E l’impeachment di Mattarella porta lo spread a 230

spread-largeSaltato il governo di Giuseppe Conte, ora tocca all’ex commissario alla spending review Carlo Cottarelli: l’economista è entrato al Quirinale (a piedi con trolley a seguito) dove è stato convocato dal presidente della Repubblica per le 11.30. Lo spread dopo un’apertura al ribasso è tornato a salire a 230 e lo scontro politico e istituzionale resta altissimo dopo che Luigi Di Maio e anche Giorgia Meloni hanno minacciato la messa in stato di accusa del Capo dello Stato, con la Lega che sull’impeachment non segue M5s e Fdi, che hanno evocato la piazza.

Pur parlando d’altro, Mattarella avverte intanto che “la minaccia di violenza” resta e osserva come l’antidoto non possa che essere il rafforzamento della “sensibilità democratica” e la fedeltà “ai principi che ispirano la nostra convivenza”. Ore difficili che fanno scendere in campo a sostegno del Colle diversi esponenti della società civile ma anche del Partito democratico: via tweet Dario Franceschini invoca la necessità di ritrovare l’unità smarrita e dice “verrà il tempo del confronto interno, ma ora ogni divisione tra noi sarebbe imperdonabile”. E Carlo Calenda fa sapere di essere pronto a metterci la faccia e assicura di volersi candidare alle prossime elezioni. Il voto infatti torna ad avvicinarsi e anche Alessandro Di Battista, tra i big pentastellati, mette per iscritto di non voler mollare: ha la valigia in mano ma non appena si aprirà la campagna elettorale – assicura – farà ritorno perché si “deve credere e lottare per le proprie idee”. Che dopo l’intesa sul contratto-programma e la squadra di governo, i gialloverdi possano siglare un patto anche elettorale è una domanda che resta senza una risposta netta: “Vedremo”, dice Salvini che sembra però guardare ora in particolare agli alleati di centrodestra e soprattutto a Silvio Berlusconi: “Se vota il governo Cottarelli addio alleanza: la nota di ieri – osserva – era la stessa di Renzi”. Forza Italia, che ieri con il Cavaliere ha definito l’impeachment “irresponsabile”, chiosa per bocca del portavoce dei gruppi parlamentari azzurri Giorgio Mulè “non daremo i voti a un governo tecnico e nemmeno i Cinque Stelle, quindi un governo che nasce già minoritario”.

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. Mi pare che stiate sbagliando di nuovo: ieri davate la colpa a Salvini e non a Mattarella, oggi date la colpa dello spread all’impeachment e non alla nomina di Cottarelli che non avrà mai la fiducia in Parlamento.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Tante spese, poche entrate. Il contratto Di Maio-Salvini non sarebbe durato a lungo

Articolo successivo

"Colpo di Stato" dello Stato? Bernardelli (Grande Nord): Caro Mattarella, io li avrei fatti governare, si sarebbero schiantati da soli