DENUNCIATI SATANISTI: HANNO UCCISO 300 GATTI NERI

di REDAZIONE

Dodici gruppi ”esoterico-satanisti” che operano nel centro-nord Italia sono stati denunciati dal presidente nazionale dell’Associazione italiana difesa animali ed ambiente (Aidaa), Lorenzo Croce, per l’uccisione di 300 gatti neri. Lo annuncia l’associazione animalista in una nota, precisando di aver denunciato all’autorita’ giudiziaria 34 adepti di questi 12 gruppi per il reato di maltrattamento e uccisione di animali ai sensi dell’articolo 544 ter del codice penale, sulla base di ”oltre 300 segnalazioni giunte al servizio online di tutela degli animali che facevano riferimento a sparizioni di gatti neri in diverse zone del Piemonte, Lombardia, Liguria Emilia Romagna, Veneto e Lazio”. Secondo gli animalisti, i 300 gatti neri sono stati ”rapiti ed uccisi nel corso di riti e sacrifici a satana” tra il 2007 e il 2012.

”La denuncia – precisa Aidas – riguarda in particolare le sette operanti nella zona di Cairo Montenotte in Liguria. Alba, Val Pellice e valli del Cuneese e alto Verbano in Piemonte; in Valtellina (Zona Morbegno e Val chiavenna), Basso Varesotto (Zona diga del Panperduto nota anche come zona operativa delle Bestie di Satana) e nella zona dei boschi del parco delle Groane in Lombardia; Per quanto riguarda il Veneto la segnalazione riguarda un gruppo esoterico che in un paio di occasioni, nel 2007 e 2008, avrebbe operato con i propri riti nella zona del cimitero di Lazise.

In Emilia il gruppo esoterico è operativo nella zona del Modenese ed in particolare nelle vicinanze del comune di Mirandola ed infine per quanto riguarda il Lazio i gruppi segnalati sono due, uno operante nella zona del cimitero del Verano a Roma e uno operante nella zona di Montefiascone sul lago di Bolsena in provincia di Viterbo”.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. Marco says:

    Non ho nessuna simpatia per le sette esoteriche ma d’altra parte non ho nessuna stima per questi animalisti che, senza uno straccio di prova e sulla base di quella che sembra essere una leggenda metropolitana, si mettono a denunciare 34 persone.

    Del resto l’equazione “gatto nero scomparso” = “gatto sacrificato dai satanisti” è talmente assurda da non poter essere presa minimamente in considerazione da una persona ragionevole.

    C’è però da dire che in questo periodo di merda l’animalismo “tira” molto, sia a livello di funzionari di “sctato” che di mass-media che di politici in cerca di facile consenso e quindi è normale che gli “amanti degli animali” calchino la mano; del resto sono appena riusciti a far svuotare un allevamento in regola come Green Hill, impossessandosi gratuitamente di cani beagle di razza purissima che erano destinati ai laboratori della sperimentazione animale, per ottenere quei medicinali necessari a curare e salvare i nostri malati.

    Nessun politico di vertice ha avuto le palle per opporsi, sottolineando l’assurdità della cosa e stigmatizzando le bugie raccontate dagli animalisti: la conquista della libertà per il cagnolino dagli occhi dolci (che non è vero che con la S.A. sarebbe destinato a “morte certa”) conta più della speranza di guarigione per chi è ancora alla ricerca di una cura per la sua malattia.

Leave a Comment