Caos integrazione in Germania: solo 2 immigrati con requisiti su 100 chiedono il passaporto

di GIOVANNI D’ACQUINOgermania

Sarà anche un paese che accoglie milioni di immigrati, ma chi l’ha detto che quelli che hanno maturato i requisiti per diventare tedeschi di Germania vogliano arrivare alla meta dell’integrazione ed essere cittadini del Paese più pragmatico d’Europa? Due su cento, solo due su cento prendono il passaporto tedesco, come riporta Die Welt.  Anche il ministero dell’Interno sa che uno straniero naturalizzato è un cittadino leale e meglio integrato, perché  la naturalizzazione è il “passo decisivo sulla via dell’integrazione”.

Già, ma funziona? No, per nulla. Forse ci sono ragioni di ordine pratico, il costo del processo di integrazione, l’apprendimento della lingua… Forse, ammette Die Welt, “Si può benissimo vivere bene senza un passaporto tedesco” e anche il diritto di voto, ha poca attrazione, visti i tempi. Quanto poi alla libertà di movimento, “gli immigrati provenienti da paesi terzi con permesso di soggiorno illimitato nell’UE godono di diritti simili a quelli tedeschi”. Insomma, perché “sbattersi”? Poi c’è anche il caso Turchia, i cui cittadini residenti in Germania “non vogliono rinunciare alla loro cittadinanza precedente. Non vogliono tradire il loro paese di nascita”.

Altro “deterrente” è che il passaporto tedesco non cambia la percezione che i tedeschi hanno dello straniero, non sono insomma accettati come tedeschi. E non ha vantaggi per trovare un alloggio e inserirsi nella vita sociale. Insomma, la “nazionalizzazione” rappresenta per gli stranieri un passaggio doloroso da una identità all’altra.

L’integrazione non è scontata, diventare tedeschi non è più uno status simbol.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. Dan says:

    La domanda semplice è: quali vantaggi offre essere cittadini tedeschi o di un qualunque altro stato europeo ?

    Si viene buttati fuori a calci dopo tot mesi ? No.
    Dopo un primo periodo “perchè profughi” (o giù di lì) vengono tagliati viveri e supporto rendendo la permanenza sul territorio impossibile ? No.

    Sostanzialmente si può continuare a navigare in quel limbo dove i diritti continuano a piovere dal cielo mentre i doveri continuano a rompere le scatole a tutti gli altri, primi fra tutti trovarsi un lavoro e pagare le tasse, tutte e puntuali come tutti gli altri cittadini tedeschi.

    E’ come la storia delle carceri. Se prendi un criminale condannato per qualcosa e oggi gli sconti la pena, domani gli fai un indulto, dopo domani gli permetti di patteggiare qualcos’altro, ogni giorno gli alleggerisci ciò che deve giustamente pagare e magari un bel dì lo devi anche rimborsare per il disturbo di averlo tenuto in una cella che non era sistemata come un cinque stelle, quale insegnamento pensi avrà tratto il tizio da tutto questo ?
    Che il crimine non paga ? Che è meglio comportarsi bene secondo le leggi ?

    Ah sì, ovviamente rimane quel glande vantaggio del cax che è il diritto al voto, se non sei cittadino non puoi prendere parte al giochino coglione di credere di contare qualcosa ma sai la tragedia…

Leave a Comment