E adesso i magistrati sono contro il vescovo di Chioggia dalla parte del tabaccaio condannato

vescovo chioggia tessarollodi GIULIO ARRIGHINI – Ve la ricordate la vicenda del vescovo di Chioggia, mons. Tessarollo, che ha alzato la voce contro la condanna al risarcimento di 300mila e più euro inflitta al tabaccaio che sparò al ladro che stava dando l’assalto al suo negozio? Un risarcimento, di fatto, al malviventi perché caduto in servizio?! Un incidente sul lavoro? Per il vescovo il danno e la beffa.

Ma ecco la replica pronta dei saggi custodi della giustizia. “Rappresentanti istituzionali non dovrebbero dare giudizi sull’attività di altri organi, come quello giudiziario, senza avere la completa conoscenza dei fatti”. Non ha usato mezzi termini il magistrato Lorenzo Miazzi, referente per il Veneto dell’Anm, per criticare l’intervento del vescovo di Chioggia, mons. Adriano Tessarollo, che dalle pagine del settimanale Nuova Scintilla si era rivolto al giudice Beatrice Bergamasco commentando la condanna inflitta al tabaccaio padovano Franco Birolo. Il commerciante aveva sparato nel 2012, uccidendolo, a un rapinatore che stava dando l’assalto al suo negozio.

“Mi permetta un’ironia, signora giudice – ha osato commentare il vescovo -: quello che non era riuscito forse a rubare il ladro da vivo, glielo ha dato il giudice, completando il furto alla famiglia, un bel vitalizio ottenuto per i suoi familiari, con l’incidente accadutogli nel suo ‘lavoro di ladro’!”. Una pena sproporzionata per “la condanna di 2 anni e 8 mesi di carcere e di 325mila euro di risarcimento ai familiari” La vita, secondo il vescovo, “comprende un insieme di condizioni, e tutte devono essere rispettate e protette: certi valori sono altrettanto importanti come la vita fisica e sarebbe ora che entrassero nella valutazione dei giudici”.

Ma la giustizia è davvero in nome del popolo o in nome di una casta?

 

Segretario Indipendenza Lombarda

 

 

Print Friendly

Articoli Recenti

3 Commenti

  1. luigi bandiera says:

    Fara’ ridere ma io la ripeto:
    “LA SANTA INQUISIZIONE NON E’ MAI MORTA”.
    I casi..??
    Basti pensare ai SERENISSIMI… alla LEGITTIMA DIFESA… e a tanti altri atti giudiziari, che mi sfuggono in questo momento, per capire se e’ vero o falso.
    E no ai DIRITTI DELL’UOMO..?
    Il potere giudiziario e’ ABNORME e poi esercitato in nome del popolo (bue o dei peones..?) veramente fa pensare in che stato balordo siamo. Firma un sacco di trattati che poi puntualmente ignora per cui non rispetta.
    Tuttavia ci sono piu’ temi che concorrono a che il tutto sia diventato ormai insopportabile specie nello stato cosiddetto di diritto.
    Ma noi siamo dei peones ignoranti e da tali siamo trattati.
    Fanno bene fin che facciamo i peones appunto..!
    E in nome di Dio e del popolo quante ingiustizie si perpetrano, soprattutto dai potenti.
    Vedete, se toccassero le pensioni la corte preposta e pagata pure bene, direbbe che e’ un diritto acquisito il togliere la reversibilita’..?
    Fino ad ora non si sente nessun mugugno da quella parte la’.
    Stiamo a vedere e non per giudicare, Dio me ne guardi, ma per constatare.
    Qui, o si disfa l’italia o si muore..! Altro che piu’ europa: meno stato ci vuole.
    Vedete o no quanto faticano a darci la legittima difesa..?
    Saremmo LIBERI se potessimo difenderci come Dio comanda…
    Pero’, dicono, che siamo in un paese libero, che lo stato e’ di diritto. Si, ad essere derubati (anche dallo stato), bastonati e uccisi quando va bene proprio.
    Oh, ma ci fanno o ci sono..? Oh. Stanno dalla parte dei delinquenti..?
    Quanti girotondi per dire che dobbiamo solo stare li’ fermi e prenderle: e dallo stato e dai delinquenti.
    Di piu’ non si puo’ neanche scrivere, rischi un giudizio di parte… il loro potere e’ abnorme.
    Dura minga sapete…
    …sta scritto: temete l’ira dei miti… dei mansueti…

  2. Giancarlo says:

    Qui ormai non è più questione di principi giuridici, di buon senso, di logica, di essere pragmatici, qui è questione che la giustizia italiana oltra ad essere stata condannata più e più volte in Europa è continuamente infiltrata da giudici che interpretano le leggi e non le applicano per come sono scritte e tenendo sempre presente che le condanne devono avere una loro logica ed applicabilità.
    Cosa vuol dire condannare un italiano che ha tentato di difendersi e di difendere le sue proprietà con anni di galera ed una somma da pagare che sicuramente non ha nemmeno per la sua famiglia ?
    Con una sentenza del genere è come dire ai ladri….se la vostra famiglia ha dei problemi, non preoccupatevi, andate pure a rubare, tanto ci pensano i giudici a fare in modo che la vostra famiglia sia risarcita con una congrua cifra……….questa è un’istigazione a delinquere o no ??????
    Ho avuto a che fare con la giustizia civile . Per vedermi riconosciuto un contratto timbrato, firmato e regolarmente registrato per un lavoro che dovevo eseguire e che ho eseguito. Quindi tutto chiaro e limpido e non c’era bisogno di null’altro che il contratto e le prove che avevo eseguito il lavoro, cosa dimostrata. Ebbene, dopo che denunciai la ditta francese e andammo davanti ad un giudice, lo stesso preso atto dei documenti rimandò di 6 nesi la causa, Alla seconda udienza, rimanda di altri 6 mesi….alla terza e così via sino a 2 anni, poi si cambia giudice, alla fine accettai il 50% di quanto avrei dovuto avere, perché se non accettavo la giudice avrebbe rimandato l’udienza all’anno dopo…..alla faccia di una causa da lavoro !!!!!!
    Quindi come cittadino e non suddito ho il diritto di criticare questa giustizia che rovina migliaia di italiani per le parcelle degli avvocati ed il più delle volte si vede poi assolto. Ho decine di esempi di persone che conosco per il lavoro che svolgevo tempo addietro con cause civili che non finivano mai, quindi tanto per
    chiudere lo scritto devo anche come ex imprenditore dire ed affermare e dichiarare e sottoscrivere che la mala giustizia italiana è la prima causa di mancati investimenti di stranieri in italia e non gli si può dare torto quando chiedendo ed informandosi sulla situazione in italia, scappano a gambe levate quando sentono che il settore giustizia in italia è impazzito!!
    Questa sentenza è un abominio per la sproporzione tra legittima difesa e una condanna che non avrebbe dovuto essere comminata. Stendiamo poi un velo pietoso sulla LEGITTIMA INDIFESA che qui in italia è il totem della sinistra indecente che abbiamo e la destra complice anch’essa e tutti alla fine complici.
    WSM

  3. Paolo says:

    La colpa é sempre del popolo che non vuol cambiare. I politici dovrebbero avere solo 2 mandati e poi a casa. I concorsi pubblici sempre e solo a base regionale e questo per evitare di stravolgere le identità locali!

Lascia un Commento