/

Diventiamo una Grande Svizzera, e non se ne parli più!

 

di DISCANTABAUCHIbasilea7

Avete presente le proposte referendarie per passare dal Veneto al Trentino? O il desiderio di unire o mantenere separati i destini istituzionali di due diversi territori? In Italia è una missione impossibile. In Svizzera se ne può discutere, ma soprattutto, si può decidere il da farsi.

Qualche anno fa i cittadini di Basilea Città e Basilea Campagna, due “semicantoni”, avevano detto la loro ai seggi per esprimere parere sul progetto di fusione delle due diverse realtà. A dire il vero,  la confederazione non si risvegliò con un nuovo cantone. Piuttosto, gli svizzeri sanno che è la prima tappa che porterà ad un’assemblea costituente. Insomma, prima si scrive una carta  fondamentale con le nuove regole, e poi i cittadini torneranno alle urne.basilea3

Perché in Svizzera il voto conta e si rispetta. I tempi: entro 10 anni. Che non vuol dire domani ma neanche mai. Per restare divisi o tornare insieme ci vuole ragionevole tempo.

Le ragioni della riunificazione, sostenute dai Verdi in particolare, stavano nell’andamento poco allegro dei bilanci di Basilea Campagna e nella proposta di unire le forze per contare di più a Berna, oltre che presentarsi più competitivi con Zurigo e Monaco.basilea4

Ma non ci sentiva chi ricorda ancora i 70 morti della battaglia del 1833 quando i destini si separarono, come ricorda la stele che celebra la battaglia di Hülftenschanz con cui fu conquistata l’autonomia ancora ben difesa dalle parti di Liestal.
basilea5basilea2basilea6basilea8

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. certo che li aiuta anche la dimensione dei territori: la Svizzera intera è inferiore alla Lombardia… quando si dice “piccolo è bello!” La nostra fregatura è stata l’unità d’Italia, stramaledetta e decisa da altri al di fuori dell’Italia, complice ovviamente la nostrana massoneria e propaganda mirata… e oggi la miopia dei politici e gli interessi stranieri a perpetrare instabilità così che le energie si esauriscano nelle diatribe interne.

  2. I politici italiani e gli alti burocrati ministeriali sono diventati dei nemici della democrazia che a parole dicono di difendere e rispettare ma che nei fatti hanno tramutato questa parola in una cosa sterile se non morta.
    Dove sta la volontà del Popolo ?? Quando mai i politici rispettano la volontà del Popolo ?
    Siamo diventati una democrazia fasulla solo perché chi sta al potere non vuole il fastidio del Popolo.
    La Costituzione è in gran parte inapplicata, negata, ignorata, ma sembra la più bella del mondo.
    Il PD e tutti coloro che votano a sinistra sono semplicemente gente che porta avanti la guerra civile dell’ultima guerra senza rendersi conto che i tempi sono cambiati, la storia va avanti e loro vogliono rimanere sempre attaccati a pretesti che non devono continuamente essere portati sulla bocca e non sui libri.
    FASCISMO, FASCISTI,NAZISTI…..giusto condannarli ma perché allora non si parla dei 60 milioni di Russi mandati a morire nei Gulag, oppure delle migliaia di soldati ed ufficiali Polacchi uccisi vigliaccamente nell’ultima guerra oppure vogliamo leggere qualche libro di Pansa, persona di sinistra ma che ha voluto mettere a nudo l’altra faccia della medaglia dei partigiani rossi ?! Oppure, oppure……. certo che il mondo non può cambiare se non iniziamo a tirar su i nostri figli come si deve e nel pieno rispetto delle persone ed educati al civismo più serio e non di facciata.
    E’ sui figli che si devono concentrare i nostri sforzi per migliorare il mondo intero E’ sulla volontà politici di abbandonare il passato per guardare al futuro senza dimenticare la Shoah…..
    La cultura sul rispetto della democrazia è basilare al convivere civile. I politici italiani lo devono ancora imparare proprio dalla Svizzera. Gli Svizzeri vivono benissimo nel loro paese ed hanno un reddito pro-capite quasi del triplo del nostro……il motivo ??? Il Popolo decide il da farsi ed i politici eseguono!!!!!!!
    Ma allora si può fare……… ma allora questi qui che abbiamo non sono politici ma oppressori come i loro colleghi burocrati e perché no magistrati !!!?
    Si facessero un bel esame di coscienza ed evitassero di farsi uccidere il cervello quando vanno al potere del paese perché non è detto che l’andazzo possa continuare in eterno, anzi !!
    WSM

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Callegari: Se sono i giudici, e non i politici, a volere Venezia "capitale"

Articolo successivo

Un Paese di precari. Lavoro, l'emergenza che viene prima degli sbarchi