E’ la Gabanelli il candidato M5S per il Quirinale. Ultimo Fo

FONTE: agenzia Dire

Gli iscritti al Movimento 5 stelle hanno scelto il loro candidato per il Colle che e’ Milena Gabanelli. Lo comunica web tv La cosa. Dopo il ritiro dello stesso Grillo in lizza erano 9 candidati: Bonino Emma, Caselli Gian Carlo, Fo Dario, Gabanelli Milena Jole, Imposimato Ferdinando, Prodi Romano, Rodota’ Stefano, Strada Luigi detto Gino, Zagrebelsky Gustavo.

Una candidatura non politica, e di una donna, quindi. Ecco i piazzamenti degli altri candidati: e’ arrivato secondo Gino Strada. Terzo classificato e’ Stefano Rodota’; quarto Gustavo Zagrebelsky. E ancora, a seguire: Ferdinando Imposimato, Emma Bonino, Giancarlo Caselli, Romano Prodi e Dario Fo.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

15 Comments

  1. raniero says:

    Per il dott. Gianluca:
    Io non voglio nessun sistema di polizia e di controllo sulle persone ne tantomeno mi piace essere spiato o fare la spia.
    Per Albert Nextein
    se Lei evade a tutto spiano si approfitta degli stronzi come me che pagano le tasse dalla busta paga fino all’ultimo centesimo.
    lei usufruisce (se dichiara basso il suo reddito come credo) delle agevolazioni, degli asili per i suoi figli, dei libri scolastici gratuiti, tasse universitarie più basse ecc. ecc. tutte cose che non le spettano togliendole a chi ne ha più bisogno di Lei.
    Non mi sembra corretto e leale questo suo comportamento.
    Evidentemente anche lei fa parte dei furbetti del quartierino.
    Se Lei è a posto con la sua coscienza continui a farlo, non sarò certo io ad impedirglielo.

    • gianluca says:

      Lei proprio non sa di che parla… a parte il fatto che non ho figli e non usufruisco di tutte quelle cose che magari lei usa di sponda, io sono sempre stato dipendente di editori e quindi ho sempre pagato fino all’ultimo centesimo. E comunque dei miei soldi voglio fare l’uso che voglio senza dover essere controllato passo passo come un suddito dell’ex Germania Est che lei sembra tanto agognare. complimenti

    • Albert Nextein says:

      Io non voglio pagare i conti altrui.
      Coi miei guadagni e risparmi pago per quel che consumo e per i servizi di cui usufruisco, dopo avere fatto una scelta oculata.
      Dopo, se me ne rimangono, posso volontariamente e nella misura da me decisa aiutare chi è in difficoltà.
      Ma senza la mediazione del ladro redistributore di redditi , lo stato.

    • silvano polo says:

      Non so se Lei è un povero “illuso” o un povero stolto.
      Cosa ne pensa di obbligare i pensionati (con 480 euro al mese di pensione !) ad avere un conto corrente per l’accredito della pensione …. ? … erano tutti potenziali evasori da tenere sotto controllo ? Cosa ne pensa di Equitalia che blocca quel tuo contocorrente nel caso tu non abbia pagato una bolletta dei rifiuti o un bollo dell’auto …. ? … magari una bolletta contestata e ingiusta, ma che intanto devi pagare e semmai dopo ti sarà (forse) restituita. Cosa ne pensa dello stato che può decidere di “prelevare” dal tuo contocorrente i soldi che gli servono per ripianare i suoi conti in rosso (Amato nei primi anni 90), o per ripianare i deficit delle banche speculatrici, fallite, come a Cipro oggi (con la benedizione e approvazione della UE) e intanto non paga i fornitori (che però gli hanno anche già anticipato l’iva fatturata anche se non incassata….).
      Però sono i soldi contanti da criminalizzare, la cartamoneta (almeno finchè varrà qualcosa) e non le carte di credito con cui si può sapere, dov’è stato (a spendere), a che ora, ricostruire il suo profilo psico-culturale (in base a ciò che acquista), etc. etc.
      Non Le sfiora l’idea che tutto questo (forse) è una riduzione della privacy e della libertà individuale ?
      E’ vero che “chi non ha niente da nascondere non dovrebbe aver nulla da temere”, ma io, di uno stato così non mi fido perchè la manipolazione delle informazioni, la falsificazione degli atti, la imperante “realtà virtuale” (cioè FALSA !) è ormai troppo diffusa ed è dimostrato, assodato che ogni vertice di potere usa il potere per la propria conservazione !
      Arriveremo al “chip” sottopelle, perchè lo stato possa assicurarsi, in ogni momento, del Suo buon stato di salute, come aveva proposto il (quasi) “santo”, in vita, don (?) Luigi Verzè.
      Auguri !
      Infine e concludo, com’è possibile che 4 disonesti impiegati del Monte dei Paschi – sempre dipendenti (!), fino a prova contraria, siano riusciti a intascarsi vagonate di milioni di euro (mililardi delle vecchie lire….) senza che nessuno se ne fosse mai accorto ? e stia sicuro che quelli non hanno proprio “mosso” del contante …. e allora ? a che serve il “denaro elettonico” se l’evasione c’è lo stesso …. ?

      • silvano polo says:

        il commento al Sig. Raniero !

      • 4 gatti! says:

        Tranquillo:ce lo mettono gia’ il chip 666 “sottopelle”; al momento della nascita. Non a caso il controllo degli ospedali del Nord e’ tutto in mano a gente rispettabile della Trinacria. Per il nostro bene,ovviamente.

  2. Marco says:

    Una che ha dato voce allo stupide teorie complottiste sull’ 11/09, mandandole in prima serata, senza contraddittorio, su un canale della TV statale, è la degna presidente per un’audience di rimbecilliti.

  3. raniero says:

    L’abolizione del contante individua tutti i potenziali evasori.
    Pagando con la carta di credito si vede chiaramente il reddito di spesa di tutti i cittadini e il loro giro di affari..
    Albert Nextein se lei ha paura dell’eliminazione del contante, maliziosamente posso pensare che ha qualcosa da nascondere?

    • gianluca says:

      Allora lei è orfano dei sistemi della Stasi!!!

    • Albert Nextein says:

      Non mi fido del potere in senso lato.
      I miei soldi sono miei, e quindi li voglio gestire nei modi e nei tempi che mi stanno bene.
      Se ritengo, come ritengo, di essere vessato e maltrattato sotto ogni aspetto da parte di questa cricca di delinquenti che ci racconta di esser lo stato e di fare il nostro bene e poi ci e mi deruba, ebbene se ritengo ciò , io voglio essere libero di nascondere quel che mi pare, di evadere a tutto spiano, di eludere a forza massima.
      Io ho il diritto naturale di difendermi da un potere statale che mi deruba e che non mi rispetta.
      Difendermi da un potere che mi vuole pecora tra le altre pecore.
      La lotta per il contante libero è uno degli aspetti della libertà personale.

      Guarda sul canale 52 quel programma in cui alcuni acquistano in contanti il contenuto di cantine e poi li rivendono , tutto in contanti.
      Siamo negli Usa, dove lentamente le libertà personali si stanno affievolendo.
      Da noi un commercio del genere non sarebbe possibile.
      A me non sta bene.
      Io volgio poter spendere soldi miei anche a botte di 100mila€ in contanti.

      Tu puoi farti mettere la mordacchia.
      Io no.

    • Trasea Peto says:

      Tutto questo servirà a combattere la povertà o ad ingrassare lo Stato e le banche che si prenderebbero la percentuale ad ogni minima operazione??? Il lavavetri che si trova al semaforo dovrà avere il lettore di bancomat???

  4. diego says:

    Bene, di meglio non si poteva.

  5. elio elio says:

    il grillismo:

    ossia la fiera delle vanità

  6. Albert Nextein says:

    Ma questi deficienti del 5stelle lo sanno che costei è una fautrice dell’abolizione dell’uso del contante?
    Questa è una collettivista pura.

    Ok.
    Ho votato 5stelle.
    Questa porcheria di preferenza alla gabanelli la metto in conto per le prossime elezioni a sfavore del 5stelle.

    A prescindere dalla gabanelli, 5stelle aveva promesso di non intervenire nel gioco politico.
    Questa quirinarie vanno già contro il loro programma.
    5stelle ha promesso di disfare il sistema politico italiano.
    A me del resto non interessa un fico secco.

    Io attendo solo ed esclusivamente questo.

    • Dan says:

      Chissà se la presa di posizione contro il contante è frutto dei pensieri propri della Gabanelli o è lì solo per volere di qualche lobby…

Leave a Comment