Della libertà di tutti…

tanko-300x200riceviamo e pubblichiamo

 

Sta passando inosservato un fatto drammatico che riguarda la libertà e la democrazia di tutti.

Noi siamo indipendentisti veneti e la vicenda ci tocca da vicino. Tuttavia gli elementi strutturali della vicenda entrano nel giardino di libertà di ciascuno.

Sono in corso a Brescia le udienze per il rinvio a giudizio del gruppo che per enfatizzare le istanze indipendentiste ha pensato di allestire il Tanko 2. Non descriverò il ridicolo della fattispecie perché mi interessa maggiormente evidenziare ciò che il Sostituto Procuratore della Repubblica di Brescia, il dott. Nocerino, ha affermato durante il suo intervento: “Auspicare l’indipendenza è da considerarsi eversione!”.

In buona sostanza l’avvocato difensore dei diritti della Repubblica, il Pubblico Ministero, infischiandosene di una legge italiana (vedi lg. 85/2006 sui reati di opinione), della Costituzione italiana e di almeno cinque trattati internazionali sottoscritti dall’Italia si è issato su una sommità di preconcetto che deve allarmare tutti i cittadini.

Oggi tocca agli indipendentisti veneti, ma domani potrebbe interessare qualunque bravo cittadino nell’esercizio della sua libertà.

Sarà opportuno che ciascuno butti un occhio per vedere cosa succederà il 17 marzo: noi saremo a Brescia a manifestare la vicinanza ai 34 imputati indipendentisti veneti con la consapevolezza che la posta in gioco va ben oltre.

 

Massimo Vidori                                                                                              

1° Consigliere

per il Consiglio Nazionale di Indipendenza Veneta    

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

3 Comments

  1. Ric says:

    Governatori dei miei stivali , aprite almeno bocca , protestate per nome e per conto del popolo che vi ha eletti , spiegate con agenzie e comizi al mondo intero che quello dei serenissimi non è reato , ma celebrare quel processo è il vero reato !

  2. Ric says:

    Il fatto che ci si muova con passi felpati ed altrettanto procedere con super cautela circa parole e giudizi sulla ridotta libertà è evidentissimo . Ciò la dice lunga sull’equidistanza precauzionale che come la paura fa novanta ed è e rimane il motivo principe del fallimento della nostra indipendenza .
    Come mai ogni pretesto è buono per spaccare tutto come a Napoli per una scoreggina di Salvini ?
    Questa gente non subirà alcun processo perché tali comportamenti sono voluti ed incentivati .
    Risarcire delinquenti e mantenere mafiosi istituzionali è realtà ed a quanto pare destino .
    La libertà è compromessa perché possono processare l’unico atto simbolico indicante che per provare orgoglio in una esistenza degna di essere vissuta occorre coraggio e mostrare determinazione .
    Continuiamo a girarci ancora intorno ed a farci male !
    Facciamo sgomberare le stalle dove i parassiti usurpatori bivaccano e pasteggiano col sangue dei giusti , oppure si taccia per sempre .

Leave a Comment