Disobbedire al fisco senza paura. Ecco spiegato come si fa

di ROSSELLA FIDANZA*

Ormai in molte famiglie si è a un bivio: pagare, con fatica e neppure tutte, le bollette che ci permettono di sopravvivere, o pagare Imu, tarsu, cippirimerlo e tutti i nomi delle tasse che ci hanno appioppato? Cosa succede se si sceglie uno al posto dell’altro?

Nel primo caso, si riesce a sopravvivere. Nel secondo caso, si perde luce, riscaldamento, gas, acqua, e non si sopravvive più, se non grazie alla Caritas. Allora io non capisco perché noi italiani temiamo così tanto lo sciopero fiscale. Che è uno strumento pacifico che si concretizza in una vera e propria RIVOLUZIONE, per le nostre famiglie. Seguitemi nel ragionamento.

Se non si pagano le tasse, lo Stato non avrà più soldi da sperperare, e dovrà finalmente capire che o le abbassa o le entrate diminuiranno ancora. Si, perchè mentre se non si paga una bolletta ci mettono un mese a tagliarti i fili, la macchina dello Stato prima che si muova per trovare che tu non hai pagato, ci mette minimo due anni, a parte l’Inps che è un po’ più veloce ma di poco. Poi ti manda un cosiddetto avviso bonario, dove ti invita gentilmente a pagare, dandoti la possibilità di farlo a rate pagando solo il 2% di interessi senza sanzioni. E lo possiamo calcolare noi, basta andare sul sito dell’Agenzia delle Entrate, poiché io non ho nulla da nascondere, ed ho sempre dimostrato quanto dichiarato, lo farò anche in questo caso.

Proprio ieri ho ricevuto una raccomandata Inps dove mi venivano chiesti i contributi della Gestione Commercianti per il 2012. In quell’anno, poichè le banche avevano tolto tutto alla mia azienda, ho dovuto scegliere se pagare con i miei soldi gli stipendi dei dipendenti o la mia Inps. Ho scelto la prima soluzione e ne vado fiera, anche se ora non ho più un centesimo. Pazienza, Dio provvederà. Per la richiesta di rateizzazione Inps bisogna recarsi agli sportelli oppure direttamente sul loro sito, ma non esiste un programma che consenta di calcolarle direttamente, e comunque l’Inps è molto propensa alle rateizzazioni, anche lunghe, per potersi garantire il recupero di quanto dovuto.

Per gli avvisi bonari dell’Agenzia delle Entrate invece, è diverso. Vi faccio un esempio (lo metto qui a lato, cancellando per privacy l’intestatario della cartella che non sono io).

Ok. Adesso seguitemi bene. Come vedete NON è una cartella esattoriale, lo diventerà se non si paga nel giro di un anno e mezzo. E siamo già a 3 anni e mezzo. Ogni cartella esattoriale si può rateizzare per 120 rate, e non solo, dopo lo scandalo dei finti funzionari Equitalia, se non è firmata da un vero funzionario è nullo, e quindi si annulla anche il debito.

Andiamo sul sito dell’Agenzia delle Entrate: la stessa ha previsto un’applicazione che consente addirittura di stampare non solo il piano di ammortamento ma anche gli f24 per poter pagare, la trovate qui.

Accedo. Vi si aprirà una schermata che dovrete compilare con i Vostri dati, tenete a portata di mano il Vostro avviso bonario. Dove vi chiedono “tipo di comunicazione” è scritto nell’ultimissima riga in fondo alla pagina, in questo caso trattasi di protocollo telematico. Il codice atto invece è scritto all’inizio della pagina, ricopiate tutti i numeri. L’anno di imposta è scritto nella lettera, nel nostro caso 2012. Anche l’importo da rateizzare è scritto nella lettera: € 4.096,65. La data di elaborazione della comunicazione è scritta in fondo alla lettera, in questo caso il 12/07/2013, la data di ricevimento da inserire è quella in cui avete ritirato la raccomandata e firmato la ricevuta di ritorno.

Ora cliccate calcola, vi si apre una pagina come questa, in cui potete scegliere il nr. di rate che sono TRIMESTRALI con interessi minimi e stampare l’f24 relativo ed il piano di ammortamento (vedi qui a lato l’immagine).

Ma c’è di più. Una volta bastava non pagare una rata per decadere dal beneficio della rateizzazione e quindi passare tutto ad Equitalia. Ora invece, con le nuove normative fiscali, si possono saltare due rate, e regolarizzarne almeno una prima della scadenza della terza. Non vediamo il fisco come un nemico, perchè abbiamo tutti gli strumenti ormai per farcelo “amico”.

Pertanto, di cosa avete paura? Che vi portino via la casa? Non possono più. Ma pensate tre anni e mezzo senza pagare nulla, cosa può significare per lo Stato?

Basterebbe un mese, niente iva, niente irpef, niente mini-rata imu, niente di niente, professionisti che non versano più nulla. Cadrebbe immediatamente il sistema centrale, e i nostri politici dovrebbero correre immediatamente ai ripari. Certo, occorre anche la collaborazione dei dipendenti pubblici che non agiranno più per riscuotere alcuna tassa o tributo dai cittadini: gli atti pubblici saranno fatti gratuitamente, gli agenti di polizia non dovranno più fare contravvenzioni, gli ospedali non dovranno richiedere ticket, i controllori dei mezzi pubblici richiedere biglietti, i casellanti i pedaggi ecc. Ma non è fondamentale, se si comincia possiamo farcela anche senza loro, ma che sappiano che è anche nel loro interesse. Perchè la pacchia sta per finire per tutti.

Certo, inizierebbero le minacce di chissà che ripercussione, ma ricordatevi, questa è la legge italiana e nessuno vi può toccare, salvo che siate evasori, cioè NON DICHIARANTI, e non è questo il caso.

Vi ricordo l’articolo 53 della Costituzione, che io rispetto come la Bibbia: “Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva. Il sistema tributario è informato a criteri di progressività.”

Ditemi, chi ha più capacità contributiva, il cassaintegrato o le banche? Il disoccupato o i concessionari delle slot? E ditemi, chi paga di più, il pensionato o i poteri forti?

L’unico FONDAMENTALE aspetto è l’unione. DOBBIAMO FARLO TUTTI. Senza paura, continuo a ripeterlo, siamo in 60 milioni contro poche migliaia di soggetti. Non diventiamo l’elefante che teme il topolino.

Facciamo la nostra rivoluzione, pacifica, otterremo enormi risultati. Ricordate cosa fece Gandhi in India? La parte sostanziale è il principio di “Non Collaborazione” di “Disobbedienza Civile” e di “Sciopero Fiscale”. Si, lo so che questi tre fattori sono poco pubblicizzati. Per un semplice motivo: perchè funzionano perfettamente per abbattere qualunque governo.

Vi voglio citare le parole dello stesso Gandhi: «Rifiutarsi di pagare le tasse è uno dei metodi più rapidi per sconfiggere un governo.» Ed infatti Gandhi riuscì nel suo intento. Possiamo farlo anche noi, una vera Rivoluzione Pacifica che ci liberi finalmente di tutto il marciume che ci ha portati sul baratro della povertà. E lo racconteremo con orgoglio ai nostri nipoti, ai quali avremo donato un futuro LIBERO.

*FONTE ORIGINALE QUI

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

36 Comments

  1. Eric says:

    Ormai da tempo ricevo delle raccomandate da area riscossione e atti giudiziari ….
    Ho pensato che fosse inutile aprirle perché comunque non sarei riuscito a pagare
    e non pagherò mai , tranne che un colpo di fortuna mi regali qualche soldo , perché pur avendo una attività artigianale vedo che non c’è la farò mai a fare soldi visto che più lavoro e più pago e il guadagno effettivo e sempre meno …. É un cane che si morde la coda …. Ormai sono arrivato alla fine delle mie forze e di conseguenza delle speranze per cui ho deciso che non pago più niente che vengano pure ha prendersi quello che vogliono a me non mi frega più nulla …. da adesso in poi voglio cominciare a vivere anche senza niente …basta la salute e del resto non mi importa più niente … Sono 43 anni che me spacco er culo sempre e solo a sgobbare ….!!! E che me ne frega de sta merdata di sistema dove ormai devi farcela per forza !!!! ?
    Non c’è la fo più

  2. greg says:

    Rimango allibito nel leggere la superficialià con la quale vengono affermate tante castronerie!

    Sono d’accordo sull’ingiustizia di molte situazioni, sul fatto che lo Stato spesso affossa invecedi aiutare;
    sono d’accordo sul fatto che spesso ditte e singoli cittadini siano strozzati da tasse e balzelli e non riescano ad uscirne fuori.
    Ma che senso ha dire: me ne sbatto…io non pago….io vado all’estero.
    ….oppure: non mi possono fare niente..non pago….non mi beccheranno mai ?????????

    Queste persone sono le stesse che poi usufruiscono della sanità che IO pago, percorrono le stesse strade che IO contribuisco a costruire, …mandano i figli a scuola, nelle stesse strutture che IO sovvenziono con il MIO sacrificio!
    Poi vanno all’estero (ne conosco parecchi…anche parenti, purtroppo)…spesso gente che non ha mai avuto voglia di fare un’acca, nullatenenti, pieni di debiti…….e li….si adeguano, ..si devono adeguare perchè, a seconda del paese dove vai, alle tasse non scappi; allora lì si adattano a fare i lavori più umili per 2 soldi; e si fanno prendere in giro, si fanno sfruttare……lì NON possono “sbattersene”.

    Allora cosa fare? …..io ho avuto problemi grossi in passato di arretrati tasse, inps; ho avuto multe….con grande sforzo e impegno ne sono uscito…non è facile.
    Mi sono accorto che se NON facevo il passo più lungo della gamba prima di intraprendere un’attività, una spesa, un investimento; se cercavo di recuperare pian piano il debito…ce la potevo fare, e ce l’ho fatta!

    Il sistema per migliorare le cose c’è: si chiama DEMOCRAZIA. La cosa che possiamo fare è scegliere bene chi votare, chi si pensa possa rappresentarci al meglio; io quando penso che una situazione non funziona, NON fuggo, NON me ne sbatto…..cerco di migliorarla dall’interno, cerco di partecipare.
    Come diceva il buon Gaber: La Libertà è partecipazione.
    Io sto bene nel mio paese, voglio cambiarlo dall’interno; non voglio mettermi il paraocchi e dire: degli altri non me ne frega niente, io non pago le tasse, tanto qualcuno le pagherà per me….però voglio tutti i vantaggi della società civile; l’Italia è una grande nazione, e gli italiani sono da sempre maestri di vita; riusciremo a migliorarci, troveremo soluzioni migliori….basta che collaboriamo tutti, cittadini, politici amministratori… ce la possiamo fare solo partecipando..e non facendo i disfattisti……..
    ……….io SONO ORGOGLIOSO DI ESSERE ITALIANO!

  3. Luca says:

    Versare di continuo benzina in un motore che non gira piu, cercare di tirare un carro dove tutti stanno seduti sopra a dirigere e pontificare, dare soldi a un figlio che li perde continuamente e non ne motiva la spesa….quale di queste azioni continuereste a ripetere per tutta la vita?

  4. Corto Maltese says:

    A voi Italiani: pagate,io che sono extracomunitario e che grazie alle Vs. leggi ho aperto una P.Iva con 250€ circa, opero nel settore Edile” che si dice in crisi ” non pago tasse al Governo Italiano, porto tutto al mio paese, e porto a casa un sacco di lavoro,i prezzi? meno cari rispetto a Voi Italiani che pagate del 40%, non c’e storia, alla Sig.ra Maria che voi paghiate le tasse non iene po’ ffregà de meno, quando risparmia 30/40%. GRAZIE ITALIA

  5. Alessandra says:

    I miei genitori hanno un camion di panini e visto che non pagano l’inps da circa 3 anni sono andati a fare una rateizzazione. Una rata da 500 euro che loro non riescono a pagare perchè essendo inverno si lavora pochissimo e le spese sono grandi. Il fatto è che visto che loro non riescono a pagare le rate, il SUAP ha appena tolto la licenza ai miei genitori. Ma è legale? Che poi porco cane una rata da 500 euro mi sembra esagerato

  6. Sergio says:

    Diciamo che sarebbe arrivato il momento di denunciare il nostro governo di , abuso di potere/ peculato/ truffa continuata al cittadino, questo sarebbe l’equivalente di un colpo di stato cittadino ,e non comprendo come neanche i 5 stelle non l’abbiano proposto in quanto si la legge non da la possibilità di fare una clssaction contro il governo ma singolarmente ogni cittadino potrebbe farlo e forse così interrompendo il legiferare di questi onorevoli parassiti

  7. Rosy says:

    Siamo ormai alla frutta !e un si salvi chi puo ‘io sto cercando la mia strada nessuno mai ci aiutera se non noi stessi!

  8. RENZO says:

    HO PERSO IL LAVORO NEL 1993,NON TROVANDO PIU’ LAVORO,PERCHE’ TROPPO VECCHIO A 38 ANNI,HO DOVUTO METTERMI IN PROPRIO,HO PAGATO LE TASSE FINO AL 2000,POI HO MANTENEVO LA FAMIGLIA HO PAGAVO LE TASSE. HO CHIUSO LA MIA ATTIVITA’ NEL 2015 CON 230000,00 EURO DI DEBITI CON INTERESSI DI EQUITALIA, ADESSO A 62 ANNI COSA FACCIO?
    IO UNA SOLUZIONE POTREI ANCHE AVERLA,MA NON DARO’ NESSUNA SODDISFAZIONE AI NOSTRI,PER MODO DI DIRE,GOVERNANTI. DOVREBBERO DARE UNA MANO A NOI QUESTI BAST…I, NOI SIAMO UNA GRANDE FAMIGLIA , SI MA DI COSA???????

  9. marco says:

    Io non pago da 10 anni…per il semplice fatto che sono un sociopatico
    E proprio per essere da solo che sono costretto a non possedere niente per non avere ripercussioni. Ma sto bene cosi
    Risulto povero ma sono ricco
    posso corrermi dietro finche vivo.
    Bisogna essere zingari per vivere bene senza pensieri.

  10. antonello says:

    Tutti vero tutti giusto w lo sciopero fisc.ma rimane solo da scapare dall italia perche la disunita l Handicap dell ignoranza e il leccaculismo ce sempre stato prendete il mapamondo e scegliamo un posto migliore x i nostri figli e nipoti in boca a lupo ce

  11. Lorenzo says:

    C’è anche da considerare questo :
    http://www.oppt-italia.org/one-peoples-public-trust

    Buona Pasqua <3

  12. alfamark says:

    forza signori ,diamoci una mano perche non lasciamo l’auto per un mese a casa ,?perche non smettiamo di fumare tutti per un mese ,e non paghiamo niente fermiamo i consumi tutti insieme ,sicuramente abbassano l’iva la benzina le sigarette ed altro ,questo e l’unico modo per vincere contro questo schifo di paese (parlo di politici )p’ensate se dovessimo andare via tutti dall’italia rimarebbero solo loro cosa farebbero’?diventerebbero’cannibali e si mangiano tra di loro .
    spargete la voce del popolo italiano ormai stufo di questi che stanno al potere ,viva il popolo!!!!!!!!

  13. Grancesco says:

    Ciao, cosa succede se sono autonomo non pago le tasse e non ho nulla intestato?

    Possono mettere le mani nei conti correnti? Come?

    ciaooo

  14. Baloo says:

    A Gandhi ha funzionato perché si trattava di sconfiggere un governo alieno fatto di stranieri, gli inglesi, mentre con noi non funzionerà mai perché il governo è fatto da noi stessi.

  15. Bartolo says:

    Salve,da tempo dico di fare lo sciopero fiscale,prendete me,agente di commercio,clienti che non pagano il lavoro che ristagna,devi girare con l’auto e…il diesel..io lo pago,mica come i nostri parassiti che non sanno neanche la quotazione,assicurazione,rischio che sei sempre in auto,deterioramento vettura,in cerca di lavoro dalle 6 alle 22 e questi dicono in tv siamo in recessione…loro che ogni mese ricevono il rubato emolumento,se vogliono fare la politica,come dicono per passione,€ 2000 al mese o andassero a fare in c…o e provassero il quotidiano.
    Ripeto un’arma l’abbiamo pacifica,……SCIOPERO FISCALE…
    Un italiano,come tanti,incazzato nero

  16. carmela says:

    Si sono d’accordo a tutto quello che avete detto, ma se le tasse non si pagano noi poi non saranno i nostri eredi ad avere questo fardello?

  17. piero says:

    salve ho 34 anni con rammarico ho appena chiuso la mia azienda d’informatica dopo 13 anni, in tutti questi anni avró dato allo stato tra inps,inail,tares,iva,irpef,ires,diritti camera di commercio,irap,canone rai,rif.speciali,tassa zona rimozione, tassa insegna circa 212,000 euro…… io ho dovuto mollare perchè vivevo per arricchire lo stato,ed adesso mi ritrovo senza lavoro ed un debito di circa 30000 euro per 3 studi di settore che mi hanno fatto in quedti anni dove a loro dire la mia contabilità non era congrua. Io credevo nello stato italiano e la sua storia, oggi credo che siamo la concordia in mare aperto che sprofonda, che siate di destra o sinistra conta poco poichè la politica ed i loro complici non conoscono nessuno, loro vanno in tv sparano 4 minchiate e quelle 4 minchiate il giorno dopo al bar creano dissenso inutile perchè tanto sono solo minchiate,ogni singolo politico da noi vuole solo il VOTO tutti il resto è noia!!

  18. luigi says:

    Io sono un pensionato,ma se dovessi decidere per protesta di non pagare le tasse perche’ sappiamo che queste vanno a rmantenere immigrati e rom,possono rivalersi sulla mia pensione,detraendomi la quota in base a quello che non ho pagato?

  19. ANDREA says:

    PIETRO GRASSO FATE TUTTI SCHIFO,. APRITE LA PORTA E VEDETE COSA C’è FUORI DALLE VOSTRE CASE. ATTENTI CHE SE SCOPPIA LA RIVOLUZIONE CI RIMETTERE. PERCHE’ COME NELLE PRECEDENTI RIVOLUZIONI POPOLARI, COME AGENTINA, LIBIA, ITALIA, FRANCIA, ROMANIA ECC… IL POTERE VIENE OSCURATO E DECAPITATO. CERCATE DI USCIRE DALL’EUROPA- FATE UN REFERENDUM PER QUESTO. SIATE UN POCHINO ONESTI E FATE CIO’ CHE E’ DA FARE

  20. roberto says:

    Non voglio fare il furbo. Sono pensionato da 1.600.00 € ho solo la pensione già pignorata presso terzi per 150,00€, oltre 400,00€ di detrazione mantenimento figlio di anni 22. Non possedendo nulla , solo l’auto, se non pago nulla, cosa mi può accadere?
    Grazie

  21. Piuttosto di pagare le tasse capestro e l’ usura legalizzata ho ceduto ogni mio avere all ‘ Associazione che ho costituito e a tutti i soci ho gratuitamente ceduto ogni diritto di proprietà suddividendolo in quote gratuite e regalando prodotti e denaro, oltre alla mia personale contribuzione di ogni guadagno a favore di chi ne ha bisogno.
    Preferisco dividere tra fratelli il mio lavoro, piuttosto che farmi depredare da uno Stato che distruggendo il lavoro di anni, ruba ogni diritto trasformandolo in doveri dai quali sfuggire e’ impossibile.. Fondate associazioni prima che la Finanza lo impedisca. Basta pagare tasse.. Io distribuisco ogni avere tra chi ne mancai su di me…
    E’ un reato conmpartecipare all usura e sostenerla pagando. Chi paga le tasse e’ apertamente nemico dell ‘ uomo e di Dio..
    E la Chiesa che istiga a delinquere sostenendo uno Stato di servizi armati e punitivi deve essere espropriata di ogni avere sottratto….
    Non si fa il francescano errante senza prima spogliarsi di ogni possesso.. La donazione deve essere pretesa da questi sistemi corrotti.
    Così dico ad ogni organismo commerciale e finanziario di versare la decima del frutto rubato negli ultimo 15 anni, interessi compresi e sia distribuito denaro contante ad ogni testa di italiano che sia nato e stenti a sopravvivere in un sistema di ladroni corrotti.
    Ricchi versate la decima al popolo o sarete presto costretti a pagare con la novantesima parte del vostri averi, nella rivoluzione sociale che sta iniziando, non violenta e nel nome di Crisro.. E fuori dal corteo preti falsi che non portino sandali a piedi nudi, come siamo finiti in anni di soprusi armati e di galere minacciate.
    Non si arresta e non si manda in rovina chi lavora..ne’ in galera..ma lo si sostiene in una ripresa , finanziando e assorbendo il debito di ogni imprenditore in crisi con il denaro sottratto in tasse per riempire le tasche di politici scaltri che acquistano proprietà sequestrate a prezzi irrisori.. Un esempio. ? Uno stabile di 4 piani e 16 appartamenti , ceduto da Tribunali a 40 volte meno del vero prezzo di mercato. Si fanno fallire aziende per permettere a chi possiede il denaro per acquistarle in Aste fallimentari dove più del terzo del valore serve solo per pagare e riempire il conto di curatori fallimentari che rubano più di veri ladri, forti della Legge che difende questi criminali, fuori tempo e fuori dalla storia..sarete inabissati in un Regno in cui venderete le natiche pur di sopravvivere. Prendere esempio dal Cristo, che presto si farà sentire e si presenterà per lo spettacolo finale… Ride bene chi ride ultimo…lo avete inchiodato ma lui ha mani e piedi liberi e non potrà fermarlo nessuno, nemmeno un ipocrita gesuita, travestito da un frate che non appartiene alla chiesa cattolica, ladra e sostituto di un Regno che amministrerà la Terra e la sua economia..

  22. marioman says:

    Mah! Se lo stato fosse efficiente allora sarei d’accordo con tutta questa tassazione a vanvera, ma in un paese dove si è dimostrato che più si paga e meno si ha, credo che in questi casi la difesa è il miglior attacco, pertanto ognuno attui la sua propria difesa fiscale nel modo più efficiente possibile

  23. Andrea says:

    Le tasse non vanno più pagate perché stati e banche sono stati tutti pignorati… Informatevi su OPPT e vedrete!!

  24. giuseppe modenesi says:

    Complimenti Rossella Fidanza, quello che scrivi è tutto vero:
    Io sono un ex Funzionario dell’Agenzia delle Entrate di Parma, ora in Pensione.
    Ci vuole solo un po di pazienza e di precisione, poi diventa quasi un gioco a ritardare i versamenti e spendendo solo il 2%, che vengono recuperati evitando di pagare gli interessi alla banca.

  25. Dan says:

    Certo che è assurdo dover fare tutta sta lisciata di pelo per convincere qualcuno a difendere i propri legittimi diritti.
    Le tasse non si devono pagare perchè esistono le scappatoie e perchè il fisco “ce lo possiamo fare amico” ma perchè dentro di noi deve esplodere un rigurgito di rabbia tale da portarci a delegittimare l’intero sistema.
    Un sistema delegittimato perde istantaneamente ogni forma di autorità sulle nostre persone e le nostre proprietà, altro che “se non dichiari sei un evasore”. Non si ha niente da dichiarare a chi non è più legittimato e riconosciuto a governare le nostre vite.
    Oltretutto su quale principio si può dire “oggi non pago perchè tanto ci metteranno tanti anni a capirlo e poi ci saranno solo il 2% di interessi” ?
    E se stanotte cambiassero qualche regola ed il 2% si trasformasse in 20% ?
    Fortunatamente l’italia è sempre stata una sega in quanto ad informatizzazione ma chi ci dice che di fronte alla volontà di fare cassa, non accelerano proprio la gestione fiscale e quello che prima ci volevano 2 anni di attesa dopo scatta nel giro di due mesi ?
    In breve si può giocare secondo le regole contro qualcuno che quelle regole può cambiarle a proprio piacere ?

    • Caro Dan devo deluderti, sappi che nella pubblica amministrazione l’apparato oggi più informatizzato, e abbastanza bene, è proprio l’agenzia Entrate, mica fessi i nostri padroni!

      • Dan says:

        2 anni per accorgersi che uno non paga non sono proprio un bel risultato di efficienza.
        Hanno parecchio spazio per migliorare e se vogliono sono convinto che ce la possono fare.

    • Io invece concordo, se si è coerenti lo stato lo si rifiuta in toto, non è che seguo le regole quando mi fanno comodo, o faccio la “rivoluzione legalizzata”. Io all’italia non devo nulla e cerco di dargli il meno possibile, che a loro vada bene o no. Ah sì, ci vuole coraggio invece che furbizia, ma credo che la furbizia abbia generato mostri come l’italia e preferirei non ripetere l’errore.

  26. Amedeo says:

    Venti anni fa, queste cose, le aveva spiegate bene il prof
    Gianfranco Miglio.

  27. Asterix says:

    Buon articolo , ma ancora con sto “NOI ITALIANI” ? ?

  28. Garbin says:

    Allora qualcuno con le idee chiare c’è da qualche parte, secondo me ha ragione non pagare le tasse è l’unica strategia efficace per mandare a casa ladri e parassiti.

    Per come è messo questo paese basterebbe anche che tutti smettessero di giocare al lotto e menate varie.

Leave a Comment