Week-end di fuoco: a Mestre la Lega, a Venezia Padania Libera

di GIANMARCO LUCCHI

Mentre a Mestre sabato e domenica si terrà l’assemblea federale della Lega Nord, a Venezia sabato verrà presentata Padania Libera, come tempo fa preannunciato in anteprima da un articolo del nostro Gilberto Oneto. Si tratta di un’associazione culturale, «ispirata all’insegnamento di Umberto Bossi» ma nata autonomamente, e sarà illustrata a mezzogiorno in un albergo a Venezia dal suo fondatore, l’ex senatore leghista Giuseppe Leoni, che fu tra i fondatori della Lega Lombarda nel 1984 a Varese insieme al Senatur. A quanto si è appreso, non si tratta di «una propaggine» del Carroccio ma l’associazione sarà aperta anche ai fuoriusciti dal partito di Maroni.

Alla presentazione alla stampa di ‘Padania Libera’ all’hotel Palazzo Giovanelli – i cui organizzatori, interpellati, rifiutano per ora l’etichetta di nuovo partito – non è annunciata la presenza di Bossi ma dovrebbero esserci una serie di sostenitori che hanno accompagnato il percorso di Leoni, a suo tempo primo deputato della Lega a Montecitorio, nel 1987, quando Bossi entrava a Palazzo Madama da senatore. La scelta di tenere il battesimo dell’associazione a Venezia proprio in concomitanza con l’avvio dell’Assemblea federale della Lega Nord convocata a Mestre da Maroni sarebbe dovuta soprattutto a un fattore identitario: si terrà infatti in un periodo in cui Bossi usava tradizionalmente radunare il movimento in laguna per chiudere la Festa dei popoli padani nel luogo in cui nel 1996 lesse una dichiarazione di indipendenza della Padania, indipendenza che è appunto l’obiettivo politico della nuova associazione.

A Mestre, invece, si terrà come detto l’Assemblea federale della Lega Nord, l’appuntamento di maggior rilievo del Carroccio prima del congresso che Maroni intende celebrare per metà dicembre. L’assise si terrà all’Hotel Russot, con inizio dei lavori (aperti alla stampa) alle 9.30. L’assemblea terminerà nel primo pomeriggio. Sono previsti gli interventi del segretario della Lega Nord e governatore della Lombardia Roberto Maroni e dei governatori Luca Zaia (Veneto) e Roberto Cota (Piemonte). Nella giornata di sabato 21 saranno invece al lavoro (a porte chiuse) i gruppi di tecnici per la stesura delle mozioni già approvate dalle assemblee ‘nazionalì o predisposte dai dipertimenti federali, che verranno illustrate il giorno successivo. I temi sui quali convergono la maggior parte dei documenti vanno dal federalismo e le riforme istituzionali e degli enti locali, allo sviluppo economico, le attività produttive, il turismo, le politiche del welfare e le infrastrutture, per finire con l’identità, le lingue e la cultura, e le questioni della sicurezza, immigrazione e giustizia.

«Sabato e domenica non sarò all’assemblea federale di Mestre, dove ero atteso alla commissione identità, a causa di un malanno alla schiena ma agli amici riuniti mando ugualmente la sintesi del mio intervento che è: »smettetela di snaturare la Lega«. Lo ha detto all’ANSA Erminio Boso, leader degli indipendentisti del Carroccio, da sempre amico di Bossi ma anche uno dei primissimi a sostenere Maroni lo scorso anno quando gli furono vietati i comizi prima del cambio di segreteria. »Ho avuto fiducia in Bobo – spiega Boso – e questa sua decisione di lasciare in anticipo la segreteria mi pare davvero prematura e spero che ci ripensi. Detto ciò, guardo con preoccupazione a quello che vien fatto passare come un rinnovamento del partito e in realtà è un suo sradicamento. Non a caso sento che nascono associazioni padane varie che sembrano delle specie di rifondazioni leghiste… ma la Lega non ha bisogno di rifondazioni e nemmeno di esser snaturata perchè pur essendo il partito con più storia tra gli attuali è ancora il più nuovo«. »Se ci sono uomini e donne che hanno sbagliato personalmente – prosegue Boso – e hanno pure pagato per questo, io non voglio che si pensi di buttare la nostra storia, i nostri simboli e le nostre scelte culturali per sostituirle con una cultura di plastica falsamente moderna. Per questo chiedo a Maroni e ai dirigenti del partito di non dimenticare la ragione sociale e i motivi per cui Bossi e alcuni amici hanno dato vita a un sogno chiamato Lega«.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

13 Comments

  1. caterina says:

    all’inizio c’era la Liga Veneta…poi venne il resto…
    Oggi anche la Lega viene a Venezia, come ci vengono tutti, romani compresi, per prendersi un po’ della sua bellezza, e farà la sua passerella… c’è appena stato il red carpet, può starci anche il green carpet… la scena è aperta e Venezia è lì che guarda, aperta come sempre ad accogliere tutti… compresi i grattacieli galleggianti.

  2. Giovanni says:

    A volte ritornano…..
    Rileggendo la storia della Lega dopo 30 anni di vita riempe di tristezza.
    I promotori avevano in mano, fino al 99, la possibilità, almeno di provare di dare una spallata al sistema italia.
    Hanno deciso diversamente e si sono allineati al sistema, vedi Berlusconi e la via paludosa di Roma.
    Un fallimento, e lo vediamo oggi con i nostri occhi.
    Ora i responsabili di questo fallimento, non accettano di lasciare la scena, cadrega e privilegi, e si agitano per conservare quel minimo di autosostenibilità del tutto personale, si sono scollegati totalmente dal popolo e in nome dei vecchi tempi, con i nuovi vizi, pretendono ora di non mollare l’osso, rendendosi più che altro patetici.
    Gravissima colpa cade su di loro per aver tradito le attese e le speranze dei popoli delle nostre regioni, che ora giustamente delusi rischiano di perdere la bussola.
    E poi onestamente Bossi e il suo entourage, cerchio magico, hanno dimostrato di essersi venduti e aver distrutto il messaggio autonomista, per ottenere ricompense appartenenti e tipiche dell’italiano medio.
    Altro che riti celtici per forgiare guerrieri, questi per donne facili, qualche soldo, banchettare assieme nella macchina pubblica e altri vizi squallidi, hanno buttato nel cesso 4 milioni di voti.
    Finchè ci saranno in circolazione queste macerie, risulterà difficile tentare di ricostruire ed organizzare un serio progetto autonomista/indipendentista.
    La Lega 2.0 è troppo fragile, impalpabile, raffazzonata, inquinata da poltronari e lacchè, risulta fiacca e vulnerabile sotto gli attacchi interni ed esterni.
    Noi indipendentisti abbiamo il dovere di lottare e di sostenere la nostra causa per obbligare tutte le forze, partiti e movimenti, presenti a fare i conti con la nostra richiesta pressante, della necessità di tornare con forza a riprendere il verbo indipendentista.
    Questa è la nostra via, procediamo con convinzione, altri seguiranno.

  3. Veritas says:

    Che Bossi & i suoi stretti compagni costituiscano una fondazione culturale mi sembra per lo meno strano. Forse lui considera cultura quella consistente negli slogan, nell’acqua del Po, in Miss Padania e nello Sport Padano e affini… Perchè le persone veramente colte, in Lega, lui e i suoi stretti compagni non le hanno mai gradite e le ha sempre allontanate.
    Chissà se ha fatto almeno un sondaggio per avere un’idea di quanti lo possano seguire……..

  4. viking says:

    Povera Venexia, divenuta luogo di raduno delle cosche varesine.

  5. Silvia says:

    A lot of padany

  6. Giuseppe says:

    Leoni, Bossi, la moglie di Bossi, la negra, Reguzzoni, il Trota, il fratellastro del Trota, magari Bossetti,… una bella compagnia, proprio una bella compagnia.

  7. Tito Livio says:

    Non capirò mai perchè certa gente debba venire a far casin sempre a Venexia.

  8. Albert Nextein says:

    Meglio sarebbe se andassero tutti a mangiarsi un bel brodetto di pesce.
    Sarebbero sicuramente più produttivi.

    I veneti devono utilizzare il “fai da te” ed il “passa parola”.
    E organizzare una rivolta fiscale tremenda, senza paura.

    Finchè si affidano a Lega o assimilati, non vanno da alcuna parte.

Leave a Comment