre fatto i compagni nelle regioni rosse. Solo così  si crea una solida e fedele rete di consenso elettorale che cementerà  i culi leghisti su tutti gli scranni del potere regionale. Non c’era ironia nelle sue parole (una mancanza che unisce in maniera bipartisan maroniti e bossiani) e dobbiamo pensare che sarà davvero questa  la strada che prenderà la nuova amministrazione di Palazzo Lombardia: frotte di nuovi assunti beneventani  porteranno beneficio al mercato immobiliare. I magutti del mio bar sono già tutti pronti a ripartire in pulmino alle 4 del mattino per Milano.  Questo sì che si chiama rilancio dell’economia!

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

16 Comments

  1. Luca L'Insubre says:

    Io credo che semplicemente il buon Citterio volesse dire che la Lega deve pensare a creare posti di lavoro per i padani (ed ha ragione: perché senza lavoro, ricordo a tutti, non si mangia) cosa che finora non ha fatto ed anzi, con la storia del “non si fa, noi siamo diversi” siamo riusciti a fare assumere ovunque tutto il resto del mondo tranne noi. Sarebbe il caso magari di cominciare dal pubblico, scardinando il terronaio cattocomunista che ci ritroviamo in tutte le istituzioni, a vantaggio dei nostri. Se secondo voi il discorso non fila, continuiamo a farci comandare dalla crème de la……….

    • gianluca says:

      Ma si ovvio tutti attaccati alla tetta pubblica, e come la finanziamo che non c’è più una lira, con nuove tasse? dimostrazione che i padani si sono terronizzati

      • giuliano citterio says:

        Come è che la gente si agita solo se la Lombardia comincia a fare come tutte le altre regioni ? Perchè se dà più euri ai lombardi, poi ne dà meno ai parassiti e agli spreconi ? Quando mai questi scriventi hanno protestato per quello che fanno EmiliaRomagna, Toscana, Umbria,Trentino, Campania, Sicilia, Lazio e così via ? Quelli che criticano questa ipotesi, ( provocazione ma non tanto ) sono razzisti antipadani, quelli che vogliono la Padania schiava di roma, altro che tetta pubblica ! Siamo noi la tetta pubblica, altro che le palle di tontolo e dei suoi fans…..

  2. Beh, può essere una soluzione parziale del problema Politico che ha seminato per anni tanta merda in Italia.
    L’altro problema più importante sta nel risolvere vecchie e nuove ingiustizie che frenano con immenso odio il Paese.
    Milano, 7 luglio 2013.

    CAMERA DEI DEPUTATI
    On. Presidente LAURA BOLDRINI.
    Palazzo Montecitorio – Piazza Montecitorio.
    00186 ROMA ITALIA.

    Oggetto: LETTERE SENZA RISPOSTA.

    Illustrissimi Onorevoli,
    Continua il braccio di ferro fra Governo e i Cittadini Italiani soppressi da una Politica disastrosa denominata Democrazia dello Stivale, con 17 Legislature e 65 Governi tutti anti Costituzionali che mettono in risalto la (Mii) ossia: la Mafia Italiana Istituzionalizzata, la quale con gli ultimi due Governi Monti e Letta dimostrano una Guerra dichiarata al buon senso ed alla civiltà del nostro Paese.
    Nel ricoprire le varie funzioni essenziali per la guida del Paese, ricorrono a persone inermi, allo scopo di mantenere inalterati i programmi di un sistema che ha portato il Paese al disastro Economico, Giuridico e Spirituale.
    Il Paese richiede un Ente capace di risolvere le varie ed infinite speculazioni generate dal Potere Istituzionale manovrato da incapaci non soltanto di impostare il lavoro a loro affidato, ma non rispondono neppure alle lettere che denunciano uno stato di profonda preoccupazione per il futuro del Paese, creando successive rivendicazioni che inginocchiano sempre più la Nazione.
    LETTERA DEL 2 MAGGIO 2013 SENZA RISPOSTA.
    LA CORRUZIONE NELLA REGIONE LOMBARDIA SORRETTA PER ANNI DA COMUNIONE E LIBERAZIONE. (Uno dei vari partiti d’interessi economici collegati alla Chiesa Cattolica, la quale sta affondando con la perdita della Fede, favorendo filosofie straniere più sociali).
    Il fenomeno della corruzione soffocata abilmente per lungo tempo da una Mafia Istituzionalizzata che si é insediata nelle poltrone del Potere Regionale Lombardo.
    Di seguito è descritta una storia che ha fatto il giro del mondo in varie lingue e si ripercuote in modo addizionale sulla grave crisi che ha inginocchiato il Paese.
    Premetto che una parte dello scritto con riferimento al comportamento ignobile di emissari della Regione Lombardia e della Chiesa sono stati omessi, descrivendo sommariamente i fatti.
    LA STORIA. Riportata su (Economiaitaliana.it) e tantissimi Giornali stranieri.
    Dal 1972 al 1992 per decreto legge emesso da Giovanni Leone (considerato l’uomo degli scandali, poi obbligato a dimettersi), allora Presidente della DC, tutti i lavoratori Italiani furono derubati di una tassa addizionale inizialmente programmata per la creazione di un Fondo GESCAL che avrebbe permesso allo Stato di raccogliere miliardi con la causale di fabbricare case popolari per i bisognosi.
    Fu rafforzato l’Ente denominato IACP amministrato da personale Politico, nel quale furono incamerati una parte dei soldi raccolti e iniziarono a costruire case a costi superiori al valore di mercato, per far fronte al supporto della corruzione Politica Italiana ormai incarnata a livello Nazionale.
    In quanto al resto dei soldi, la parte più consistente della torta, si trattava di migliaia di miliardi, non si sa che fine abbiano fatto. Nel frattempo molti Politici sono diventati ricchissimi. Pare che la DC, o chi per lei, disponesse di molti Palazzi in Svizzera. Pare che il Presidente Moro, in poco tempo divenne miliardario, ma non riuscì a portarsi dietro la sua fortuna, eliminato ante tempo dalle Brigate Rosse. Pare che varie storie di suicidi eccellenti siano collegati a inganni Politici.
    Bisognerebbe chiedere alla DC, ai Sindacati e ai Governi ombra di allora, i quali Governarono il Paese per tanti anni, , come nacque il pentolone senza fondo che diede origine al penoso debito Pubblico Nazionale sempre crescente dall’inizio della crisi Italiana degli anni 70 sino ai nostri giorni, abilmente addebitata al mondo che deve cambiare per adeguarsi alla Politica Italiana.
    Terminate le costruzioni nel 1975, lo IACP iniziò ad assegnare le case alle famiglie a condizioni di riscatto, in modo che l’Ente rientrasse nei soldi della costruzione attraverso i mutui Bancari. Il colpo di scena, i documenti concernenti il riscatto non sono mai arrivati, malgrado proteste e ricorsi alle Autorità superiori. Nessuno risponde. Legge del silenzio per non ammettere inganni e speculazioni Istituzionalizzate. Intanto i Condomini pagavano le bollette mensili gonfiate, deprivati persino dei servizi fatturati e mai goduti, deprivati anche di una Amministrazione dei Fabbricati, il tutto per mantenere una Piramide di corrotti e corruttori al servizio dei vari Partiti.
    Nel 2001 lo IACP viene sostituito in gran segreto dall’ALER, cancellando ogni precedente accordo con gli inquilini. L’ALER subentra come dipendenza della Regione amministrata da rappresentanti della Chiesa Cristiana, la quale con la forza si impadronisce delle case già pagate oltre dodici volte il valore originale, sottraendo sia i soldi iniziali versati dai lavoratori alla GESCAL, sia i pagamenti versati dagli inquilini per oltre 37 anni: le case diventano proprietà della Regione nelle mani del Partito di Comunione e Liberazione.
    L’ALER, come dipendenza della Regione Lombardia, Governata da Roberto Formigoni dal 1995 sino al 2012, apparente autore del colpo mancino del millennio, rappresentante del Partito della Chiesa “Comunione e Liberazione” il tutto soffocato per anni dall’informazione, minacciando di sfratto tutte le famiglie che non sottostanno a pressioni e soprusi imposti dal sistema, con l’appoggio dei Sindacati e dei Politici a libro paga.
    Il caso non fu mai risolto nonostante i vari cambi di Governo. Uno scandalo di grandi proporzioni di cui non tutti sono informati, e fu riportato all’attenzione dell’opinione pubblica mondiale come uno dei tanti reati impuniti dello Stato Italiano.
    Oggi la Nazione oltre alla Crisi, paga le conseguenze dei furbetti, con una recessione causata da diversi decenni di Sciacallaggio Politico e Spirituale.
    Come finirà, è un interrogativo senza risposta. Chi vivrà vedrà: si dice che i mulini del signore macinano lenti e alla fine colpiscono pesantemente.
    TROPPI PROBLEMI NAZIONALI IRRISOLTI CHE GENERANO RIVENDICAZIONI. Il problema fondamentale del nostro Paese è la forza della disinformazione per generare confusione, creata da penne ben retribuite in malafede che fanno volare persino gli asini, e per questo molti giornali andrebbero chiusi, molte bocche sigillate, molti Politici confinati, molti Giudici esautorati, molti Professori dovrebbero ritornare sui banchi di scuola per imparare Sociologia, Psicologia, Umanesimo, Economia, Fratellanza, Amore, Rispetto e Onestà.
    Dinanzi ai nostri occhi vediamo un Paese ridotto a un profondo decadimento di civiltà.
    In questo Paese e a queste condizioni, nessuno mai guarderà con lo spirito necessario per mancanza delle elementari garanzie di Giustizia Sociale che frenano lo sviluppo del Paese.
    Vi sono tantissimi progetti di possibile sfruttamento di nuovi e importanti sviluppi industriali per generare lavoro, uno fra i tanti Generare Elettricità a costi meno 80% di quelli attuali senza incentivi da parte del Governo, i quali attendono la necessaria sicurezza da parte dello Stato nel riordinare la Politica del Paese intervenendo sulle ingiustizie vecchie e nuove che sopprimono la ripresa, sottraendo ai cittadini soprattutto ai giovani il lavoro e le speranze sul futuro del nostro Paese.
    Rispettosi Ossequi,
    Anthony Ceresa.
    (Firma autografa sostituita a mezzo stampa)

  3. giuliano citterio says:

    Solo per chiarire che “Italia di merda” è farina del sacco di Tontolo, che se ne deve assumere la responsabilità civile e penale. Purtroppo non è la prima volta che Tontolo ( forse da qui il nome ? ) mette proditoriamente in bocca ad altri parole pesanti per fare titolo, facendo credere che sia il soggetto dell’ articolo a pronunciarle. Si vede che così fanno i bravi giornalisti. Per il resto del pezzo chissenefrega.

    • Miki says:

      Parole sante Giuliano!

      • lory says:

        la spinta propulsiva della Lega è esaurita, troppi compromessi con lo stato centrale, in tutti gli anni che la Lega ha governato con Papi non un solo privilegio è stato eliminato, solo parole……………..

      • Veritas says:

        Giuliano, questo ai chiama “scemo del villaggio” ma i due , in genere, si equivalgono.
        Quelle due lettere del Ceresa non hanno senso peerchè lui si à dimenticato dei signori sinistrorsi che sono ultraricchi ma fan finta d’esser poveri;
        A loro i voti non ancheranno mai proprio perchè hanno fornito tanto lavoro e la loro manodopera li voterà sempre; verrà il giorno che a votare ci andranno solo loro…Coperative di ogni genere, super e ipermercati
        (con l’aggiunta di distributori di benzina e di altri prodotti vari), aziende agricole e perfino battelli per la pesca che portano pesce fresco ai super..Non sto a parlare, poi, di immobili vari o altro ma con un giro della Toscana -loro feudo .da sempre- . si possono sapere tante cose.
        Dell’ M.P.S. si è sempre saputo ma paresi si stianno allargando anche in questo settore
        Dimenticavo; ai loro lavoratori forniscono spesso anche le abitazioni .

    • Non c’è dubbio che un leghista mai avrebbe il coraggio di mordere la mano del padrone… penso che nessuno abbia avuto nemmeno il vago sospetto di un tale atto di ribellione da parte di un servo dello stato italiota… e ora TUTTI IN PIEDI PER L’INNO DI MAMELI! Canta TOSI!

  4. Roberto Colombo says:

    forse Citterio stava facendo un ragionamento giusto che, volutamente, arriva alla conclusione sbagliata: le assunzioni clientelari dovrebbero smetterla di farle TUTTI; certo, se in Teronia non smettono, facciamo benissimo a farle pure noi in Lombardia.

    Detto così mi pare suoni meglio e soprattutto non fa una piega. O no?

    • gianluca says:

      Suvvia non diciamo castronerie: assunzioni clientelari sulle spalle dei contribuenti? Si rende conto di cosa sta dicendo? Finché avremo questo tarlo italico in testa non andremo mai da nessuna parte…

      • Miki (cogito ergo rhum) says:

        La regolarizzazione dei precari di Lombardo-Mpa (che è anche uno dei meno peggio,x inciso) e le consulenze affibiate a capocollo appena varcato il rubicone Lei direttore come le definisce? Assunzioni nel primo caso non c’è dubbio; un cicinin clientelari si può dire?

    • Francesco says:

      ne fa mille di pieghe… e cmq la lega è già fallita proprio per questo, perchè há mutuato il modus vivendi italico.

  5. Dan says:

    Più che un oracolo, un oraculo però ha ragione. La lega, questo clone di un partito statalista quale il pd, non deve inventare niente di nuovo, semplicemente imitare quanto fatto dagli altri

Leave a Comment