E’ FATTA! ESQUERRA E CiU TROVANO L’ACCORDO: REFERENDUM NEL 2014

di REDAZIONE

La notizia è fresca e l’accordo sulla governance catalana sarà firmato a breve, con un punto saliente su tutti: è prevista la consultazione referendaria per l’indipendenza della catalunya nel 2014!

Artur Mas e Oriol Junqueras hanno chiuso ieri pomeriggio presso il Palau de la Generalitat un accordo per la consultazione sulla sovranità catalana, che si terrà nel 2014, secondo quanto il leader ERC ha comunicato ai giornalisti dopo la riunione con il Presidente del Governo.  Il leader di Esquerra Republicana ha esultato per l’accordo, e garantisce che “sarà il referendum a decidere il futuro della Catalogna”.

Intanto, le due parti continueranno a negoziare il bilancio del 2013, anche se un accordo economico e sociale è quasi certo. L’accordo non è ancora definitivo, ma la strada è quella buona. E’ probabile che Mas otterrà la piena investitura già dopodomani o al massimo venerdì.

Ora siamo curiosi di constatare quale rilievo daranno i media italioti alla notizia, visto che dopo le elezioni del 25 novembre scorso si erano prodigati a diffondere falsità, strombazzando che il processo indipendentista era andato in crisi a causa della mancata vittoria di CiU e di Artur Mas. Che quella falsificazione fosse  figlia della paura che il vento indipendentista dalla Catalogna si potesse spingere fino alle regioni padane?

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

16 Comments

  1. Francesco says:

    Vivo in Catalogna da quasi 15 anni. é un momento incredibile, un sogno misto a paura, visto che la reazione del governo di madrid sará brutale su tutti i fronti, sia in temrini di propaganda mediatica che come rappreseglie economiche e fiscali. Ma il dado é tratto. Non abbandonateci, anche se i media italiani sono vergognosi…. Visca Catalunya Lliure

  2. giancarlo pagliarini says:

    Evviva. Ragazzi, sono anni che l’11 di Settembre il vecchio Paglia va a Barcellona a festeggiare la “Diada”. L’anno venturo sarà un 11 Settembre straordinario !!!!

  3. Crisvi says:

    Il detto recita ” non c’è due senza tre “.

    Il terzo referendum indipendentista europeo del 2014, sarà forse quello Veneto ?

    Penso che per Zaia, sia giunto il momento delle decisioni importanti per il futuro del suo popolo.
    Egli ha un preciso dovere verso i suoi amministrati e quel 60% di consensi in fiducia nella sua persona, quale uomo del cambiamento Veneto.

    La volontà popolare è, e rimane, sovrana e al disopra di ogni altra autorità di Stato.

    • Carla says:

      Speriamo Crisvi.Ormai hai convinto anche me dell’indipendenza possibile.Ti ricordi quanto ero scettica quando ne parlavamo vero?Adesso ci crediamo sempre in di più.

  4. lorenzo s. says:

    Grandi, in barba ai pennivendoli itagliani!!

  5. Luke says:

    Grandi! Non avevo dubbi che avrebbero raggiunto facilmente un accordo. Quando saremo anche noi rappresentati da persone che fanno gli interessi del popolo invece che del loro portafogli?? Segnalo comunque che già negli anni ’80 alla mia prima visita in Catalunya leggevo sui muri frasi tipo “som un poble, Catalunya libre”. Per dire che la presa di coscienza viene da lontano e si costruisce pazientemente. Saluti a tucc

  6. Giacomo says:

    Grande popolo. Bravi dirigenti politici.

  7. Davide says:

    Evviva! Evviva!

  8. Luca polo says:

    Visca catalunia!

  9. Luca says:

    Sperimo che non litighino nel corso del 2013! Si comunque anche io sono veramente ma veramente curioso di vedere cosa diranno domani i media italioni…

  10. Claudio says:

    Ma sbaglio o i media italiani avevano affermato alle scorse elezioni che l’indipendentismo catalano aveva perso?

  11. Dan says:

    Ma la crisi in Catalogna ce l’hanno adesso o nel 2014 ?

    Mah… evidentemente non è così marcata come sembrava…

  12. gigi ragagnin says:

    e due !

  13. Alberto says:

    Che notizia formidabile!!! Sto ridendo e salto dalla gioia!!! andrei quasi ad ubriacarmi!!! forza fratelli catalani!!! 😀

Leave a Comment