Dopo la Pirelli, la Cina si compri anche lo Stato italiano e lo porti nei laogai

di GIULIO ARRIGHINIlaogai

Se ne va anche la Pirelli. Passi per le squadre di calcio, di proprietà di annoiati ricconi. Ma perché continuiamo a perdere pezzi della nostra storia?

Nessuno sulla stampa italiana scrive che la Gran Bretagna ha di recente aderito alla Banca internazionale cinese, ovvero alla nuova Eurasia…. E che la geopolitica è cambiata da un bel pezzo. L’Europa è vecchia, insulsa e mezza Asia, araba e non, sta costruendo infrastrutture e rastrellando materie prime. In Italia, si rastrella quel che si vuole… Un rapido ripasso su:

 http://www.lindipendenzanuova.com/la-gran-bretagna-con-la-banca-internazionale-cinese-londra-lascia-leuropa-e-torna-potenza-mondiale/

Sentite che dice uno come Romiti: “C’è tanta amarezza ma sono convinto che si saranno benefici” dal probabile arrivo dei cinesi in Pirelli”. Cesare Romiti dinanzi alle manovre con cui a breve la conglomerata pubblica Chem-China dovrebbe diventare socio di maggioranza assoluta della storica azienda, non sa dire altro. L’ex ad di Fiat e presidente della Fondazione Italia Cina, all’Adnkronos diceva anche che si  “perde ancora un’altra azienda anche per una mancata politica di governo che deve puntare a mantenere nel nostro paese le aziende. Non andrei a elogiare le aziende che lasciano l’Italia” conclude.Ma certo. Non entriamo nel merito delle responsabilità Fiat in decenni di politica industriale, ma evitiamo anche di spalancare le braccia in modo anarcoliberista a quel modo di pensare che pensa che in ogni caso ben vengano le imprese stranieri, altrimenti sai che guaio.

Il guaio si chiama Stato. Le sue tasse, la sua burocrazia che dirige e gestisce il paese più dei politici. I cinesi si prendano tutto in blocco. E li spediscano nei laogai per un viaggio di istruzione.

 Segretario Indipendenza Lombarda

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

One Comment

  1. Dan says:

    >> Il guaio si chiama Stato. Le sue tasse, la sua burocrazia che dirige e gestisce il paese più dei politici. I cinesi si prendano tutto in blocco. E li spediscano nei laogai per un viaggio di istruzione.

    Quando si prende atto di un problema lo si deve risolvere non aspettare, pregare che lo faccia qualcun altro

Leave a Comment