Disastro Italia: nel 2012 il fatturato dell’industria crollato del 9,2%

di REDAZIONE

Il fatturato dell’industria a dicembre e’ salito dello 0,8% rispetto a novembre ma e’ diminuito del 9,2% rispetto a dicembre 2011 (rpt 2011). Lo rileva l’Istat. Gli ordini di dicembre sono diminuiti dell’1,8% su novembre e del 15,3% su dicembre 2011.

I dati Istat su fatturato e ordinativi industriali “sono l’ennesima dimostrazione del crollo della domanda interna dovuto al fatto che le famiglie sono ridotte sul lastrico e che la speranza di uscire dalla crisi per le industrie italiane sta solo nella ripresa delle esportazioni”. Lo rileva il Codacons. “L’Italia uscira’ dal tunnel – scrive – solo grazie alla domanda estera, quando la recessione mondiale sara’ finita. Andare al traino degli altri, pero’, significa perdere ulteriori posizioni rispetto ai paesi che faranno da locomotiva, come la Germania”. “Unica possibilita’ di invertire la rotta, oltre a ridare capacita’ di spesa alle famiglie italiane, e’ ridurre i costi delle imprese che oggi sono superiori rispetto a tutti gli altri paesi Ue: banche, assicurazioni, carburanti, luce, gas, telefonia”. “Per questo – prosegue il Codacons – la priorita’ del prossimo Governo dovrebbe essere quella di ridurre lo spread che le famiglie e le imprese italiane pagano contraendo un mutuo rispetto ai tedeschi, eliminare le commissioni di istruttoria veloce e la commissione disponibilita’ fondi, insomma aumentare la concorrenza dando la possibilita’ ai clienti di non essere prigionieri delle loro banche o di dover pagare balzelli assurdi”.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

Leave a Comment