Dopo la Stazione Centrale, Palazzo della Regione ostaggio degli immigrati. Rissa sotto la sede del governo lombardo. Politici, ridate la città ai milanesi!

Milano

di ROBERTO BERNARDELLI – Surreale. Insopportabile. La Stazione Centrale terra di nessuno. Alfano improvvisamente si sveglia e invia 150 militari a Milano. Ma è una barzelletta? Mentre il governatore Maroni propone al ministro Franceschini di inserire il rock and roll nel patrimonio dell’Unesco, sabato notte una rissa tra filippini si consuma  nella piazza che ospita la sede della Regione Lombardia. Da non credere. Un’altra terra di nessuno!

Secondo i carabinieri di Milano la rissa sarebbe  “scaturita da futili motivi”. In base alla ricostruzione dei militari, un primo gruppo di giovanissimi filippini, che nel tempo libero frequenta la piazza che ospita la sede di Regione Lombardia, ha rimproverato ad alcuni connazionali di aver urinato nelle aiuole perché temevano di venire considerati responsabili e di venire allontanati. Gli animi si sono scaldati e la discussione è degenerata in rissa con il risultato che due giovani sono stati colpiti con armi da taglio e colli di bottiglia. E’ la nuova Milano da bere.

Dieci le persone bloccate dai carabinieri. Uno di questi, una brava persona integrata, è stato denunciato per tentato omicidio, mentre gli altri 5, tutti minorenni, sono stati deferiti in stato di libertà per il medesimo reato. Tutti bravi ragazzi integrati. I nuovi padroni di Milano…. Basta!

Print Friendly

Articoli Recenti

Lascia un Commento