Dazi di Trump sul made in Italy. E Salvini, che non fa l’imprenditore, dice: lo ammiro

salvini trump

di CASSANDRA – L’Europa ha punito gli Usa per la carne scadente, mettendo al bando quella trattata con gli ormoni ed ecco che Trump prende le contromisure. Dazi al 100% su alcuni prodotti simbolo dell’Europa. Panico in Borsa, e subito allarme del mondo produttivo per il rischio di ripercussioni serie sull’occupazione. Preoccupazioni di chi fa impresa, evidentemente, non di chi non ha un’azienda da tenere in piedi. Infatti la reazione di Matteo Salvini è stata quella di plauso. “Io ammiro i leader politici che fanno gli interessi dei loro cittadini. Non capisco perché l’Italia è governata da gente che fa gli interessi degli altri e non degli italiani”. Salvini lo ha detto ieri mattina a Genova “Gli americani -ha sottolineato Salvini- proteggono, gli austriaci proteggono, i francesi proteggono, i russi e gli australiani proteggono, mentre tutti in Italia possono fare tutto e possono entrare le merci e gli uomini che vogliono. Il problema -ha affermato il leader del Carroccio- siamo noi che eleggiamo i politici sbagliati, non Trump, non Putin, non la Le Pen”.  “L’agricoltura e la pesca -ha aggiunto Salvini- sono massacrate, l’artigianato idem, il falso made in Italy ci costa 60 miliardi di mancati introiti, quindi io non penso a barriere, muri o ponti levatoi: penso ad un controllo sulle merci che entrano ed escono, penso a valorizzare i porti come quello di Genova, tenendo nelle città buona parte dei soldi che spariscono, finiscono a Roma, chissà dove. Quindi occorre controllare. Se siamo in parità di condizioni -ha concluso il leader della Lega- il made in Italy non ha rivali nel mondo”.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

2 Comments

  1. luigi bandiera says:

    Beh, da come la gira il tapiro lo darei agli italiani magari quelli che si definiscono di SX perche’, pare ma non e’ cosi’, curano gli interessi del proletariato. (Campa cavallo…)

    Sono anche ammiratore di TROMP. (la pronuncia)

    Va contro i pellerossa e questo non mi garba ma poi il resto mi sembra coerente col pensiero americano o meglio USA.

    Lui e’ stato eletto e non nominato e non capisco tutto sto trambusto… sia in USA che in EU.

    L’alternanza dei poteri rientra nella regola democratica e non nel voglio io fare il demokratiko nominando chi voglio.

    La KST da’ i suoi frutti..! Altro ke forni krematoi… l’e’ peggio..!

    Speriamo che faccia altre mosse a pro nostrum e contro i KOMUNISTI: dov’e’ (…) quello che diceva che i KOMUNISTI non ci sono piu’..????

    Ehi, kamaleonte komunista puoi cambiar pelle fin che vuoi che sarai subito scovato.

    STA SCRITTO: DAI FATTI LI RICONOSCERETE.

    Amen

  2. caterina says:

    … non ha rivali nel mondo e non ci son dazi che tenga per chi se lo vuol comprare, anzi!
    e’ l’Italia che e’ un colabrodo dalle larghe maglie che favorisce speculazioni perfino autorizzate… cosi’ per olio e pesca, per non parlare di vestiario ed elettrodomestici…

Leave a Comment