Dall’ashtag #iorestoacasa a quello #iopervoisvalgo100

di Maria Grazia Mora – Per il governo l’aiuto a una partita iva di 600 euro una tantum è soddisfacente. Magari da chiedere con il click day… non c’è vergogna nel metterlo nero su bianco.
Non è una novità il fatto che l’attuale classe politica dirigente del “bel paese” abbia un astio verso le piccole partite Iva , sappiamo in che parte d’Italia sono concentrate, e sono viste come potenziali evasori e non come costruttori di ricchezza.
Ma la novità è aver messo nero su bianco anche la poca considerazione per il lavoro dipendente. Avete letto l’articolo 63 del decreto cura Italia?
”Ai titolari di redditi di lavoro dipendente di cui all’articolo 49, comma 1, del testo unico delle imposte sui redditi approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, che possiedono un reddito complessivo da lavoro dipendente dell’anno precedente di importo non superiore a 40.000 euro spetta un premio, per il mese di marzo 2020, che non concorre alla formazione del reddito, pari a 100 euro da rapportare al numero di giorni di lavoro svolti nella propria sede di lavoro nel predetto mese”.
Il lavoratore dipendente in emergenza , in pericolo, vale 100 euro in più per il mese di marzo.

Si parlava di blocco totale della produzione per 15 giorni, invece spunta il premio, la famosa medaglia da appuntare al petto.
Il loro rischio al contagio, il rischio a non far fermare questa epidemia vale 100 euro. Starebbero a casa volentieri, al riparo nelle mura domestiche, senza uscire, userebbero anche loro volentieri l’ashtag #iorestoacasa, ma per loro vale l’ashtag #iopervoisvalgo100 . Utilizzano i mezzi, mangiano in mensa , sono in catena senza le introvabili mascherine, lavorano a stretto contatto l’uno con l’altro, ma per fare il loro dovere riceveranno un premio. …. Poi se li trovate in una stradina di campagna da soli a camminare a piedi insultateli pure. Con i droni li controlleranno, ne tracceranno gli spostamenti con il cellulare , ma il dovere quotidiano sarà salvo.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Strade sicure, la via è l'Esercito?

Articolo successivo

Ditelo che volete la legge marziale...