E l’Europa, molle come un fico, tiene testa all’islam??

eu puzzledi MARCELLO RICCI – Sull’Italia la spada di Damocle degli attentati islamici.   Le esigenze spirituali si realizzano prevalentemente attraverso le religioni. Le grandi religioni hanno le loro gerarchie, il Papa, il Rabbino capo, il Patriarca o nella Chiesa anglicana hanno come riferimento i reali e l’arcivescovo di Canterbury, così di seguito; i testi religiosi fondamentali sono interpretati in modo che possano essere
sempre aderenti al mutare dei tempi.

L’Islam è pietrificato nel Corano, non può subire interpretazioni; resta un punto fermo per regolare tutto quello che concerne la vita, la giustizia, la famiglia, la scuola, la salute; non esiste in modo assoluto una separazione tra Stato e religione. Inoltre, non è un fatto marginale, esprime frequente ferocia e violenza che sono i lieviti del terrorismo. È impossibile identificare le guide apicali della religione islamica. Prima di
tutto si deve tenere conto, come ampiamente dimostrano le cronache mediorientali, che l’Islam ha anche guerre namente invadono la penisola e che restano legati alle organizzazione dei paesi di provenienza.
Tutti gli accordi, tutte le mediazioni si basano su concessioni reciproche delle parti; è assoluta l’indipendenza degli imam, degli ayatollah e gli accordi raggiunti in ambito di una consulta nazio-nale valgono solamente per chi li ha sottoscritti e nel caso in esame, concederanno vantaggi solo agli islamici. I molteplici gruppi che operano in Italia a quale Islam sono legati?

Uno sguardo agli Stati islamici: ai due principali modelli di riferimento dell’Islam politico, quello della rivoluzione iraniana e quello del wahabismo dell’Arabia saudita sono entrati in crisi. Tra gli sciiti, cresce la protesta giovanile e l’isolamento di Teheran; nell’Arabia saudita, la reazione all’attentato dell’11 settembre ha
reso precaria la situazione politica, con la conseguente importazione della scuola teologica di Deoband, che guida la formazione dei talebani.

Di fronte a un quadro religioso-politico di questo tipo è impossibile che attraverso una Consulta, SI raggiunga un’efficace azione di contrasto del terrorismo che ci minaccia concretamente. Solo partendo dall’osservazione e dall’esperienza storica si possono elaborare strategie di lotta al terrorismo, non disperdendo risorse ed energie in consulte che alimentano vaghe speranze di tranquillità. L’Italia e tutta l’Europa debbono fare molti passi indietro sulla globalizzazione.

L’Europa non decolla, non ha statura politica, deve ancora amalgamare gli Stati confluiti nell’Ue e studiare
nuove strategie d’ammissione, in rapporto al quadro geo-politico mondiale. Un momento di crescita difficile e molto delicato; in questo contesto inserire anche i problemi dell’invasione islamica, proiettata verso un grande califfato, è follia.

Le nazioni europee debbono irrobustirsi, amalgamarsi chiudendo le frontiere agli islamici, che oltre a creare problemi di ogni genere, rallentando il processo di integrazioni con la loro impossibile integrazione; è una misura elementare e prioritaria. Si deve affrontare subito, la non facile sorveglianza dei numerosi musulmani presenti sul territorio; con le frontiere chiuse per gli islamici, con preciso censimento di quelli che, purtroppo, sono in Europa che devono essere strettamente controllati e di cui si deve incentivare il volontario ritorno alle loro terre di origine (ove non sussistano motivi per l’espulsione).

In una seconda fase, in un’Europa consolidata, con islamici censiti si potrà con loro stabilire, anche attraverso una Consulta un diverso rapporto che in questa fase potrebbe rivelarsi produttivo. I popoli hanno il diritto di scrivere la propria storia che non può essere dettata dagli interessi economici delle multinazionali che si configurano come stati economici privi di radici, privi di storia, privi di principi etici.
Le nazioni, non possono subire il crimine dell’invasione di campo degli islamici. Nel vasto quadro mondiale
non possono essere chiusi gli occhi sui nefasti risultati che si producono consegnando il destino dei popoli al mercato, alle religioni che esprimono un potere di governo o a dottrine politiche che assumono un ruolo unitario sostitutivo della religione come il Comunismo che ha cancellato l’antica grande civiltà della Cina e ha creato una deflagrazione economica paragonabile a quella atomica.

L’Islam si accinge a produrre lo stesso effetto sul piano etico, spirituale e socio economico. La lettura del Corano ne fornisce la prova.

 

 

Print Friendly

Recent Posts

3 Comments

  1. Ric says:

    Chi ben inizia è a metà dell’opera;
    sembrerebbe di essere in una giungla , invece è molto peggio .
    allora lo spartiacque procedurale deve contemplare uno schema a blocchi di visione che polarizzi una sorta di operazione qualifica che riveli nettamente il vulnus .
    Possiamo ragionevolmente affermare che il
    PRIMO discrimine sia ben focalizzato sui valori dell’intelligenza e del sapere o meno , e , non in subordine ,
    SECONDO antropologia genetico-razziale ed istinti di morte e i di vita , come anatomia della distruttivitá.
    Se , più una persona è intelligente meno diffida dell’assurdo , altrettanto vero che l’ignoranza confida nelle superstizioni notoriamente religioni per menti deboli. Infatti è nelle
    TERZO debolezze trasversali di natura psico biologica che si instaura la perniciositá del male , tale da auto prodursi, finendo col distruggere il bios sano e contestualmente tutto il sé.
    Perciò religioni come fattori intimistici e riservati , introspezioni metafisiche di natura privata , stop,( già sono fracassone e pagliacciate certe processioni da sud Italia strombazzanti col patrono capo bastone tra sacro e profano , scuole che crollano di mura grondanti di bugie ideologiche di timbrificio assistito , figuriamoci le moschee rifugio degli assassini legalizzati , non se parli nemmeno !) PERCIÒ,
    non modelli per indottrinare debolezze ignorantoidi di paure e pregiudizi , non oppiacei compensativi delle frustrazioni umane come mal riposte concezioni socioloidi dell’ideologismo totalitarista .
    Tuttavia ,
    QUARTO l’accezione a “naturale “ è dicotomia fuorviante in presenza d’intelligenza in luogo ove quest’ultima spinga un essere ad esistere ed a conservarsi per tanto tempo come condicio sine qua non ; il mistero della vita sta proprio nell’opportunità di qualificarla , ma allungandola , e l’opportunità è cibo d’intelligenza come la prevenzione per lo stato salus .
    Pertanto la naturalità della morte umana è centralitá di visione e fattore filosofico working progress , scorporata da masochismo isterico fatalista della “dolce morte “ , che invece è epifenomeno di fanatismo patogeno .
    Detto questo , il nichilismo , l’auto negazionismo , dalle droghe , al cibo ,all’ambiente , ai fattori comportamentali e di costume , bramosie ed aviditá alle sopraffazioni , se conclamati scientificamente deterioranti, allora risultano giocoforza modellatori dell’indirizzo epigenetico deprivato di consapevolezza e ragione , equilibrio e rindondanza , fattore principe per il controllo ( per gli scienziati della NASA che progettarono la spedizione sulla luna la maggior difficoltà per il realizzo veniva rappresentato da come effettuarne il ritorno più che l’andata).
    QUINTO ,
    “primum vivere , deinde philosophari “ cioè INDIPENDENZA , per addivenire alla Libertà di poter imprimere operazione qualifica con linguaggio chiaro e senza fraintendimenti ( se ti rinchiudono in gabbia col lupo famelico , lui fa il lupo e tu il suo pasto ).
    Il sistema Italia , vedi Europa , vedi multinazi. vedi falsificatori , vedi TTIP ,vedi trilateral , Bilderberg , vedi global truffe , vedi caste , vedi parassitume , hanno rinchiuso il popolo “sovrano”in gabbia mortale .
    Popolo con ancora con futuro operando il bene dell’intelligenza e perseguirla con lavoro ed umiltá, rammentando che non contano le doti messe in culla, ma l’uso che ne viene fatto ) .
    Tornati a casa propria e stabiliti i parametri di legalità e democrazia, l’evoluzione e la modernitá indirizzino forme collaborative e d’interscambio coi simili ….non uguali .

  2. luigi bandiera says:

    Repetita…
    Capitribu’ e strefoni hanno da sempre ecc. ecc. ecc..
    Tra capitribu’ e stregoni c’e’ da sempre il mutuosoccorso.
    I popoli da sempre subiscono, anche perche’ il palazzo poggia da sempre verso il basso.
    E’ il Sole che gira attorno alla Terra o e’ viceversa..?
    Fino al tempo di Galileo e Copernico facevano vedere le cose al contrario. Finito quel periodo ce le hanno fatte vedere (con grande meraviglia di tutti, grandi e piccioli) quasi al naturale.
    Eh si, il naturale era che la Terra (uno dei pianeti interessati al Sole) girava lei attorno al Sole. Finalmente l’avevano capita la menata del kax.
    Cosi’ il potere che loro avevano mantenuto per millenni era finito o stava per terminare.
    S’inventarono ben altre cose che girano all’incontrario per ottenere o riconquistare il potere perduto.
    Arrivo’ cosi’ la RIVOLUZIONE non dei pianeti ma degli uomini.
    Cosi’ che oggi la societa’ prima ben organizzata e forse piu’ povera viene scombussolata con idee nuove e oltremodo rivoluzionarie.
    Oggi siamo piu’ ricchi di ieri..?
    Le guerre erano finite o quasi in Europa o nell’occidente.
    Ma sotto le ceneri covava un’altra rivoluzione: quella SOCIALE e RELIGIOSA.
    Se non si va avanti col contrario tutto gira perfettamente e ogni cosa sara’ al suo posto e ogni cosa avra’ il suo posto.
    Scherzate..??
    Se andasse avanti cosi’ come appena detto, i capitribu’ e gli stregoni potrebbero essere eliminati e ma si nota che in occidente ci sono piu’ laici che religiosi specie nell’intellighente mondo. Quindi non avrebbero piu’ nessun potere sti grandi della Terra che alimentano la BANDA DEI QUATTRO.
    Per rendere l’idea che deve girare al contrario se no non hanno piu’ potere, si pensi alla carta piu’ bella del mondo, per loro.
    Sta scritto: …tutti sono liberi di professare la propria religione.
    Ma se una religione professata da altri mi e’ contro che li lascio fare oppure mi oppongo..?
    Per esempio, estremo: posso io pregare e adorare SATANA..??
    Mi lasciano frequentare il satanismo che predica il male e non so che altro..??
    Penso proprio di no.
    Questo credo sarebbe un nemico per noi cristiani ed altri, si o no..?
    Allora vale anche per quella religione che predica di ammazzare l’infedele.
    Chi mi dice poi che il positivo sei tu cristiano e o ebreo o musulmano e non io..??
    Ma per avere il potere bisogna far girare il mondo al contrario come era prima di Copernico e di Gsalileo.
    Quindi..??
    GENDER…
    La parola senza senso o nome di Satana..?
    Il mondo non gira piu’ attorno alla famiglia NORMALE…
    Sta diventando un discrimine volere la coppia normale.
    Non e’ Copernico o Galileo a dirlo ma i senza Dio o senza religione. Forse credenti ma non rispettosi dei Dieci Comandamenti.
    Onora il Padre e la Madre… sta scritto… non lo dico io o qualche scienziato.
    Ma se a far dottrina cattolica va un komunista ateo che ne sortira’ se non un mondo che gira alla rovescia..?
    Certo, prima erano i pianeti e adesso gli uomini: importante e’ che si giri al contrario di come vuole la NATURA..!!
    SOCCOMBEREMO.
    PS:
    l’islamismo sta conquistando terreno e noi non lo vediamo: stiamo gia’ soccombendo.

    • luigi bandiera says:

      Aggiungo ripetendolo:
      la Famiglia e’ l’ATOMO della societa’.
      Una volta rotto sto atomo hai distrutto la SOCIETA’.
      Si avra’ una esplosione “atomica”.
      Addio bixi,
      si dice dalle mie parti.

Leave a Comment