DAVID RIONDINO: “SONO UN EVASORE PENTITO”

di FRANCO POSSENTI

Anche i comunisti peccano?

«Sono un evasore pentito, me ne dispiaccio. Ho avuto un incidente tecnico che non consiglierei a nessuno»: lo ha detto intervenendo a una trasmissione di Radio 24 l’attore David Riondino, che commenta così il suo coinvolgimento nella vicenda di Gianfranco Lande, il cosiddetto Madoff dei PariolI. «Questo denaro, scudato nel 2009, quindi da tre anni sono un angioletto, per una decina d’anni ha prodotto un presunto guadagno sul quale sarebbe stato doveroso pagare ogni anno allo Stato il 12% di tasse», ha ammesso l’attore. «Io ho regolarizzato tutto con lo scudo. In 10 anni ho investito con Lande circa 450 mila euro che non rivedrò mai più. Questi denari, secondo Lande, erano arrivati a diventare 1 milione e 300 mila euro. Ho scudato quindi pagando 65 mila euro, un quinto di quanto investito, per soldi che neanche c’erano, quindi ho pagato anche troppo». Riondino però non critica lo strumento in sè: «io non demonizzo affatto lo scudo fiscale, è necessario distinguere tra un’attività da crimine organizzato e una serie di incidenti, molto numerosi, che capitano a tutti i livelli, dal pagamento del facchino a quello più alto che può essere il mio. Queste sono delle forme nelle quali si cerca di rientrare. Tutti siamo evasori mediocrissimi».

Insomma l’occasione fa l’uomo ladro? «Beh – ha detto Riondino – al di là della pubblica ammenda, perchè non si deve fare, nelle vite private di molte persone ci sono questi incidenti di rapporto col denaro. O decidiamo di avere un socialismo assoluto con tutti salariati, oppure se si affida al cittadino questa attività imprenditoriale su una materia sconnessa e mitica come il denaro, è inevitabile che lo Stato debba presumere delle forme di recupero dell’irregolarità».

La verità, come dimostrano le parole di Riondino, è che le tasse nessuno le paga volentieri. Ma la propaganda, oggi, sta mietendo le sue vittime.

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

2 Comments

  1. zenzero says:

    Un pirla, colpa del capitalismo il fatto che evadeva. VAFFANCULO RIONDINO SI VERGOGNI DI ESISTERE

  2. Marco says:

    Ha proprio la faccia come il didietro…adesso se la gente evade, o, meglio, se LUI evade, è per colpa del capitalismo, perchè “se ci fosse il socialismo assoluto” tutto si risolverebbe.

    Questi intellettualoidi di sinistra dalla doppia morale non cambieranno mai…

Leave a Comment