Dario Fo: io governatore della Lombardia? Una boutade, ma sto con Grillo

di REDAZIONE

“Io governatore della Lombardia? Una boutade. Ma conosco Grillo da vent’anni e guardandomi intorno preferisco lui agli altri. Non ha difetti, vedo solo pregi. Ha coraggio, si informa, non parla a vuoto. Siamo fortunati ad avere Grillo”. Lo dice Dario Fo alla Zanzara su Radio 24. “Fa bene – prosegue Fo – a vietare i talk show ai suoi ragazzini. In tre battute se li mangiano vivi, non hanno esperienza e furbizia. Il punto G? Ce l’abbiamo anche noi maschi, non era una cosa contro le donne”.

Quanto a Di Pietro, “quello che e’ successo e’ tutta colpa sua, non ne ha azzeccato uno di candidato, e’ come uno che va raccogliere i frutti e si accorge dopo averli comprati che sono tutti marci. Gli dici di fare attenzione, lui dice di si’, ma sbaglia ancora. Ma fai un’inchiesta, sei un ex poliziotto! Lui la fa, ma sbaglia ancora prendendo un altro bandito…”. Poi Dario Fo torna su Grillo: “In privato mi ha detto che qualche volta bisogna ammettere le sconfitte, saper perdere. Si riferiva a quelli che hanno messo in dubbio la gestione del movimento e alla fine sono rimasti… ha detto che bisogna accettarlo”.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

13 Comments

  1. Giacomo veneto says:

    Scusatemi. Pur con grande simpatia per Grillo che mi ha sempre fatto ridere un sacco io ho un dubbio grande come una casa.
    Italia si prende ogni anno 20 miliardi di residuo fiscale dal Veneto. Questi soldi permettono che ci siano 28.000 forestali in Sicilia ed altrettanti in Calabria (in Veneto sono 400) e permettono questi soldi la sopravvivenza della macchina burocratica statale centrale romana.
    Il veneto ha bisogno di essere libero e di poter gestire le sue risorse.
    Se Grillo vince e vuole dare democrazia diretta e rete dovrà pur dare il controllo delle tasse locali alle comunità locali.
    Se farà così Italia cadrà dato che vive sul prelievo forzoso e forzato dal Nord e dal Veneto.
    Come pensa Grillo di risolvere il problema?
    Votare Grillo forse alla fine è votare Grullo?!

    • Aquele Abraço says:

      Nel programma di Grillo la questione nord-sud non è neppure accennata, anzi lui vorrebbe rifondare l’Itaglia facendo leva sulla questione morale e partendo dalla … Sicilia.
      Più grullo di così!
      Non c’è riuscito neppure il compianto Berlinguer (all’epoca in cui il compagno Fò era all’apice della carriera e della fama) di un altro spessore politico rispetto a Grillo, anche se questo è avvallato da Fò ma più che altro per solidarietà e antica simpatia artistica e ideologica.

  2. Unione Cisalpina says:

    Pd,Grillo governera’ da tabernacolo web?
    Bersani; se va a Palazzo Chigi come comunichera’?
    16 novembre, 19:16

    (ANSA) – PORTO SAN GIORGIO (FERMO), 16 NOV – Alcune delle istanze sollevate dal Movimento 5 Stelle sono condivisibili per il Pd. ”La Rete, la democrazia la partecipazione… ma poi c’e’ qualcuno che parla dal tabernacolo”. Lo ha detto Pier Luigi Bersani durante un comizio a Porto San Giorgio. E senza citare mai Beppe Grillo, ha osservato che ”questo e’ il secondo partito d’Italia. Se va a Palazzo Chigi, pensa di governare dal tabernacolo”.

    ekko kuesta dikiarazione di Bersani (di kùi non sono assolutamente fan) mi pare proprio uno spunto interessante da konsiderare sul Grillismo e sua web_mania ke, se ora riesce a naskondervisi dietro e kontrollare il dibattito, non lo potrà + fare in seguito nè sottrarsi ai media ed al dibattito pubbliko televisivo …

    mi kiedo, ministri, sottosegretari, governanti, parlamentari, ecc. kome komunikeranno kol popolo !? … dovranno kiederne dispensa a lui ed al suo guru !? …

    un bell’esempio di demokrazia parlamentare ahahahahahahahahahahah … su Dario Fo, politiko, mi taccio x rispetto alla sua magistrale arte da Grande Padanista …

    è tutto da ridere x non farsi kattivo sangue… kuanto pirloneria pervade la gente di kuesto stato di merda … e kuanti guitti e saltimbanki sulla scena !

  3. Lamberto F. says:

    Forza Roberto,con Cota e Zaia si getteranno le basi per l’indipendenza alla facciacia dei fasciocomunisti che hanno invaso la rete con la loro fetida presenza.

  4. frank says:

    Fo ha fatto di più per la lingua padana e in generale per la Padania di quanto la ganga Bossi&Maroni abbiano fatto in 20 anni di poltrone.
    Per Bellerio si mette male perchè emergono figure come Albertini, Ambrosoli e Fo che possono piacere o meno ma certo non sono accusabili di ladronerie o di campare di politica.
    Lo scarroccione è allo sfascio più totale con diversi deputati, eurodeputati e consiglieri milanesi che già hanno preso contatti con lo stesso albert in vista del si salvi chi può: si parla addirittura di una lista di prossimi fuoriusciti a asostegno della sua candidatura.

    • luigi ragagnin says:

      è verissimo : Dario Fo ha fatto più di bossi per la padania, almeno nel campo della ricerca linguistica. però lo ha fatto senza volerlo, mentre abbozzi ha remato contro, con protervia.

    • Lucky says:

      a te piacerebbe ne? haha rosicca rosicca

    • sciadurel says:

      vero … peccato che la gente culturalmente preparata che è entrata in lega è stata sbattuta fuori dal capò di Gemonio che oltretutto dista solo 5 km da Sangiano, paese natale di Fo

  5. bruno landis says:

    Dario Fo, oltre che un grande attore, un premio Nobel (discutibile, se vogliamo), e un personaggio pubblico con decenni di esperienza, è fondamentalmente una persona intelligente , quindi se esprime l’opinione che Grillo e il M5S sono l’unica alternativa coerente alla marea di guano dove si trova l’Italia adesso, crediamogli !!!
    Bravo Dario !

  6. Lucky says:

    tra repubblichini ci si intende..e ci mancherebbe

  7. sandrolibertino says:

    Grillo: prossimo president of Italy
    Fo’: vicepresidente

  8. mario says:

    Visto che Dario Fò ha descritto la montagna di colore marrone, chissà che non decida un giorno di guardarla dall’alto del governatorato!

Leave a Comment