Napoli come la Svizzera. Il film di De Laurentis

di DISCANTABAUCHIsoldi in svizzera

Una volta Napoli era un’altra cosa. C’era persino un decreto prefettizio che indicava come pulire la mattina le strade dei vicoli, come rimuovere i rifiuti degli artigiani. C’era la reclusione per chi conferiva l’immondizia abusivamente altrove. Ma accadeva secoli fa. Ci ritorneremo su queste pagine, giusto perché i politici hanno la memoria corta. C’aveva provato Bassolino, con sul rinascimento partenopeo, poi la Russo Jervolino… ma finché a decidere sono altri, e finché la politica resta quella che è, non si va lontano. Per governare Napoli serve l’Esercito.

Per trasformare Napoli in una piccola Svizzera, cosa che si auspica Aurelio De Laurentis, bisognerebbe ricostruire le fondamenta. Spostare Napoli su Marte per qualche mese, fare come fa la Marcuzzi con le case nuove di zecca regalate a chi sogna un futuro pulito e sano, e riportare i napoletani dentro una città ripulita dalla camorra e dalla rassegnazione. Un film? Sì. L’appello di De Laurentis è questo: “Napoli è una Eldorado con le pepite d’oro nascoste e sporche di fango. Basterebbe mettere a regime tutte le possibilità del territorio per tirarne fuori una piccola Svizzera“, e se ci fosse “una rete di cento napoletani che hanno a cuore la Campania e volessero metterci la faccia e il denaro, io ci starei”.

A patto, occhio, che si ottenga “dal premier Renzi una legge speciale per ricostruire la città, senza se e senza ma”. “Gli imprenditori – si spiega meglio in una intervista a Il Mattino – devono poter investire senza intoppi burocratici” e “chi investe in Campania per dieci anni non paga le tasse. Parlo di investimenti nuovi e di utili detassati. Sarebbe un bello sprint”. 

Non appare mai la parola “legalità”. Ma quella “no tasse”, “no burocrazia”, “legge speciale”. Signor De Laurentis,

scusi, forse io sono un sempliciotto, ma Napoli non è già una zona franca? Legga qua: http://www.comune.napoli.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/23527

Aspetti, leggiamo insieme:

“Con Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 13 gennaio 2014, è stato adottato il bando per l’attuazione dell’intervento in favore delle micro e piccole imprese localizzate nelle Zone Franche Urbane della Regione Campania di cui al Decreto interministeriale del 10 aprile 2013.
Per la ZFU di Napoli est l’intervento prevede la concessione di  agevolazioni sotto forma di esenzioni fiscali e contributive per complessivi 15.900.658,44.
Le domande di accesso alle agevolazioni potranno essere presentate dalle ore 12.00 del 7 febbraio 2014 e fino alle ore 12.00 del 28 aprile 2014, esclusivamente tramite una procedura telematica.
 
L’elaborato denominato “Indirizzi Zona Franca” è stato curato dall’ufficio Toponomastica”.
 
Il bando è prelevabile all’indirizzo:http://bit.ly/1j8YlDn

Poi ne riparliamo, con la Svizzera, De Laurentis, perché solo da lì possono arrivare i politici che mettono in riga Napoli. Non passi per Renzi, chieda di avere in prestito dagli elvetici una squadra di loro amministratori. Poi ci faccia un film.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment