DISOCCUPATI D’ITALIA: LE PERCENTUALI DA NORD A SUD

di OSSERVATORE PADANO

Cos’è la la rubrica silenziosa? La statistica è una scienza fatta di dati e cifre che quasi sempre non necessitano di commenti. In questa rubrica, i commenti vi verranno spontanei, confrontando tabelle e immagini.

L’Indipendenza pubblica i dati di indagini scelte casualmente fra quelle disponibili e le visualizza sulla carta della penisola italica. Una tavola evidenzia i dati per regioni o province, un’altra li attribuisce alle aree omogenee e identitarie: Padania, Etruria (Toscana, Umbria e Marche), Lazio, Meridione, Sardegna e Sicilia. Brevi commenti sono riservati solo in caso di evidenti anomalie.

DISOCCUPAZIONE 2011 – Percentuale di disoccupati per regione, in età compresa fra 15 e 64 anni

Fonte: Istat 2011

Percentuale disoccupati
Trentino-SudTirolo

3,5

Valdaosta

4,4

Lombardia

5,6

Friuli

5,7

Emilia-Romagna

5,7

Marche

5,7

Veneto

5,8

Toscana

6,1

Liguria

6,5

Umbria

6,6

Piemonte

7,6

Molise

8,4

Abruzzo

8,8

Lazio

9,3

Calabria

11,9

Basilicata

13,0

Puglia

13,5

Campania

14,0

Sardegna

14,1

Sicilia

14,7

PADANIA

5,9

ETRURIA (Toscana, Umbria, Marche)

6,1

MERIDIONE (Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria)

13,4

ITALIA

8,4

 

CLICCA PER INGRANDIRE INGRANDIRE LE IMMAGINI

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

7 Comments

  1. guga says:

    firma per l’adesione della lombardia alla svizzera? ma guardate ke nn vi vogliono!!!!
    veneto piu’ vicino alla germania? ahhh ahhh ke pena,,… nn vi vogliono!!!!!
    ovunque si vada per l’europa, l’italia e’ sempre unica: un paese di corrotti da nord a sud!!! dalla punta piu’ estrema della sicilia a quella piu’ estrema del trentino!!!!
    please do not make our neighbours laugh!!!!

    • marco svel says:

      Che tristezza. Il terrone per natura soffre di un complesso di inferiorità verso i nordici in generale. Infatti il terrone non sarebbe neanche europeo e l’unica cosa lo fa restare tra i paesi civili di questo continente, permettendo di vivere sulle loro spalle, é la sua appartenenza al fasullo stato italllllliaaaano! Il terrone é terrorizzato dall’idea che il nord tagli la corda perché senza la nostra presenza economica e biologica il mondo si accorgerebbe definitivamente che lui é un nord africano parassita. E quindi di qui passano i classici slogan che vogliono far passare gli italioti tutti uguali tutti ladri mafiosi ecc ecc
      Ridicoli e vigliacchi, arriverà presto il giorno in cui ci libereremo di loro

  2. Unità Popolare Veneta says:

    What’s Padania?

  3. Filippo83 says:

    Piccoli commenti:
    – la crisi sta mordendo forte anche al Nord: regioni dove fino al 2008 si era al 3-4%, disoccupazioni “fiosiologica”, hanno superato il 5%, e nel 2012 potrebbero portarsi al 6-7%;
    – al contrario di quanto, puntualmente, profetizzano da 20 anni i soloni della grande industria e dell’impiego statale, è invece il sistema delle PMI (piccole&medie imprese) a garantire una migliore condizione economica, in ogni ciclo; infatti, nel Nord le due regioni con più disoccupati sono Liguria e Piemonte, mentre lo statalista Lazio veleggia ancora più alto, e non parliamo delle regioni che “attendono la manna dal cielo” invece che “creare lavoro”;
    – ogni stress economico, sarà un ulterore passo verso lo sfascio dell’Italia; per fare un esempio a me vicino, il Veneto soffre frustrato questa crisi, ed aumenta l’astio verso il governo, l’Italia, i partiti “italiani”; viceversa, in caso di ripresa, come già accaduto nell’effimero 2010, ci sentiremo più vicini all’Europa (soprattutto Germania) e più lontani da Roma e dal Sud, ed ugualmente saremo insofferenti al vampirismo della burocrazia papalino-borbonica.

Leave a Comment