OLIVIERO DILIBERTO, IL “MARIUOL DELL’AVVENIRE”

di TONTOLO

Personaggi come Oliviero Diliberto possono avere diritto di cittadinanza solo a Pulcinellaland, noto parco divertimenti per i più abietti personaggi usciti indenni dal crollo del muro di Berlino.

L’altro ieri, mentre percorrevo con la mia Apecar le mulattiere della Valsabbia, ho sentito questo signore negare l’evidenza durante un’intervista radiofonica. Ha sotenuto, infatti, che lui non aveva visto la scritta sulla maglietta di una sua simpatizzante “popputa e ingioiellata” che recitava: “Fornero al cimitero”.

Non mi sono meravigliato delle sue parole, dato che essendo lui un comunista orgoglioso non può che essere un mentitore di professione. L’ideologia a cui appartiene – tra soli dell’avvenire e fiori recisi – è fondata sulla bugia sistematica. I gulag? Non esistono! Piazza Tienanmen? Un complotto capitalista! Non c’è libertà a Cuba? Propaganda americana. Fornero al cimitero? Chi l’ha visto…

Diliberto è uno statale, figlio della borghesia cagliaritana, che vive di soldi altrui da una vita. Passerà alla storia per aver riportato in patria una terrorista – Silvia Baraldini – e per aver vissuto da benestante blaterando di classe operaia.

Di lui si dice che non ha mai avuto una passione particolare per Mao Tse Tung. La nemesi storica vuole che oggi sia consulente del governo cinese nella riscrittura del codice civile del “Paese giallo”, fondato sul mito del partito unico, sul perfetto funzionamento dei laogai e sulla persecuzione dei dissidenti.

Il suo faccione da persona erudita, che infila il termine “democrazia” ogni due frasi che pronuncia, mi fa tornare alla mente le parole di Marcel de Corte, che diceva: “Il comunismo non è altro che l’intellettuale moderno al potere, convinto di saper convertire in realtà il mito che il suo cervello, sradicato dalla realtà, ha concepito in un mondo di cui egli è il solo autore”.

Fatelo tornare coi piedi per terra, questo “mariuol dell’avvenire”. In alternativa, l’Italia potrebbe scambiare lui e Rizzo con i due ostaggi in mano ai maoisti dell’Orissa. In questo modo, tutti tornerebbero a casa loro.

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

15 Comments

  1. Drago78 says:

    E poi il bello è che dice pure “Non ho visto la maglietta…” AAUHUAUAHUAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA… pensando di avere a che fare con coglioni, sti comunisti sono davvero poco furbi LOL.

  2. i comunisti veri non hanno nulla a che vedere con quel radical chic,quello è ed è sempre stato una canaglia, sanguisuga e traditore!!!!!!!!!

  3. ingenuo39 says:

    DOMANDA?
    Ma il sig. Diliberto, campa ancora con i nostri soldi ?
    Grazie

  4. luigi bandiera says:

    Mah…
    io non capisco perche’ una maglietta nera faccia cosi’ tanto scalpore.
    Per la scritta che c’e’ sopra..??

    Io, mentalmente perche’ so che sono immerso nel fariseiatico mare trikolorito, la penso peggio..!!

    E sempre io, oltre a quella lì che – “piange” e RIDE -, ne aggiungerei diverse manciate di altre persone per metterle in tel rogo. L’e’ che si surriscalderebbe il pianeta data la grande fiamma che si otterrebbe.

    Non serve tribunale… i traditori si eliminano lì sul posto.
    Con qualsiasi mezzo idoneo. Come fecero gli amiconi loro con la LAMA CADENTE o GILLETTE.

    E se questi non ci hanno tradito dite chi e’ da condannare per TRADIMENTO..!!

    I PEONES..??

    Hanno tradito la cosiddetta DEMOCRAZIA. questo basta per la condanna senza pieta’ dato che loro con noi non ne hanno.

    Anche su L’ULTIMAPAROLA tutti indignati… per tre parole.

    MA CHE STATO DI FARISEI E’ MAI QUESTO..???????

    Tutti i “dodici” CAPI FARISEI sarebbero da “sistemare”.

    Magari non col rogo o con la lama cadente, ma coi FORCONI..!!

    MA ABBIAMO O NO CAPITO COSA STANNO COMBINANDO MO QUESTI LOSCHI FIGURI CHE -PIANGONO E RIDONO – SULLE NOSTRE SPALLE..??

    I FATTI (di cui la verita’) non si leggono mica..??

    I morti per la disperazione sono causa nostra..??

    Mi viene da cantare una canzone di Bruno Martino, con il remix personale, poche parole:

    “e la chiamano estate (democrazia)
    questa estate (democrazia) senza te (popolo)…

    E le chiamano notti (tasse)
    queste notti (tasse) per te (popolo)…”

    QUESTI DITTATORI SONO PERFINO DIFESI DA TUTTI GLI INTELLIGHENTI a tre kolori. Non parliamo dei politici super trikoloriti.

    Forse era meglio scrivere non la fornero al cimitero (per far la rima, poverina lasciamola piangere e ridere e contar i sschei), ma il governo all’inferno..!

    Eppoi, e’ inutile chiaccherare se non si cerca di FARE qualcosa.

    Devo ricominciare io che ho un piede gia’ nella tomba..??

    Tontolo: il governo all’inferno..!!

    Beh, Mors tua, vita mea… kax, come se scrive in dialetto latino..?
    .
    .
    An salam

    • luigi bandiera says:

      Ma capite..??
      La maglietta fa danni non il govero..!!

      Ma che si deve fare o cosa deve succedere per VEDERE LA TRAVE e non la PAGLIUZZA..?????

      BASTA ITAGLIA
      BASTA GOVERNO che sta meglio all’INFERNO..!

      Amen

      • luigi bandiera says:

        E sempre a proposito della PAGLIUZZA:

        ” Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello, e non t’accorgi della trave che è nel tuo? Come puoi dire al tuo fratello: Permetti che tolga la pagliuzza che è nel tuo occhio, e tu non vedi la trave che è nel tuo? Ipocrita, togli prima la trave dal tuo occhio e allora potrai vederci bene nel togliere la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello”.

        La maglietta e’ meno della PAGLIUZZA…

        IL GOVERNO E’ UNA TRAVE ENORME..!!!

        FARISEIO..??

        RIPOSATEVI per favore.
        .
        .

        Qua qualcosa non mi QUADRA. Non mi TORNA, come la cavallina storna.

        POVERI NOI..!!!!!!!!!!

        DESAPARECIDOS siamo..?

        Pare di si..! E in tutti i sensi..!
        .
        .
        .

        Amen

  5. Giorgio Milanta says:

    Personaggi come Oliviero Diliberto meritano la cittadinanza coatta in un gulag siberiano, a tempo indeterminato.

  6. nbhvfvmhm says:

    perchè manca nome e cognome dell’autore dell’articolo?
    perchè si dice che la base dell’ideologia comunista è la menzogna quando invece tutti sanno che è il marxismo?
    che rilevanza ha se diliberto ha visto oppure no la scritta sulla maglietta: è tenuto a rispondere dei comportamenti delle persone che girano per strada? pregasi risposta dell’autore del testo

  7. Filippo says:

    Losco sarai tu e tutti i berluscones

  8. Lucafly says:

    IL SOLO PENSARE CHE QUESTO LOSCO INDIVIDUO A RICOPERTO LA CARICA DI MINISTRO DELLA GIUSTIZIA
    MI VIENE IL VOLTA STOMACO.
    SI DICE ANCHE CHE ABBIA BARATTATO LA BARALDINI
    IN CAMBIO DEL SILENZIO SULLA STRAGE DEL CERMIS AD OPERA DEI PILOTI AMERICANOS……CHI SA CAPISCE.

    • kmatica says:

      @Lucafly

      di sicuro con diliberto c’è stata giustizia popolare e mi fido di più di lui – che a torto o a tagione – crede in quello che fa e non nel danaro.
      Per il Cermis di consiglio di leggere:
      http://it.wikipedia.org/wiki/Strage_del_Cermis

      Gli americano non hanno mai risarcito i famigliari delle vittime e un anticipo (oltre al danno la beffa) è stato elargito dalla stato italiano.
      C’è stata anche una commissione d’inchiesta (ove non si sono spelati le mani) di cui tra i componenti vi erano due appartenenti alla lega nord ed un certo fratini del pdl.

      Non dico capire ma almeno cerca di documentarti prima di scrivere castronerie sul web, rischi di essere deriso immediatamente.

      Una cosa è certa che fin quando in circolazione c’è gente come te di sicuro qualcuno farà affari.

Leave a Comment