E’ la burocrazia che fa le leggi, non i partiti fatti da incompetenti

burocrazia - documentazionedi GIANLUIGI LOMBARDI CERRI – La burocrazia rappresenta un crescente tumore al vivere di uno Stato.

Per quali motivi ? Brevissima analisi. In ogni raggruppamento sociale è indispensabile stabilire le regole di convivenza allo scopo di ridurre al minimo i contrasti.

Partendo da un gruppo di dimensioni minime , che si costituisce, le regole vengono stabilite e applicate dal gruppo stesso.

A mano a mano che aumentano le dimensioni la stesura delle regole viene demandata a specialisti interni o, addirittura esterni e l’applicazione alla direzione del gruppo.

Negli Stati è successo qualcosa di controproducente. Le regole venivano , un tempo, stabilite dai parlamentari e applicate dai burocrati.

A mano a mano, col passare del tempo, i parlamentari hanno ridotto il loro lavoro, ( meglio direi le loro competenze), dando ai burocrati il compito della stesura e dell’applicazione.

Oggi, in Italia , i burocrati definiscono :

struttura delle Leggi, articolato, Regolamenti attuativi e circolari applicative.

Praticamente quasi tutto.

Una importante fetta dei burocrati ( la magistratura) le applica a sua totale e completa discrezione senza alcun controllo di terze parti.

In pratica le attuali Leggi non regolano ciò che serve e che desiderano i cittadini.

Le Leggi ,che un gruppo di persone, avulse dalla realtà scrivono,  sono ciò che loro pensano che possa servire ai cittadini.

 

Senza mai assumersi la responsabilità dei risultati.

 

I magistrati che applicano il tutto sono in condizione ancor più favorevole. Interpretano a loro piacimento e non rispondono mai di niente , se non a se stessi. Perchè si è formata questa mentalità ? Semplice! E’ un fatto di natura insito nel carattere degli uomini.

Il burocrate raggiunge la sua seggiola dove resterà felicemente inchiodato per tutta la vita anche se dovesse commettere un grave reato (già successo più volte).

E la seggiola la raggiunge attraverso un concorso non trascendentale, spesso con l’accompagnamento di raccomandazioni del padre, della cugina, dello zio e del nonno.

Lì si deve preoccupare solo di due cose:

-ingraziarsi continuamente il  superiore, con atti anche di un servilismo medioevale

-non inventare mai niente preoccupandosi solo di avere un adeguato numero di carte che lo proteggano in qualunque momento

Carte, non obbiettivi raggiunti!

Lui aspetta solo che il suo superiore diretto, con un documento che contenga più giustificazioni possibili ulteriormente documentate, gli dia un ordine operativo.

Quando, a seguito del solito ordine, deve emettere una nuova serie di Regole, la sua preoccupazione nello scriverle non è rivolta al fine operativo, ma soltanto all’unico, costante obbiettivo “non essere fregato “ e, contemporaneamente, di poterci navigare a suo piacimento.

A missione compiuta la sua residua preoccupazione sarà quella di far firmare i documenti conclusivi dal maggior numero possibile di altri burocrati in modo che “ en cas de malheur” possa coinvolgere il massimo possibile di altre persone. Più sarà alto tale numero, più alta sarà la probabilità di cavarsela indenne.

In tutto questo atteggiamento operativo manca per principio una sola cosa: il buonsenso!

E chissenefrega se ad un venditore di caldarroste verrà affibbiata una somma da pagare tra tasse, mora, e ammennicoli vari di diverse centinaia di migliaia di euro . Euro che, evidentemente, non riuscirà mai a tirare fuori  dalle caldarroste.

Non importa! Il base all’art. 32, comma 6 del  DDl n……..ecc. Il conteggio ha dato TOT. Tanto basta.

Se la realtà è diversa , tanto peggio per lei!

Una volta si diceva che un generale non si arrende mai , neanche davanti all’evidenza. Verissimo! Il guaio è che lo spirito di un burocrate è una frazione dello spirito di  un generale. Con una simile situazione ambientale anche gli Angeli del Paradiso diventerebbero come i burocrati! C’è una soluzione a questa catastrofe ?

Sicuramente! E’ solo indispensabile che i partiti smettano di dedicarsi allo studio del sesso degli angeli ed a farsi le corna a vicenda, studiando regole gestionali in perfetto accordo fra di loro, utilizzando i burocrati solo per quello che valgono: ottusi e ciechi applicatori di dettami!

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

One Comment

  1. FIL DE FER says:

    Da qualsiasi parte la si voglia vedere in questo paese regna un regime sommerso, nemmeno tanto però, che imbriglia tutto e tutti e come risultato finale ci sta portando al DEFAULT !!!
    Siamo arrivati alla fine della corsa e nessuno vuole guardare in faccia la realtà.
    Beati loro…….ma avranno un brusco risveglio ed un triste risultato.

Leave a Comment