Dopo Renzi, Nord e Sud cercano aria nuova

nord-sud italiadi SERGIO BIANCHINI –  Finalmente! Gli italiani si sono liberati della narcosi a cui da 15 anni erano sottoposti e che serviva a sviluppare un folle progetto. Il progetto di americanizzare l’Italia e con essa l’Europa importando 500.000 africani all’anno. E rompendo tutte le consuetudini, la cultura e il livello di civiltà raggiunti in Europa.

I sostenitori del folle progetto erano e sono ancora fortissimi. In primis altissimi vertici della finanza, della chiesa, e conseguentemente delle televisioni, della stampa e delle accademie universitarie.

Renzi, che per molti versi ha doti di schiettezza e di semplicità rare nello schizofrenico panorama politico italico è stato schiacciato dal suo ostinato e a prima vista incomprensibile appoggio assoluto ai salvataggi-prelievo.

E così tutta la penisola si è svegliata ed ancora intontita osserva sè stessa ed il vecchio attonito consorzio dei narcotizzatori. L’Italia è ancora, come sempre, tripartita territorialmente e politicamente.

Il centro è ridottissimo ma persiste, unito intorno ai residui PD. La polpa se ne è andata ma rimane l’osso, Firenze, Bologna, Arezzo, Modena, Ravenna e tutti i dintorni. Li ancora, nonostante tutto, la massa dell’opinione pubblica continua ad avere fiducia nella struttura politica e organizzativa che per decenni, mediando e cavalcando il drammatico confronto nord sud, aveva garantito al centro italia un continuo crescente benessere.

Ma il sud e il nord hanno rotto tutti gli indugi e cercano aria nuova.

Tutte le riflessioni sulle tre Italie sono perfettamente attuali ma ancora non riescono a trovare un lucido sbocco politico.

In questa situazione o il sud si allea al centro, e sembra la via più facile politicamente ma poi economicamente dove porta? A questa via, cui buona parte del PD già adesso sembra acconsentire. Oppure una parte del centro si allea al nord. La quasi miracolosa decisione di Renzi di rompere col meridionalismo potrebbe portare ad una rottura del PD ed aprire questa strada.

Ultima chance una alleanza diretta tra nord e sud davanti agli eventi drammatici che sicuramente seguiranno.

Le vicende di Firenze e dei disordini razziali in corso sono un terribile segnale della strada folle su cui ci hanno incanalato i narcotizzatori e da cui dobbiamo assolutamente uscire.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

One Comment

  1. giancarlo says:

    Leggo che ‘è qualcuno informato circa i poteri occulti e non che stanno manovrando la nostra rovina.
    Un esempio sono anche i grafici che si possono vedere dal link sotto riportato:
    http://accademiadellaliberta.blogspot.it/2018/02/da-ascoltare-due-volte-ed-inviare-piu.html?m=1
    E’ da sperare che Di Maio e Salvini trovino punti di contatto e facciano gli statisti e non i soliti politici italiani.
    L’occasione è ghiotta per cambiare il paese e mettere sotto scacco questa europa che ci vuole morti.
    Saranno all’altezza i nostri baldi e giovani politici ??????????
    WSM

Leave a Comment